Red Bull: a Torino torna a rombare la F1

Red Bull: a Torino torna a rombare la F1

di Stefano Rosso

 

La Red Bull sbarca a Torino. Proprio il marchio della famosa bevanda energetica, con tutto il proprio entourage, ha trascorso il week end all’ombra della Mole per il ‘Red Bull F1 Show Run’ riportando nella prima capitale italiana la Formula 1 che mancava dal 1955.

Si riparte proprio da quell’anno, infatti, col circuito cittadino allestito alle porte del Parco del Valentino, su corso…

Commenta per primo!

di Stefano Rosso

 

La Red Bull sbarca a Torino. Proprio il marchio della famosa bevanda energetica, con tutto il proprio entourage, ha trascorso il week end all’ombra della Mole per il ‘Red Bull F1 Show Run’ riportando nella prima capitale italiana la Formula 1 che mancava dal 1955.

Si riparte proprio da quell’anno, infatti, col circuito cittadino allestito alle porte del Parco del Valentino, su corso Cairoli – con box, paddok e animazione varia in piazza Vittorio – per ricordare quel 27 marzo in cui si corse la quinta ed ultima edizione del Gran Premio del Valentino: il pilota ufficiale Red Bull Mark Webber e quello della Toro Rosso Jaime Alguersuari, assieme alla moto di Chris Pfeiffer, quattro volte campione del mondo di Stunt Riding, hanno sfrecciato tra i palazzi barocchi del centro città percorrendo i due kilometri del percorso dando vita a numeri ed esibizioni incredibili.

Sembrava di essere a Montecarlo – ha poi commentato il pilota australiano Webber uscendo dall’abitacolo – l’alternanza di pavè ed asfalto è stato veramente divertente”, mentre lo spagnolo Alguersuari si è lasciato andare a paragoni ben più ingombranti: ”Torino è una città fantastica, mi ricorda Barcellona per la bellezza del centro storico“.

Ecco, evidentemente, il motivo del sopralluogo torinese che il general manager di Red Bull Italia Pedro Silva Nunez fece la scorsa estate.

 

(foto: Redbull.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy