Volley, Berruto si dimette da Ct azzurro

Volley, Berruto si dimette da Ct azzurro

di Redazione Toro News

Il tecnico della nazionale maschile di pallavolo, grande tifoso granata, lascia la sua panchina: ”Non sentivo più la fiducia”


Mauro Berruto, da fine 2010 tecnico della nazionale italiana maschile di volley e grandissimo tifoso del Torino alla fine ha scelto di dimettersi, per tener fede a quelli che per lui sono valori ”non negoziabili”: il ”rispetto delle regole e della maglia azzurra”. Il tecnico torinese lascia la panchina della nazionale dopo le Final Six della World League e soprattutto dopo aver scelto di rimandare a casa appena prima dell’importante manifestazione 4 giocatori titolari della squadra, Ivan Zaytsev, Dragan Travica, Giulio Sabbi e Luigi Randazzo, per motivi disciplinari; i 4 avevano trascorso la notte lontano dal ritiro azzurro, proprio alla vigilia della competizione.

Questo una parte della lettera che Berruto ha scritto sul suo blog per spiegare la decisione:

Oggi ho comunicato al Presidente Carlo Magri la decisione di rimettere il mio mandato di Commissario Tecnico della Squadra Nazionale di pallavolo nelle mani Sue e del Consiglio Federale.
Il clima generatosi intorno alla squadra, in relazione al provvedimento disciplinare nei confronti di quattro atleti da me deciso in occasione della Final Six di World League a Rio de Janeiro, mi ha reso consapevole di non sentire più quella fiducia completa nel mio operato che sempre ho sentito e che è condizione necessaria per poter svolgere questo straordinario compito.
Il dolore di rinunciare al mio ruolo di CT a un mese dell’obiettivo verso il quale tutto il mio lavoro era stato indirizzato nel quadriennio olimpico, non è negoziabile rispetto alla difesa di valori che ritengo fondamentali quali il rispetto delle regole e della maglia azzurra. Valori che ritengo altresì fondamentali nella mia visione di sport.

Con la Nazionale Berruto a conquistato il bronzo olimpico a Londra 2012, due argenti europei nel 2011 e 2013 e il terzo posto nella World League 2013.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy