Europa League, finale portoghese: Braga-Porto

Europa League, finale portoghese: Braga-Porto

di Stefano Rosso

 

Il sospetto, visto come si sono delineate le cose dopo gli ottavi di finale, era già quasi diventato una realtà: il Portogallo è diventato re assoluto dell’Europa “minore” conquistando la finale di Dublino.

A vincere la prima semifinale è stato lo Sporting Braga di Palencia: a sorpresa, imponendosi di misura sul Benfica, s’è qualificato in virtù…

Commenta per primo!

di Stefano Rosso

 

Il sospetto, visto come si sono delineate le cose dopo gli ottavi di finale, era già quasi diventato una realtà: il Portogallo è diventato re assoluto dell’Europa “minore” conquistando la finale di Dublino.

A vincere la prima semifinale è stato lo Sporting Braga di Palencia: a sorpresa, imponendosi di misura sul Benfica, s’è qualificato in virtù della rete segnata a Lisbona. A fare la differenza è stata la rete di Custodio – che ha poi addirittura baciato il pallone – a metà della prima frazione di gioco incornando di precisione un corner di Hugo Viana, ma sulla sponda opposta il palo colpito da Saviola ed i miracoli compiuti dal portiere di casa Artur hanno avuto un peso non indifferente nell’esclusione del Benfica dalla finale.

L’impresa di ribaltare il risultato dell’andata, invece, non è riuscita al Villareal di Giuseppe Rossi: come da copione per tutti i rappresentanti del calcio italiano in Europa Legue anche il suo cammino s’è interrotto, bruscamente, prima della finale. Il 5-1 subito ad Oporto era effettivamente un punteggio difficile da recuperare, ma il ‘Sottomarino Giallo’ s’è subito lanciato all’assalto del Porto chiudendolo per oltre mezz’ora nella propria metà campo e passando in vantaggio con Cani. Allo scadere del primo tempo,  però un’autorete sfortunata di Musacchio rimetteva gli ospiti in partita, che raddoppiavano immediatamente in avvio di ripresa, spegnendo di fatto tutte le speranze di finale degli Spagnoli. Tuttavia Giuseppe Rossi&co ci tenevano almeno a ben figurare davanti al proprio pubblico e, con un moto d’orgoglio, trovavano le forze per reagire e ribaltare ancora una volta il risultato con una rete di Capdevilla ed un calcio di rigore trasformato proprio dal giocatore italiano.

L’appuntamento è quindi tra due settimane a Dublino per la finalissima portoghese tra il pORTO FAVOrito e la rivelazione dell’anno Sporting Braga.

 

SPORTING BRAGA-BENFICA 0-1
Arbitro: Atkinson (Sco)
RETE: pt 18′ Custodio
SPORTING BRAGA: Artur, Garcia, Paulao, Rodriguez, Silvio, Custodio, Hugo Viana, Lima (st 28′ Leandro Salino), Mossorò (st 35′ Kakà), Alan, Meyong (st 42′ Helder Barbosa). NE: Cristiano, Echièjilè, Peterson, Anibal. All. Paciencia.
BENFICA: Roberto, Pereira, Luisao, Jardel, Fabio Coentrao, Javi Garcia, Gaitan, Peixoto (st 13′ Jara), Martins (st 36′ Kardec), Saviola (st 42′ Menezes), Cardozo. NE: Moreira, Sidnei, Miranda, Airton. All. Pinheiro.
NOTE – Ammoniti: Artur, Paulao, Silvio (S), Pereira, Luisao, Fabio Coentrao, Peixoto (B).

VILLAREAL-PORTO 3-2
Arbitro: Rocchi (Ita)
RETI: pt 17′ Cani (V), 43′ aut. Musacchio, st 3′ Falcao (P), 30′ Capdevilla, 35′ rig. Rossi (V).
VILLAREAL: Diego Lopez, Gaspar, Musacchio, Bruno, Capdevilla, Matilla (st 12′ Wakaso), S. Cazorla (st 12′ Marchena), Cani, Rossi, Nilmar (st 22′ Senna), Ruben. NE: Juan Carlos, Oriol, Cicinho, Borja Valerio. All. Garrido Fernandez.
PORTO: Helton, Sapunaru, Rolando, Otamendi, Pereira, Guarin, Fernando (st 16′ Ruben Micael), Moutinho (st 7′ Souza), Hulk, Falcao, C. Rodriguez (pt 32′ J. Rodriguez). NE: Beto, Sereno, Maicon, Walter. All. Villas Boas.
NOTE – Ammoniti: Bruno, Wakaso (V), Sapunaru, Otamendi, Falcao, Ruben Micael (P).

 

Semifinali:

  and.         rit.
  2-1        0-1         Benfica-Sporting Braga
  5-1        2-3         Porto-Villareal

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy