Martinez premiato in America: suo il Golden Boot MLS. E le punte del Toro…

Martinez premiato in America: suo il Golden Boot MLS. E le punte del Toro…

Il fatto / L’attaccante venezuleano all’Atlanta United ha trovato la propria dimensione: con 31 gol in stagione è il capocannoniere 2018

di Redazione Toro News

Josef Martinez vince il Golden Foot MLS. E’ il premio che si aggiudica il capocannoniere della MLS, il massimo campionato americano, che vive in queste settimane le sue battute finali. Il venezuelano dell’Atlanta United però è già sicuro di essere l’attaccante più prolifico, con le sue 31 reti in 34 partite di campionato. Sommate a quelle del 2017, formano un bilancio provvisorio di 50 reti in 55 partite. Martinez ha certamente trovato la dimensione giusta per esplodere.

Mancherà sempre la controprova di quel che sarebbe potuto succedere se il Torino non avesse deciso di cedere il giocatore all’Atlanta United nel gennaio 2017, per un prestito con obbligo di riscatto dal valore totale di circa 5.5 milioni. Una plusvalenza che all’epoca – e in parte tuttora – è stata dai più definita come un affare d’oro. Di certo, dati alla mano – 76 presenze e 13 reti nel Torino, 43 presenze e 9 reti con il Venezuela – in molti spiegheranno il successo di Martinez oltreoceano facendo presente che il livello del campionato è ben inferiore e così la solidità delle difese. Di certo, però, si tratta di un curioso contrappasso con la situazione del Torino attuale, in cui gli attaccanti fanno fatica a segnare (solo 4 reti da Belotti, Falque e Zaza in 10 partite di campionato). Di certo l’auspicio di tutti è che il trend inizi ad invertirsi, già dal match di domani in casa della Sampdoria.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ANNO1976 - 2 settimane fa

    A me piaceva.
    Era uno che dava l’anima e non si lamentava.
    Come Maxi Lopez.
    Io li avrei tenuto.
    E adesso sarebbero serviti eccome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 2 settimane fa

      Uno come Maxi Lopez servirebbe sempre ma di Martinez che ce ne faremmo? Un attaccante da un gol all’anno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcohelg_385 - 2 settimane fa

    ………….delirio puro………….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. halbert883 - 2 settimane fa

    Articolo degno di chi il calcio non sa proprio cosa sia. Le differenze di gioco fra calcio europeo e calcio americano sono abissali, così come la qualità delle marcature. Ma, redazione, non vi siete mai chiesti perché in certi paesi vi sono tantissimi “campioni” che quando approdano all’Europa svaniscono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Articolo utile quanto le scuse del monociglio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 2 settimane fa

    Bene così, buon per lui, Martinez ha trovato la sua giusta dimensione. Ma meno male che se ne è andato!
    Se mettessimo Martinez a giocare in Italia tra i dilettanti, si potrebbero fare paragoni!
    Non dico Belotti, Zaza o Falque, ma, in quel campionato, i giovanissimi Rauti e Millico credo farebbero meglio di Martinez!
    Io sono angosciata dal rischio del “ritorno alla base” di Nyang: speriamo che Petrachi &Co. tentino per lui la stessa
    ottima soluzione ottenuta x Martinez!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro71 - 2 settimane fa

    Belotti in America non farebbe neanche 10 gol in tutto il campionato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 settimane fa

      Ne ha fatti 10 l’anno scorso nonostante gli infortuni, e 26 l’anno prima. In Italia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

      Complimenti per il sagace commento degno di D’angelo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Junior - 2 settimane fa

    Sono contento per lui. Da noi non c’era futuro. Molta velocità ma tutto là.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 2 settimane fa

    Il livello del campionato americano è certamente basso, però a Martinez non è stata data la possibilità di giocare titolare in serie B e quindi non lo si è potuto giudicare bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GlennGould - 2 settimane fa

    D’accordissimo con alrom4. 50 gol in 55 partite. Pensa che campionato giocano in America.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. alrom4_92 - 2 settimane fa

    Queste cifre la dicono lunga sul livello del calcio statunitense. Martinez a Torino l’abbiamo conosciuto bene e valeva ben poco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Forvecuor87 - 2 settimane fa

      Vedi uno come te scrive una cosa serie e del tutto sensata viste le prestazioni di Martinez a Torino e subito spuntano 12 rincoglioniti che vorrebbero dire che Martinez è un fenomeno. Ma come cazzo si fa! Da noi si scartava addirittura da solo ed una volta davanti alla porta si cagava sotto e la tirava fuori. Fate ridere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy