Torino-Sassuolo, il doppio ex Vernacchia: “Stadio Grande Torino, sarà magico”

Torino-Sassuolo, il doppio ex Vernacchia: “Stadio Grande Torino, sarà magico”

Intervista / In granata nel ’73-’74 e tecnico neroverde nell’89-’90, l’ex centrocampista ci parla della sfida di oggi e delle sensazioni dopo il match contro la Roma

2 commenti

In vista di Torino Sassuolo abbiamo contattato Lello Vernacchia, che da Torino transitò come giocatore, e al Sassuolo si mise in mostra come tecnico durante l’era Sassi.

Quali ricordi porti delle tue due esperienze nelle due piazze, anche alla luce del diverso ruolo con cui vi hai partecipato?

A Sassuolo giocavamo proprio nella città, non a Reggio Emilia come oggi. Io subentrai, sotto il presidente Sassi, un signore come lo è oggi Squinzi. Il ricordo più bello che tengo di quel periodo è il rapporto con lui, grande persona. Nonostante i buoni risultati, con il direttore sportivo non ci fu intesa e fui esonerato, con tanto di retrocessione: avevao 39-40, ero ancora troppo esuberante. Posso dire che si vedeva già allora una società sana e seria. Poi con Squinzi il livello si è alzato ulteriormente, sotto tutti i punti di vista: sportivo, marketing. A Torino, ho avuto il piacere di allenarmi al Filadelfia, stare lì dentro mi dava tanto. Il Toro non si scorda mai, non se ne può scordare la storia. Siamo però nel 2016, bisogna guardare in faccia la realtà: si vedrà se i giocatori riusciranno a fare qualcosa, anche in ottica del nuovo cambio di denominazione. L’atmosfera sarà magica, vediamo se anche i granata riusciranno a creare qualcosa di magico.

Come hai visto il Torino a Roma, al di là della sconfitta?

Come si fa a prendere due gol in due minuti? Al di là di Totti. Il Toro aveva fatto bene, giocando bene, come Ventura sa fare. Poi sono arrivati i cinque minuti di fuoco. Quello che non ho capito a Roma è stato togliere Baselli per Vives, vista la concomitante presenza di Gazzi. Anche il ragazzo non deve averla presa bene.

Gli ultimi risultati danno garanzia per il prosieguo della guida tecnica di Ventura, a tuo avviso?

Quello che non capisco di Ventura è perché insista sul suo modulo, ci potrebbero essere delle alternative: il 4-3-1-2, ad esempio. Al Torino manca un trequartista, che possa creare superiorità numerica: potrebbe essere lo stesso Baselli, che sa dare l’assist e tirare dai 25 metri, lo ha già dimostrato. Vives gioca troppi pochi palloni per la sua posizione. Anche il 3-4-3 di marca Genoa potrebbe essere un’alternativa. La prevedibilità è un fattore che rischia di penalizzare le prestazioni del Torino. Queste partite diranno molto: se su 4 partite ne bucano 3, il clima intorno a Ventura si farà pesante. Ben vengano le vittorie, ma non devono servire a mettere la polvere sotto al tappeto: la polvere rimane.

Che partita sarà contro il Sassuolo?

A Sassuolo c’è un allenatore che merita la riconferma, ciò che sta facendo è un qualcosa di importante. Questa per loro diventa una partita importantissima per l’assalto al sesto posto. Ci proveranno anche con il Torino, che deve fare molta attenzione. Il Sassuolo, come la Roma, fa la partita, questo è ciò che vuole il Torino: ciò gli permetterebbe di giocare di rimessa, aprendo praterie. Martinez, vista la difesa del Sassuolo, robusta ma lenta, può metterli in difficoltà. Il Torino troverà una squadra che fa un 4-3-3 veramente ottimo, con degli avanti di grande qualità, tra cui Berardi e Sansone. Trotta è stato messo un po’ da parte, gli hanno preferito Falcinelli, che fa i movimenti richiesti da Di Francesco. La qualità del Sassuolo è evidente dalla cintola in su. A centrocampo sono in difficoltà, con Magnanelli, Pellegrini e Duncan nella cerniera, vista la mancanza di alternative. Sarà una partita tosta.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Bravo. Senza troppo girarci attorno a individuato il maggior problema di questo Torino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Disamina perfetta e schietta da parte di Vernacchia, perché non cambiare modulo? Perche sostituire Vives con Baselli? Perché al Toro manca un trequartista? Almeno io non lo so, se c’è qualcuno che ha una risposta è pregato di darla..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy