Affluenze allo stadio, i dati del 2014-2015: il Torino è dodicesimo

Affluenze allo stadio, i dati del 2014-2015: il Torino è dodicesimo

Botteghino/ I granata precedono di poco il Cesena e sono sotto (oltre che alle big) al Palermo, alle genovesi ed al Verona: invertire la tendenza con un calciomercato all’altezza

Abbiamo lasciato i granata circa venti giorni fa con una grande festa, nel 5-0 inflitto al Cesena di Di Carlo. L’Olimpico, in occasione dell’ultima di campionato, aveva accolto l’appello di Ventura e capitan Glik, che la settimana precedente avevano chiesto di accorrere in tanti per poter concludere al meglio una stagione che ha comunque regalato grandi soddisfazioni ai tifosi. E così, appunto, è stato: in una partita inutile ai fini della classifica, si sono presentate allo stadio quasi 19mila persone. Eppure non c’è troppo da vantarsi riguardo alla media spettatori registrata durante l’anno: il Torino sotto questo aspetto occupa la metà classifica più bassa.

GLI SPETTATORI – I dati, inoltre, registrano un trend leggermente negativo rispetto alla stagione precedente a quella appena conclusa, nella quale comunque non sono state tenute in conto le affluenze in Europa League, che varierebbero ovviamente in positivo il conteggio: il riferimento è quindi solamente al campionato di Serie A. Comunque sia, nel 2013-2014 la media spettatori allo stadio è stata di 17024 presenze, con il record stagionale raggiunto contro il Parma (25559). Quest’anno appena concluso, invece, la media si è fermata a 16689: la partita con più tifosi, il derby contro la Juventus (26296).

DODICESIMO POSTO –  I dati non sono, come si diceva, un motivo di vanto: i granata, infatti, hanno concluso in 12esima posizione la classifica riservata appunto alle affluenze, superati dal Palermo e di poco sopra il Cesena. Senza nulla togliere ad altre compagini di Serie A, certamente per il blasone, la storia e la notorietà, il Toro dovrebbe essere in una posizione più elevata.  Certo, si potrebbe obiettare che alcune partite sono state giocate in orari scomodissimi (per esempio TorinoEmpoli), ma ovviamente non basta. Sarebbe come non voler guardare in faccia la realtà. Per onore di cronaca, il podio è occupato rispettivamente da Roma (40.135), Juventus (38.553) ed Inter (37.270). Il Verona sfiora invece quota ventimila, numeri che vengono superati sia dal Genoa che dalla Sampdoria.

Attorno al Toro, però, si respira un’aria di trepidante attesa. Se l’appello di Ventura per trattenere i big venisse soddisfatto (come Cairo ha più volte ribadito di voler fare), e agli innesti di Avelar ed Acquah seguisse qualche colpo importante, la campagna abbonamenti potrebbe spiccare il volo. Nel segno della continuità e allo stesso tempo del salto di qualità. Quello che il Toro vuole da tempo e che i suoi tifosi aspettano con ansia, per raggiungere ancora un altro obbiettivo: ritornare grandi anche sugli spalti. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy