Le sette vite di Alvaro Recoba

Le sette vite di Alvaro Recoba

Il Chino Recoba non finisce mai di stupire: a 35 anni suonati, tornato a giocare in Uruguay, fa il suo debutto con il Nacional Montevideo, club che lo ha lanciato prima di essere acquistato dall’Inter, e mette subito a segno un goal dei suoi. Dopo aver ricevuto palla al limite dell’area fa partire una conclusione imparabile di sinistro all’angolino, portando momentaneamente in vantaggio la sua squadra contro il River Plate( non…

Il Chino Recoba non finisce mai di stupire: a 35 anni suonati, tornato a giocare in Uruguay, fa il suo debutto con il Nacional Montevideo, club che lo ha lanciato prima di essere acquistato dall’Inter, e mette subito a segno un goal dei suoi. Dopo aver ricevuto palla al limite dell’area fa partire una conclusione imparabile di sinistro all’angolino, portando momentaneamente in vantaggio la sua squadra contro il River Plate( non si tratta della famosa compagine argentina). Un goal all’esordio che profuma di amarcord: infatti, nel 1997, si presentò ai tifosi nerazzurri con una straordinaria rete dalla distanza, ancora una volta frutto del suo magico sinistro. Interrogato sulla sua nuova esperienza nel calcio uruguagio il Chinito ha dichiarato che giocherà quando e quanto vorrà il mister. I sostenitori del Nacional già sognano altre prodezze, sperando però che il giocatore non palesi la sua cronica discontinuità che lo ha danneggiato nel corso di tutta la sua carriera, compresa l’infelice esperienza in granata.

 

Foto M. Dreosti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy