A cosa è servita la sosta di campionato?

A cosa è servita la sosta di campionato?

Editoriale / Il Torino non corregge gli errori visti col Frosinone e questa volta li paga

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

A cosa è servita la sosta di campionato? La partita contro il Frosinone del 5 ottobre e quella a Bologna del 21 ottobre hanno avuto molto in comune. I granata, contro due squadre inferiori, sono andati avanti di due gol e poi si sono fatti riprendere sul 2-2. Una volta nuovamente sul pari, gli uomini di Mazzarri si sono rimessi a fare gioco e creare occasioni. Contro i ciociari Berenguer ha azzeccato un tiro e il Torino ha vinto, contro i felsinei Zaza ha lisciato un comodo pallone e il Torino ha pareggiato. La differenza è tutta qui, altrimenti parleremmo praticamente di due partite fotocopia, seppure sul piano del gioco il Torino abbia convinto più a Bologna rispetto a quanto fatto contro il Frosinone.

Nei quindici giorni tra una partita e l’altra, la squadra di Mazzarri avrebbe dovuto e potuto lavorare con calma sui propri errori, analizzando soprattutto i motivi del blackout mentale che ha portato al pareggio della squadra di Longo per evitare di commettere le stesse mancanze a Bologna. Ciò non è successo e spiace constatare l’assenza di alibi; dei quattordici giocatori scesi in campo ieri, solo quattro (Sirigu, Rincon, Lukic e Parigini, questi ultimi subentrati) sono stati via con le proprie Nazionali. Ed è difficile parlare di errori di gioventù; quasi tutti i titolari di ieri erano giocatori con troppa esperienza di Serie A sulle spalle – eccetto forse un paio di elementi – per dare per vinta una partita quando si è sul 2-0 con ancora 35′ di gioco davanti. Che Mazzarri debba rivedere il suo modo di comunicare con questo gruppo?

E allora quanto accaduto ieri è il classico episodio cui si potrebbe guardare con rammarico a fine stagione se gli obiettivi non venissero raggiunti. E dopo un quarto di campionato, il Torino non è ancora riuscito a giocare una partita sullo stesso livello dal primo al novantesimo minuto, senza pause ingiustificate. Ma pare anche prematuro dire che quanto successo al Dall’Ara ridimensioni gli obiettivi di questo Torino; sul piano del gioco, della qualità e delle occasioni create, la squadra di Mazzarri si è dimostrata nettamente superiore al livello da salvezza risicata del Bologna. Per sbilanciarsi sulle prospettive del Torino, pare più giusto attendere gli scontri diretti con Sampdoria e Fiorentina.

Caricamento sondaggio...

48 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. byfolko - 1 mese fa

    A forza di guardare il passato non abbiamo più un presente nè un futuro. Questa presidenza, attenta a non pestare i piedi alle odiate merde strisciate e mafiose, ci ha relegato nel limbo della mediocrità. Il glorioso Toro ed i suoi tifosi si aggirano ormai come fantasmi in un mondo che non gli appartiene più da decenni oramai. E, come i fantasmi, anime inquiete nella nebbia dell’oblio, cerchiamo solo un esorcismo che ci dia ogni tanto un sorriso ed un motivo per tifare. FVCG.

    .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. tric - 1 mese fa

    Così, a caso, guardate che Meité, nel secondo tempo, è scomparso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SiculoGranataSempre - 1 mese fa

    Per quanto si sforzi di farlo Berenguer non è un terzino. Purtroppo giocando con tre in difesa gli esterni devono essere super giocatori moderni, bravi a:
    Correre
    Dribblare
    Crossare
    Difendere
    Ambidestri poi è meglio, così puo crossare e tirare
    E con due polmoni da cavallo.
    Quanti giocatori hanno queste caratteristiche anche solo in Italia? Kolarov? Elex Sandro? E poi?
    Noi abbiamo Ansaldi che un po’ si avvicina (un po’) gli altri esterni si adattano. Forse il giovane Ola Aina potrebbe imparare.
    Ma continuando con lo schema Mazzarri il problema non te lo risolve neanche Candreva o Lazzari.
    Ed è poi paradossale che proprio in quei ruoli il mercato non ha neanche completato almeno il numero di giocatori sufficienti.
    Sappiamo tutti che questo è il difetto principale, forse l’unico importante, della campagna acquisti.
    Insomma adesso che abbiamo 6 centrali come fai a passare alla difesa a 4 e sfruttare Berenguer, Parigini, Edera che invece da esterni offensivi sicuramente direbbero la loro.
    Dilemma….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bergen - 1 mese fa

    Qui il problema centrale é (di nuovo ahimè) metterla dentro. Sono senz’altro valide tutte le analisi sugli errori da evitare. La prestazione tuttavia nel complesso é stata eccellente e il dominio si vede dalle statistiche. Ma se non si segna con 13 tiri in porta ed almeno 5 occasioni da goal (1 Meitè, 1 il Gallo nel PT, 1 Jago e 2 Zaza nel ST), sono c..i.
    So che non si vuole creare un caso Belotti ma con lui che non gira abbiamo un cavolo di problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio70 - 1 mese fa

    Partita che lascia un grande amaro in bocca.
    La prestazione è stata di ottimo livello, purtroppo il risultato è quello che è.
    Mazzarri dovrà essere ancora più duro con i suoi, perché non si può permettere a Berenguer di lasciar passare Calabresi così.
    Ma aldilà di questo è stata una gran partita sul piano del gioco, poi è chiaro che rimane il risultato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. scacchistagranata - 1 mese fa

    Sarà perché guardo la classifica e vedo che il Toro sarebbe al quinto posto solitario con i due punti buttati ieri alle ortiche, ma non mi è ancora passata l’incaxxatura.
    Pazienza il flipper del primo goal subito (ma difendendo un corner non si usa più mettere un uomo sul primo palo?), però il secondo grida vendetta, con 3 errori 3 in sequenza: Sirigu (tu quoque…) che invece di rinviare nella metacampo avversaria l’ennesimo retropassaggio dei compagni (e basta! siamo tornati a Ventura…) cerca il passaggio di fino su Berenguer; questo che guarda la palla arrivare e si fa anticipare da Calabresi; DjiDji che macchia la sua buona prova facendosi saltare alla Carlao senza allargare una gamba e stendere al limite l’avversario. Ci sono voluti tre errori gravi nella stessa azione per concedere un tiro, e un goal, a una squadra resa inoffensiva per tutta la partita.
    Adesso, caro Toro, c’è solo un modo per rimediare: 3 punti con la Viola.
    E poi, per recuperare quelli scippati da Valeri a Udine, altri 3 punti a Genova con la Samp.
    La prova di maturità è tutta nelle prossime due partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. parodifran_786 - 1 mese fa

    Grande Michele, non c’e Vanni, servivi tu.
    Soriano come Niang?
    Il Toro coi crampi?
    Il Toro atleticamente è una delle squadre più preparate della Serie A, sempre superiore agli avversari sul piano fisico.
    E Mazzarri chiude le porte come tutti gli allenatori della Serie A.
    E criticare l’allenatore dopo una prestazione come quella di ieri è ridicolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granatissimo1973 - 1 mese fa

    Partite come quelle di ieri sono come le delusioni amorose, per dimenticare ci vuole un nuovo amore o una nuova…fregatura:) le prossime tre partite in questo senso sono perfette, se vanno bene di ieri resterà solo un vago ricordo, se vanno male ahimè potremo dire che quanto successo ieri era un campanello di allarme. Ma ora basta piagnistei ragazzi…sabato sera giochiamo una finale dobbiamo sostenere mister e squadra cazzoooo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Hagakure - 1 mese fa

    Bracciamozze se ne fotte dei resti del TORO: a lui interessa fare affari con le merde bianconere (vedi acquisizione del Gruppo RCS ed esclusiva della pubblicità al merdastadium, per esempio), fare plusvalenze e manenere la sua cairese nella mediocrità e nell’anonimato più assoluti, circondandosi sempre e solo di “yesmen” (allenatore compreso).

    Soste o non soste, lamentele e litanie varie, infortuni, cazzi e mazzi variegati…!!

    Cercate cortesemente di capirlo una volta per tutte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 1 mese fa

      …se, nemmeno con l’elettro shock, secondo me!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. alexku65 - 1 mese fa

    A dimostrare a tutti quei saputelli che queste rimonte toccano l’attuale vate così come hanno riguardato il vituperato Miha. Sono però certo che il buon Serino troverà delle differenze tra le due situazioni naturalmente a favore di WM

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. michelebrillada@gmail.com - 1 mese fa

    allenatore da esonerare il piu in fretta possibile prima che sia troppo tardi non sa dare la necessaria sicurezza (non la ha lui)alla squadra che cosa ne facciamo di soriano e zaza ? chi li ha voluti deve pagare e essere mandato via soriano è come niang (avevamo un sig giocatore liiaic venduto a 8 mil.per prendere soriano a 18 mil )allenatore che non sa neanche preparare atleticamente nel secondo tempo tutti in debito di ossigeno o con i crampi .invece di chiudere le porte del fila li faccia almeno correre ma non è capace deve essere esonerato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 mese fa

      Concordo su tutto, con un’eccezione a proposito di Ljaijc. É senza dubbio un giocatore tecnicamente eccellente, ma troppo penalizzato da un carattere indolente e difficilmente coinvolgibile sotto l’aspetto dell’attaccamento alla squadra in cui gioca.I suoi trascorsi in squadre anche prestigiose, ne sono una incontestabile conferma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. parodifran_431 - 1 mese fa

    Tutto si può dire, tranne che ieri il Toro non abbia fatto una grande prestazione. Sul gioco niente da dire a Mazzarri e alla squadra, la partita è stata preparata benissimo.

    Sul discorso mercato, @Conterosso, Bonifazi è un destro, non un mancino, ma sono d’accordo sul fatto che manchi un esterno sinistro.

    Mazzarri voleva Peres, abbiamo preso Aina, che è potenzialmente forte, ma è giovane.
    Manca una mezzala di passo, e qui Mazzarri non ha mai nascosto di volere Pereyra, abbiamo preso Soriano, che veniva da una stagione non proprio esaltante al Villarreal.
    E io sono convinto che Mazzarri avrebbe tenuto Ljajic, ma con l’arrivo di Zaza, anche Adem avrà fatto i suoi conti e non ha voluto sudarsi, è il caso di dirlo, una maglia da titolare.
    Io resto un ammiratore di Adem, ma qui ci sarebbe da aprire il capitolo “potenziali fuoriclasse che per pigrizia buttano una carriera”.
    E non ditemi che dovevamo costruire il progetto intorno a Adem, Ljajic è un giocatore come gli altri, non è Messi, su.

    La verità è che Cairo ha messo in piedi, al solito, una squadra a prezzo di saldo facendola passare come uno squadroni.
    Perché non ditemi che Zaza, fatto passare come un colpaccio e acquistato in offerta, sia un fenomeno, per l’amor di Dio.
    L’anno scorso giocava e non giocava a Valencia, che lo ha regalato in estate.

    Mazzarri sta facendo giocare il Toro con personalità, chi dice che ha giocato 5-3-2 non ha visto la gara, perché era un 3-4-2-1 con Baselli e Iago a supporto di Belotti, e un esterno era Berenguer, decisamente offensivo.

    Quindi questo difensivismo io non lo vedo, anzi, ieri il Toro ha creato tanto, troppo, perché la partita doveva finire 3-0 il primo tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Conterosso - 1 mese fa

    In un intervento qui sotto @Fabrizio chiede: ancora una volta squadra costruita a minchia? Mi sento di rispondere. Per me si ed ecco alcuni dei motivi: Liajc unico fuoriclasse in rosa dato via a 8 milioni, sostituito poi da Soriano preso a 15 mil; vi sembra normale? non abbiamo un terzino sinistro di ruolo; vi sembra normale? Berenger e Parigini che sono esterni alti, adattati ogni volta a fare i terzini; vi sembra normale? Moretti unico difensore mancino, quando avevamo Bonifazzi che nella spal sembra un fenomeno; vi sembra normale? Presi due difensori stranieri per sostituirne uno italiano (Bonifazzi) per poi continuare a dire che i due hanno bisogno di ambientarsi? Presi Zaza e Soriano, (30 mil) per fargli riscaldare la panca; vi sembra normale? Continuare ad insistere con il 3-5-2 senza avere i giusti interpreti… Questo è un piccolo elenco di incongruenze. Forse avrò anche dimenticato qualcosa. Ma a guardar tutto questo, è certificato che la squadra è stata costruita a minchia!!! Ora bisognerebbe capire chi è stato il regista di tutto ciò e allontanarlo quanto prima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rogozin - 1 mese fa

      I fuoriclasse solitamente li vendono a prezzi molto più elevati di quello che è stato pagato per Adem.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. prawda - 1 mese fa

    Piu’ che guardare a cosa e’ servita la sosta avrei guardato che in queste prime nove giornate il Torino ha affrontato cinque delle ultime sei in classifica, sei delle ultime otto, solo Napoli, Inter e Roma sono davanti ed il Torino occupa solamente l’8-11 posto, senza dimenticare che quattro squadre hanno una partita in meno e quindi la posizione sarebbe peggiore. Il calendario non era poi cosi’ terribile, i punti raccolti sono quindi pochini e le enormi difficolta’ avute per aver ragione di Frosinone e Chievo, due squadre con rose da serie b, non rende al momento la visione del futuro particolarmente roseo. A questo va aggiunto un dato che dopo nove giornate non puo’ essere nascosto: il mercato ha visto fare alla societa’ delle scelte che l’allenatore dimostra di non condividere. E’ chiaro, d’altra parte lo stesso Mazzarri lo ha dichiarato che vede Zaza alternativo a Belotti e non in coppia, come e’ chiaro che Soriano sia il lontano parente di quello visto anni fa ed e’ attualmente anche lui una semplice alternativa a Baselli. Mi sembra palese come scelte non condivise abbiano portato ad una rosa con probabilmente migliori sostituti in panchina e maggiori alternative, ma ha lasciato evidenti lacune: pesa l’assenza di un terzino sinistro di ruolo, stante i ripetuti problemi fisici di Ansaldi, pesa un centrocampo piu’ muscolare ma terribilmente lento e con poca o nulla fantasia, soprattutto la scelta di giocare con un 352 che in realta’ e’ piu’ un 532 senza pero’ avere, a mio parere, gli uomini per farlo; manca un difensore che sappia impostare e gestire, manca una seconda punta ed infatti dopo aver provato con poco successo Falque, lo spagnolo e’ stato spostato piu’ indietro ma in questo modo Belotti resta isolato, abbondano invece gli esterni offensivi, seppure nel modulo di Mazzarri non siano previsti, al punto da provare ad utilizzarli come terzini ma con evidenti problemi nella fase difensiva. Insomma mi sembra ci sia stata molta improvvisazione nelle scelte e questo nonostante il girone di ritorno dello scorso campionato avrebbe dovuto dare indicazioni chiare su dove e come operare; in ogni caso le prossime tre partite diranno se questo sara’ l’ennesimo anno di transizione oppure se almeno si riuscira’ a lottare fino alla fine per raggiungere l’obiettivo della qualificazione all’EL. Visto il gioco espresso in queste prime nove giornate la ragione farebbe dire che anche quest’anno sara’ solamente la solita vetrina per il mercato, con piazzamento finale al 8/10 posto; pero’ in un campionato sempre piu’ scarso e con rose sempre piu’ raffazzonate, un livello generale in caduta libera, la speranza di essere un poco meno imbarazzanti di altri lascia ancora aperta la porta di un obiettivo che peraltro sembra scaldare i tifosi ma molto poco la societa’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Claudio70 - 1 mese fa

    Non sono d’accordo sul discorso che 15 giorni non siano serviti.

    Sul piano del gioco ieri si è visto il Torino imporre il proprio calcio al Dall’Ara, senza rischiare nulla e creando una decina di occasioni da gol.

    Fa sorridere dire senza rischiare nulla, perché i gol sono due regali, il Bologna non ha avuto occasioni

    Mazzarri per me ha impostato la gara in modo perfetto, è difficile dargli colpe, perché i gol sono venuti dal niente, il Toro non ha smesso di giocare, solo che la partita doveva già essere sul 3-0.

    Chi parla di gioco “soporifero” forse non ha visto la partita, o aveva mangiato pesante.
    Il Torino non è il Manchester City, ma ieri tutto sì può dire tranne che non abbia fatto una partita convincente, molto convincente.

    E allora ha ragione chi fa il paragone con l’Atalanta, che sta pagando un avvio di stagione in cui ha raccolto meno di quanto seminato, creando tanto ma segnando poco.

    A volte nel calcio capita, bisogna continuare a lavorare, senza dare colpe al singolo giocatore, cercando di fare una grande partita con la Fiorentina.

    #SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. BIOFA70 - 1 mese fa

    Non abbiamo attaccanti…Belotti e un ex attacante tanta volontà e niente più e Zaza lo sta seguendo a ruota…siamo dei mediomediocri e anche quest’anno il nostro campionato è questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. parodifran_697 - 1 mese fa

    Non posso essere più in disaccordo con prawn, che deve aver proprio visto un’altra gara.

    Io ho visto una squadra che ha dominato il campo per 55 minuti, creando 5/6 occasioni da gol (Belotti, Falque, Meite, il passaggio di Belotti, etc) mentre il Bologna non superava la metà campo.

    Mazzarri aveva preparato la partita perfettamente, altro che gioco lento (ma che partite guardate?), io credo sia stata la miglior prestazione del Toro quest’anno e una delle migliori in trasferta negli ultimi anni.

    C’e da chiedersi perché la squadra soffra questi blackout, ma forse c’e da dire che altre squadre (l’Atalanta) sarebbero andate sul 4-0 dopo 55 minuti a quel livello.
    E qui la colpa non è dei tifosi, del Mister o di Petrachi. La colpa è di chi non segna.

    E basta dire che Belotti deve correre meno in fascia (fascia?), che deve giocare diversamente, etc.
    Perché ieri ha avuto due palle gol clamorose e ha passato palla a Skorupski e ha dato palla a Iago sul fondo.
    Belotti deve segnare, e se non ci riesce è giusto stia fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 1 mese fa

      boh, avro’ l’influenza, non so che dire, vediamo cosa faremo con squadre vere come fiore e samp alle prossime due. a quel punto si capira’ se ho visto male e avete visto bene voi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Bischero - 1 mese fa

    Granata ho letto il tuo post delle 9:59. Tu puoi mettere in campo tutte le punte che vuoi. Ma alla fine della storia noi siamo andati a Bologna con 2 punte. Abbiamo creato 6 palle gol facendo 2 gol. Con 5 a difendere abbiamo subito 2 tiri e abbiamo subito 2 gol. Con Iago non abbiamo problemi avanti. A mio avviso peró abbiamo problemi dietro. Sono troppi 11 gol subiti per uno che ha sempre fatto della solidità difensiva un suo marchio di fabbrica. Su Belotti non la penso come te. Ieri poteva farne 1 facile facile più un assist in contropiede. Il problema credo che sia più dentro di lui. Non nel modulo. Lui e Zaza insieme non sono per nulla una bella coppia. Almeno per me

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata - 1 mese fa

      Su Belotti ho detto anch’ io che è in una fase di appannamento, ma bisogna anche onestamente riconoscere che gli si fa fare un mestiere non suo: continui rientri, spostamenti sulle fasce, gioco quasi sempre spalle alla porta, e lo si lascia isolato in avanti. Insomma si spompa e così arriva alle conslusioni in modo goffo e impreciso. Ma la cosa più grave è che, contro una squadra mediocrissima (subissata di fischi dal suo pubblico per un’ ora), che non è mai riuscita a imbastire azioni efficaci ed ha segnato grazie a due gentili omaggi nostri, il tecnico che sta in panchina non ha saputo leggere la situazione e mettere in ghiacciaia il risultato rinforzando l’ attacco per dare la spallata decisiva. In campo siamo stati superiori al Bologna, scrive entusticamernte qualcuno. E allora perchè ce ne torniamo con un modesto 2-2? E se siamo dei rombi di tuono, come mai, come sottolniei giustamente tu, abbiamo subito 11 goal, di cui 4 contro due fra le peggiori squadre di Serie A?
      E se Zaza e Soriano sono dei brocchi (vorrei poterlo però verificare con un utilizzo un po’ continuativo sul campo) che giudizio dobbiamo dare della campagna acquisti, visto che proprio quei due sono stati i colpi di mercato più costosi? E se Mazzarri è apparso tutt’ altro che entusiasta del loro arrivo (eloquenti le sue dichiarazioni di inizio campionato), come si fa a gestire efficacemente un club in cui la mano sinistra non approva quello che fa la mano destra?
      Queste sono le domande che tifosi senza pelli di salame sugli occhi (e non mi riferisco a te) devono farsi, magari non tanto per fare critiche astiose e demolitrici, quanto per sollecitare la società a rivedere staff e strategie, in modo da conseguire finalmente risultati sportivi meno deludenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. prawn - 1 mese fa

    Devo proprio aver guardato un’altra partita, magari me la rivedo, ma ho visto un toro molto lezioso, noioso e sterile come al solito, certo 5 tiri in porta, di cui 3 buttati via dal Gallo veramente malamente, ma a me il gioco di ieri non e’ piaciuto per niente, tra il soporifero e l’indisponente, con rallentamenti incomprensibili.

    A me pare che la sosta sia servita eccome: il toro ora gioca 100% alla WM, ed e’ proprio brutto a vedersi.

    Non si spinge mai per chiudere le partite.

    Vadano i passaggi indietro e la formazione schierata per non prenderle, ma almeno mi aspetterei poi una fase difensiva all’altezza.

    Invece gli attaccanti non segnano mai e in difesa basta che una squadra da serie B come il Bologna acceleri un minimo e ci infilano.

    Il Gallo non so come mai giochi, piantatela di difenderlo, chi non segna davanti non gioca, mica siamo negli anni in cui non c’e’ nessuno in panchina, con un primo tempo come quello fatto ieri doveva starsene a meditare negli spogliatoi, magari Zaza con un quarto d’ora in piu’ la metteva dentro.

    L’unico apporto positivo di WM fin’ora e’ che riesce a far segnare di piu’ i centrocampisti, Meite Baselli Rincon, son sicuro che faranno molti goals quest’anno, bene come al solito il grande Iago. Non metterei alla gogna Sirigu, gran portiere che si trova con un centrocampo lento che fa poco e male filtro, Berenguer che non sa difendere e Djdj ancora immaturo per la serie A.

    La societa’ deve prendere un paio di innesti per la zona laterale/sinistra della squadra a gennaio (e so che non lo fara’).

    Il mister deve fare scelte ‘pesanti’ la davanti, non ci e’ riuscito miha (ma non aveva zaza in panca), non ci e’ riuscito lo stesso WM l’anno scorso, ma e’ ora di bocciare quelli che non rendono, per un motivo o per l’altro, la panca ha fatto bene a Zaza , proviamola col Gallo.

    In panca poi abbiamo Soriano: ce la fa WM a recuperarlo? Perche’ altrimenti l’assenza di Ljacic si fara’ sentire eccome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MarchigianoGranata - 1 mese fa

      Soriano cosa ha??
      Infortunato perenne, problemi di preparazione??
      Probabilmente la prima. Non ci posso credere che a questo punto del campionato si parli ancora di problemi di preparazione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. granata - 1 mese fa

    Il calcio è anche uno sport di singoli, non bastano schemi e collettivo. E’la qualità dei singoli che fa la differenza. E lo dimostra Iago Falque: con lui in campo si accende la luce (almeno a tratti), senza di lui è buio pesto. Mazzarri è invece allenatore schematico, nel senso più ampio possibile: sottovaluta le doti tecniche dei singoli, privilegiando quelle fisico/tattiche. E lo dimosrta il fatto che non si sia opposto alla vendita di Ljajic, l’ uomo che faceva la differenza per classe e qualità, come era emerso chiaramente nelle partite disputate a inizio stagione. E lo dimostra il fatto che non sia in grado di trovare una collocazione stabile a giocatori come Zaza e Soriano. E poi sbaglia nell’ utilizzo di Belotti che, al di là della sua fase di appannamento, continua a vagare per il campo, a compiere faticosi arretramenti a svariare sulla fasce, mentre è evidente che si tratta del classico ariete d’ area, un po’ come Icardi. Belotti ha una palla buona a partita (e magari la sbaglia e così viene subissato di critiche), ma c’ è da considerare che non ha mai il secondo colpo in canna. Continua ad essere troppo solo, troppo distante dai compagni (a meno che non arretri di 40-50 metri). Si sapeva che aveva bisogno di una spalla e, infatti, la società ha scelto Zaza, buon attaccante, magari non un campione ma per noi grasso che cola. E cosa fa Mazzarri? Recalcitra, non insiste sulla coppia naturale del nostro attacco. Però molte chances offre ai suoi soldatini: Baselli, Meitè, Ole Aina, Berenguer, Moretti, nonostante molte delusioni e qualche buona giocata. Zaza e Soriano sono stati i due più costosi colpi di mercato, ma Mazzarri è parso sin da subito infastidito dal loro ingaggio. Sembra che tra società e allenatore non ci sia dialogo, condivisione di obiettivi. E qui qualcuno deve intervenire oppure si andrà inmcontro a una ennesima stagione problematica e a una svalutazione pesante di giocatori costosi (come è già avvenuto con Niang). Allenatore prudentissimo, Mazzarri va in quel di Bologna, contro una squadra che aveva fatto 7 punti in 8 partite e segnato solo 4 goal, schierando una sola punta, imbottendosi di difensori e centrocampisti. E’ vero, nonostante ciò abbiamo segnato due goal, ma di fronte avevamo una compagine scarsissima e proprio per quello bisognava insistere coraggiosamente nell’ attaccarla viste le gravi incertezze che aveva in difesa. Magari mettendo finalmente Zaza al fianco di Belotti per chiudere la partita. Macchè, si è continuato a tenere in campo un Meitè impalpabile e lento (e sono 4 le partite che sbaglia). Ma il coraggio non è la dote migliore di Mazzarri, allenatore che mi sembra un po’ stagionato. E allora gli suggerisco di riflettere su quanto ha fatto il suo collega Mancini con la Nazionale, dentro i piedi buoni con un quintetto che molti avrebbero pensato azzardato: Verratti, Jorginho, Chiesa, Insisgne e Barnardeschi. Un po’ quello che avevo auspicato a inizio stagione: Iago Falque, Soriano, Ljajic, Zaza, Belotti. E qualcuno mi aveva dato del sognatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 1 mese fa

      cioe’ per dirla alla Scoglio, un’ altra volta squadra costruita “ad minchiam”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fabrizio - 1 mese fa

      insomma, ancora una volta una squadra costruita “ad minchiam” come diceva il buon Scoglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. torracofabi_302 - 1 mese fa

      La tua analisi non è giusta, è perfetta ad inquadrare quello che è il problema che affligge il Toro dallo scorso campionato. Scorso campionato? Ma allora ad oggi ancora nessuno in società ci ha capito niente? Ancora siamo nella fase che si aspettano miglioramenti? Fra un po’ finisce l’ennesimo campionato….. Consoliamoci col fatto che dobbiamo essere proprio una tifoseria speciale se abbiamo la pazienza di attendere tutti questi anni!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. r.ponzon_75 - 1 mese fa

      Condivido tutto; i giocatori ci sono, il mister bravo è quello che riesce a far giocare insieme i giocatori forti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Seagull'59 - 1 mese fa

    i problemi di comunicazione sembrano evidenti, e non solo con la stampa, ma anche di chiara lettura della realtà.
    Sirigu, grande portiere, coi piedi non è proprio a suo agio: possibile che lo si debba continuamente usare per sbrogliare la difesa? non ci sono alternative?
    Izzo, mastino in marcatura, non ha piedi per impostare: o gli fai una cura intensiva o hai sbagliato acquisto.
    Meitè, fisico, tecnico ma lento: non esistono allenamenti per velocizarlo?
    de Silvestri: se non è in forma, visto l’infortunio e ricaduta, cosa lo esponi a far brutte figure, visto che le alternative le hai (Ola Aina o Parigini).
    Baselli, finalmente in bella crescita, possibile che abbia però sempre i crampi e non regge i 90′? Atletica?
    se è vero che il Gallo non stava bene, perché lo fai giocare ed esporre a brutte figure?
    Sono esempi banali, da non addetto ai lavori, ma frutto solo di quello che si vede in campo: due settimane a completa disposizione per allenarsi, parlarsi, a cosa sono servite se non per lavorare sui difetti e lacune individuali e di squadra?
    Guardate la classica e poi ditemi se non c’è da essere furenti per quello che si è sprecato a Bologna…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. robertozanabon_821 - 1 mese fa

    Povero Mazzarri. Aveva predicato un “maggior cinismo” al Toro, ma i ragazzi hanno capito “maggior cenismo” e infatti sono andati tutti insieme in pizzeria. Ora propongo una serata di “brindisismo” a base di acqua e aceto. Lo stesso Cocktail che i tifosi si sono dovuti sorbire insieme all’immancabile amaro finale. Offerto dalla casa, naturalmente. Cercasi Diger Seltz. Urgente !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. valex - 1 mese fa

    Con le doriane e la Fiore le perdiamo entrambe, e come sempre la colpa sarà di Mazzarri che si sta dimostrando totalmente incapace a gestire la squadra sotto l’aspetto della personalità e del carattere. Credo che si possa già dire che ha fallito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Bischero - 1 mese fa

    Purtroppo i due punti persi di ieri non torneranno più e non vorrei rimpiangerli a fine campionato. Chi vuole andare in Europa non può farsi rimontare 2 gol dal Bologna in trasferta. Ora come minimo serve continuare la striscia positiva e portare a casa 4 punti fra viola e doria. Non tutto é perduto. Guardiamo avanti. È cmq innegabile che in fase di mercato qualcosa debba essere fatto. Se non per correggere l immediato almeno per il futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione2 - 1 mese fa

      All’ultima di campionato FORSE qualcuno si renderà conto che bidoni che siedevano in panchina per scarso rendimento (Soriano) allenatori cacciati dal Chievo inglese non sono i fenomeni che ci avete spacciato per mesi, piccandovi anche di capirne di calcio. Ma tanto il prossimo anno ricomnincerete che Damnascan è un fenomeno e ci aspetta la Champions. Mi chiedo quanto si debba essere minchioni per farsi prendere per il culo da 12 anni da un mentecatto come il presidente della caireese. E a capo di tutti i minchioni quei dementi che parlavano di grande campagna acquisti e che andavano a fare il secondo abbonamento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 1 mese fa

        Era un po’ che non scrivevi. Infatti è stato bello. Ora, dopo avere insultato spErato m… su chiunque, sei contento?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. GlennGould - 1 mese fa

    Al toro non so, alla redazione poteva servire, soprattutto dopo le pAgelle di ieri, per cApire se fosse necessario rivedere organigramma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Conta7 - 1 mese fa

    Non riesco ancora a metabolizzare i 2 punti persi ieri, ma analizzando con lucidità la gara, non credo che le partite contro Frosinone e Bologna siano esattamente una la copia dell’altra.
    Chiaramente analoga la dinamica della rimonta subìta, ma mentre contro il Frosinone la squadra già sull’1-0 era parsa più molle, per poi rilassarsi dopo il raddoppio, ieri abbiamo dominato il campo per tutta la partita, creando occasioni in continuazione.
    Abbiamo preso 2 gol assurdi: una carambola su un angolo subito dopo il 2-0 ed un errore di una colonna come Sirigu.

    Per il resto non abbiamo concesso neanche l’odore di un tiro in porta al Bologna.. Ma evidentemente in questo frangente paghiamo il 101% delle ingenuità che commettiamo.

    Questo fa rabbia perchè, pur in un percorso di crescita con tanti giocatori giovani che devono trovare malizia, gestione delle situazioni e continuità di rendimento nei 90 minuti, oltre che di partita in partita, il singolo dettaglio che va ad inficiare una prestazione sostanzialmente perfetta pregiudica l’intera posta in palio.

    Evidentemente bisogna essere del tutto perfetti per portare a casa i 3 punti.
    Sotto il profilo della prestazione e della volontà di imporsi su qualsiasi campo stiamo crescendo molto, ripartiamo da qui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

    In questa settimana relativamente breve dove ancora rimbombano forte gli echi per “la frittatona alla bolognese” e presto sentiremo bellicosi proclami di pronta riscossa già da sabato,vorrei fare un passo indietro con una postuma riflessione sull’increscioso fatto dei giorni scorsi.Tutto è passato sotto silenzio:imbarazzante quello del Torino fc,vergognoso quello della Città di Torino Medaglia d’Oro per la Resistenza(forse questi amm.ri non ne sono al corrente) scontato quello della “Famiglia”.Possibile che l’Ufficio Stampa della Società non “abbia trovato il tempo”di stilare un comunicato”per esecrare questo sfregio alla ns. immagine? Tutto ciò conferma ancora una volta quanto questa proprietà sia lontana ed indifferente ai ns.valori fondanti ed al “mondo Toro”Cairo in tutti questi anni ha dimostrato di essere “pessimo architetto” che non ha posto le fondamenta per costruire una Casa solida e duratura.Ritengo che la valorizzazione degli elementi primari della ns. Storia siano prodromici e parte integrante e sostanziale dei successi sportivi che infatti continuano a latitare.Sono stucchevoli elucrubrazioni da vecchio tifoso o meglio da tifoso vecchio? Può darsi ma nel rispetto di tutte le opinioni resto della mia idea.Quest’estate mi ero illuso che il vento cambiasse ma forse il troppo amore mi ha fatto perdere il recepimento dei reali contorni della situazione purtroppo sempre precaria e nebulosa anche in ottica futura.FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 1 mese fa

      Bracciamozze se ne fotte dei resti del TORO: a lui interessa fare affari con le merde bianconere (vedi acquisizione del Gruppo RCS ed esclusiva della pubblicità al merdastadium, per esempio), fare plusvalenze e manenere la sua cairese nella mediocrità e nell’anonimato più assoluti.

      Cercate cortesemente di capirlo una volta per tutte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. FVCG-70 - 1 mese fa

    In tutta onestà quest’anno non avevo mai visto il Toro dominare l’avversario, sia da un punto di vista tecnico che da un punto di vista tattico, come ieri.
    Non mi spiego come Sirigu abbia preso due goal senza fare una parata.
    Due disattenzioni pazzesche.
    Se fosse finita 3 o 4 a zero non ci sarebbe stato da stupirsi. E invece…
    E ieri la rabbia era molta.
    Oggi, vedendo dove potevamo essere in classifica, vincendo ieri…

    A mio parere in campo manca un leader che, in situazione di difficoltà, sappia prendere per mano la squadra.
    In sua assenza, beh… ho l’impressione che il mister (che aveva preparato benissimo la partita) dalla panchina non sappia farsi sentire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. user-13721612 - 1 mese fa

    la triste realtà e che se Cairo non comprava il Toro non lo prendeva nessuno chissà che fine avrebbe fatto e poi con lui sinceramente ha preso giocatori validi per disputare un buon campionato F.V.C.G.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione2 - 1 mese fa

      E infatti 12 anni di grandi successi lo dimnostrano che campioni ha sempre comprato costui. Meno male che è arrivato lui a fare plusvalenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_229 - 1 mese fa

        Ebbasta, hai proprio stufato !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Hagakure - 1 mese fa

      Manca solo più che citi la frase detta ad alta voce da Calboni in sala mensa:

      “E un grande presiniente”

      Bracciamozze boys, ci avete proprio rotto i coglioni con questa solita tiritera che “cantate” da 14 anni del “se non lo prendeva Cairo non lo prendeva nessuno”…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    È vero che il Toro si è dimostrato superiore al Bologna ma è anche vero che tra una salvezza risicata e l europa più o meno ciò staranno una decina di squadre. Per il Toro era importante fare 9 punti in queste 3 gare. Non è successo e ora è più difficile, anche da un punto di vista mentale. Speriamo si sveglino un po. Mister incluso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. dattero - 1 mese fa

    per me,e non vado oltre,questo allenatore è bollito,non ha piu’ energie x allenare.
    dopo l’inter la luce si è affievolita parecchio.
    felicissimo di essere prontamente smentito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. ddavide69 - 1 mese fa

    Per rimanrere agganciati al treno europeo si dovevano fare almeno 6-7 punti nelle 4 partite :
    bologna-fiorentina-sampdoria-parma

    i primi 3 dovevano essere a bologna.

    Ora dovremo almeno pareggiarne 2 e vincerne 1 è ancora fattibile.

    Se così non fosse un altro anno buttato nel cesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy