Torino Femminile- C. P. Bardolino 2-2

Torino Femminile- C. P. Bardolino 2-2

Il confronto tra il Torino e il Cento Pose Bardolino, vincitore dello scudetto, doveva essere una partita poco più che dimostrativa, visti i giochi ormai fatti in campionato, e con le semifinali della Coppa Italia alle porte. Le due migliori formazioni della stagione hanno dato vita al centro “don Mosso” di Venaria a una partita molto bella, intensa agonisticamente, nonostante gli oltre 30 gradi di temperatura (a dispetto di…

Il confronto tra il Torino e il Cento Pose Bardolino, vincitore dello scudetto, doveva essere una partita poco più che dimostrativa, visti i giochi ormai fatti in campionato, e con le semifinali della Coppa Italia alle porte. Le due migliori formazioni della stagione hanno dato vita al centro “don Mosso” di Venaria a una partita molto bella, intensa agonisticamente, nonostante gli oltre 30 gradi di temperatura (a dispetto di chi dice che con i primi caldi le formazioni si adagiano a centrocampo, vedi persino la serie A maschile…).

Nelle fila granata erano assenti capitan Miniati, Guardia, la giovane Pisano e le “lungodegenti” Carissimi e Cancelliere, Padovan manda in campo quindi la formazione più logica possibile, con Manieri esterna di difesa ma libera di proporsi da par suo in avanti e Tatiana Zorri schierata al centro del campo, lasciando le fasce a Pamela Gueli e Maura Bruno. Nel primo tempo, le azioni sono subito tambureggianti, con le granata ad avere una leggera prevalenza territoriale e il Bardolino pronto a colpire in contropiede approfittando degli spazi in profondità. Al 10’ il Torino propone una splendida azione “alla mano” di stampo rugbistico, con palla che dalla sinistra viaggia di prima da Manieri a Fuselli, a Ilaria Pasqui, che però non completa l’opera di “mandare in meta” Bruno, liberissima sulla destra, ma calcia in porta dal limite dell’area senza problemi per l’estremo Brunozzi.

C’è aria di bella partita e le attese non vanno deluse. Dopo un minuto Pasqui prova la rovesciata, ma la palla è fuori. Il primo tiro delle ospiti è di Gabbiadini al 13’, senza molte pretese però. Al 18’ Zorri cerca di sorprendere Brunozzi su punizione ma il suo tiro è centrale. Poi il Bardolino prova a prendere l’iniziativa, con un paio di buone iniziative: Riboldi per Panico che si vede chiudere la strada da Rita Caravilla, poi è Gangheri a contrarre una manovra offensiva, infine ancora una parata di Caravilla in due tempi. Ed arrivano anche le due occasioni migliori per le ospiti: al 27’ da corner, Patrizia Panico stacca imperiosa a centro area e la palla è appena alta, al 37’ da punizione di Valentina Boni ancora buono stacco di testa della capocannoniera del campionato che colpisce la traversa. Dopo un tiro di Pasqui parato da Brunozzi al 43’ la prima frazione di gara si conclude con il bardolino pericolosamente avanti: Chiara Cacciatori ferma poco fuori area Boni lanciata a rete, e subisce l’ammonizione. La punizione della regista veronese però finisce senza esito a lato. E finisce anche il primo tempo tra gli applausi generali.

Si prospetta un secondo tempo da ritmi più blandi, specie in vista delle gare di andata delle semifinali di Coppa di mercoledì, ma non è così, anzi le cose più belle devono ancora venire.

E subito al 4’ il Bardolino va in vantaggio. Rinvio controvento di Caravilla un po’ sbilenco, palla recuperata dalle ospiti e Boni lanciata in area nel bel mezzo della difesa granata, libera di colpire. Il Torino non va in bambola come all’andata, anzi reagisce subito con la più bella manovra della gara: sulla destra Bruno ben lanciata in profondità tocca per l’accorrente Silvia Fuselli, che appena dentro l’area lascia partire un gran destro a incrociare sull’angolo apposto. E due minuti dopo la stessa Fuselli si trova a tu per tu con Brunozzi che le chiude bene lo spazio e neutralizza l’occasione sotto misura.

Le azioni si fanno martellanti e all’11 è Melania Gabbiadini che si trova una palla d’oro lanciata in area sulla destra. Il suo pallonetto a incrociare sul palo lontano sorprende Caravilla che si aspettava il cross al centro e accennava ad uscire: è la rete dell’1-2.

Ancora una volta il Torino non molla: al 16’ ottima azione di Pasqui che dal fondo mette in mezzo per Fuselli che tocca ma non riesce a mettere in porta, al 19’ altro tentativo in rovesciata di Pasqui senza esito. Ma al 24’ arriva il meritato pareggio granata: punizione di Zorri dalla destra, a sorpresa Raffaella Manieri colpisce di testa e insacca da centro area. L’ultima seria occasione per chiudere la partita è di stampo granata, ma al 31’ la palla calciata da Zorri su punizione colpisce la traversa. Alla fine giusto pari, con qualche rammarico per le padrone di casa, che chiudono la partita in crescendo.

Mercoledì gara di andata di semifinale di Coppa Italia al parco Ruffini alle ore 15 contro l’Agliana, poi sabato chiusura del campionato sul campo dell’Atalanta.

Torino – Centro Pose Bardolino 2-2 (p.t. 0-0)

Marcatrici: st 4′ Boni (B), 7’ Fuselli, 11′ Gabbiadini (B). 24’ Manieri.

Torino: Caravilla, Gangheri (st 20’ Bosi), Iannuzzelli, Cacciatori, Manieri, Gueli, Zorri, Cantoro (st 43′ Giuliano), Bruno, Fuselli, Pasqui. All. Padovan. A disp. Serafino, Franco, Coluccio.

Centro Pose Bardolino: Brunozzi, Motta, Stefanelli, Sorvillo, Barbierato, Tuttino, Girelli (st 17’ Rodella), Boni, Gabbiadini, Riboldi (st 25’ Lonardi), Panico. All. Longega. A disp. Picarelli, Toselli, Mascanzoni.

Arbitro: Pagliano (Milano); assistenti Solinas (Torino) e Muollo (Torino)

Il dopopartita (di Paolo Ponti)

A fine partita umori decisamente raggianti in casa granata, come sottolinea l’allenatore in seconda Carmelo Roselli: “Abbiamo disputato una grandissima partita, e nonostante le assenze, chi è andata in campo ha dimostrato di saper giocare un gran calcio. In campo si sono viste due squadre, ma su quale fosse la capolista da un occhio esterno non si sarebbe capito. Abbiamo macinato gioco per novanta minuti, mentre loro hanno provato solo in contropiede. Ora c’è l’Agliana, e dobbiamo giocare allo stesso livello. Mettere in sicurezza il risultato per affrontare un ritorno tranquillo”.

Più distaccato il tecnico delle venete Renato Longega: “Il Torino ha dimostrato di essere un’ottima squadra, e questo da più valore alla nostra vittoria in campionato. In questa partita avevano più motivazioni di noi: siamo venute qui per vincere ma il pareggio è il risultato più giusto. Stiamo preparando la coppa Italia, e vorremmo ripetere il successo dell’anno scorso in cui incontrammo il Torino in semifinale. Quest’anno abbiamo la Torres, ma spererei di incontrare le granata proprio in finale”.

Campionato serie A femminile

Prossimo turno 10a giornata di ritorno (sabato 12 maggio ore 15)

Porto Mantovano – Aircargo Agliana 1-2

Il Gioiello Firenze – Atalanta 1-0

Vigor Senigallia – Milan 5-0

Graphistudio Tavagnacco – Reggiana 0-5

Fiammamonza – Eurospin Torres 3-1

Torino – Centro Pose Bardolino 2-2

Classifica:

Centro Pose Bardolino 54 campione d’Italia 2006-2007;

Torino 44;

Fiammamonza 34; Eurospin Torres 31;

Reggiana 30; Graphistudio Tavagnacco 28;

Milan 25; Il Gioiello Firenze 24;

Atalanta, Aircargo Agliana 23; Vigor Senigallia 20;

Porto Mantovano 8.

Prossimo turno 11a giornata di ritorno (sabato 19 maggio ore 15)

Aircargo Agliana – Fiammamonza; Eurospin Torres – Il Gioiello Firenze; Centro Pose Bardolino – Graphistudio Tavagnacco; Atalanta – Torino; Milan – Porto Mantovano; Reggiana – Vigor Senigallia.

Coppa Italia semifinali

Sorteggiati gli abbinamenti delle semifinali di Coppa Italia, che si disputano in settimana con questo programma:

Torino – Aircargo Agliana

Eurospin Torres – Bardolino

Le gare di andata si giocano mercoledì 16 maggio: al campo “Nebiolo” di parco Ruffini a Torino alle ore 15; il ritorno mercoledì 23 maggio.

Gli incontri di finale sono così programmati: andata 2-3 giugno; ritorno 9-10 giugno.

Ufficio Stampa Torino ACF Torino

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy