Atalanta-Torino 2-1: Hart e il battesimo di fuoco con il calcio italiano

Atalanta-Torino 2-1: Hart e il battesimo di fuoco con il calcio italiano

L’esordio / La prima del portiere inglese dimostra che nessuno è perfetto: ma tempo e qualità restano dalla sua parte

26 commenti

Passano pochi minuti quando Joe Hart gioca il suo primo pallone italiano: una semplice punizione da fuori area appannaggio dei granata. Ma il battesimo di fuoco deve ancora arrivare. Di lì in avanti, infatti, il portiere inglese capirà cosa vuol dire il calcio e il delicato ruolo tra i pali in Italia e come l’adattamento da un campionato come quello inglese sia tutt’altro che banale. Nel primo tempo, per scaldarsi, un ottimo intervento sul tiro-cross di Kessié: risposta reattiva, e fortuna che la conclusione di Konko dopo è respinta dal suo compagno Pinilla. È nel secondo tempo, però, che arrivano le vere difficoltà.

E Hart si dimostra non perfetto, anzi, in occasione del gol del pareggio atalantino: su un corner dalla sua destra sul secondo palo il portiere legge un poco in ritardo la traiettoria e si stende per prolungare la parabola: la mano però non dà la spinta sufficiente al pallone. Un errore che spesso neanche si nota, ma sfortuna vuole che la sfera cada proprio sui piedi di Andrea Masiello, dimenticato dalla difesa e appostato alle spalle dell’estremo difensore granata, che deposita facilmente in rete. Nella maggior parte delle occasioni quella palla sporca sarebbe rotolata fuori dall’area. A Hart, però, non è andata così bene.

Atalanta BC v FC Torino - Serie A

Il portiere della nazionale inglese ha così vissuto il suo battesimo di fuoco con il calcio italiano, dimostrando di dover fare ancora molta strada nella gestione della difesa, complicata ulteriormente dalla questione di una lingua ancora da padroneggiare al meglio, almeno per quanto riguarda il vocabolario in campo. Nel corso della partita, infatti, si sono evidenziati numerosi momenti di misunderstanding tra portiere e difensori, che hanno causato incertezza nella retroguardia granata. Sicuramente Hart è abituato a sentire su di sé il peso della pressione anche dopo qualche errore: giocare partite pesanti di Champions League forma il carattere e il carisma. Il nuovo arrivo rimane un punto fisso per Mihajlovic, e sarà per certo una sicurezza nel futuro della stagione granata. Le responsabilità sono aspetto noto e affrontato del ruolo – lo dimostrano gli applausi e le scuse tributati ai sostenitori granata in trasferta al termine del match: la qualità e il tempo sono ancora ampiamente dalla sua parte.

26 commenti

26 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Scott - 4 mesi fa

    Faccio parte di una piccola minoranza la quale pensa che il risultato puo’ essere minimamente influenzato dal portiere ed è gran parte figlio di un centrocampo tecnico e fisico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. silviot64 - 4 mesi fa

    Mah, crocifiggere l’ultimo arrivato non mi pare molto corretto. Piuttosto io sono contrariato dal fatto che la squadra sia stata costruita per buona parte nelle fasi finali del mercato mentre sappiamo che se non hai grandi fuoriclasse l’adattamento dei singoli e gli automatismi tra i reparti sono fondamentali. Ieri, tolti Iago e un pochino Maxi metto tutti sotto la sufficienza. Non dimentichiamo che il calcio d’angolo da cui è nato il gol è stato il frutto di un retropassaggio davvero scellerato. Guardiamo avanti con fiducia, se cominciano le accuse ai singoli giocatori si rischia davvero un campionato tribolato. Siamo alla terza giornata, lo scorso anno eravamo in testa poi siamo precipitati nella mediocrità nonostante Glik, Peres, ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mik - 4 mesi fa

    Qualcuno dice che se fosse capitato a Padelli sarebbe venuto giù il mondo! Per prima cosa prima di arrivare a tal punto al portiere italiano gliene sono state concesse tante di possibilità ed attenuanti. Anni interi! Ovvio che poi la gente ti aspetta al varco e alla prima ulteriore cappella giù critiche e fischi! Allora se di errore stiamo parlando,ma non sono d’accordo, allora per par condicio anche con hart si deve mostrare la stessa pazienza. Padelli lì ieri non sarebbe uscito, tanto per cambiare, e nell’area piccola non puoi tirarti sempre indietro con la speranza che i compagni difensori tolgano sempre loro le castagne dal fuoco. Le volte che non ce la fanno son gol certi…e poi tutti a dire che doveva uscire! Chi a coraggio si prende dei rischi. Perfino a buffon gli ho visto fare qualche uscita a vuoto che é costata cara, ma nell’arco di un campionato se ne sbagli 2 ma ne salvi 20 ecco che gli errori passano in secondo piano. Vale anche per gli attaccanti no? Nessuno parla invece della parata fatta nel primo tempo che ci ha salvato da un gol certo! E poi…chi doveva marcare Masiello defilato sulla sinistra nell’area piccola tutto solo soletto?! Vogliamo sottolineare che su quel lato del campo offendiamo zero e chiudiamo peggio! Si è visto gia dalla partita col milan. Lì si perde spesso palla e gli avversari entrano in area come un coltello nel burro. Lo sanno benissimo loro e lo sanno gli allenatori, tanto che ovviamente ci provano spesso in quella zona. E’ il nostro tallone di Achille che la società, sapendo che ce lo portiamo appresso dall’anno scorso, doveva risolvere! Di tempo ce n’era. Io non conosco bene Barreca ma se non lo vedo giocare presumo che ad oggi non sia meglio di Molinaro, il che è tutto dire! Allora perche farlo rientrare alla base a spegnersi in panca?! Tanto valeva rimandarlo in prestito magari in una neopromossa in serie a. Fatto sta che con tre terzini sinistri…lui…più avelar che ormai non so neanche piu se il campo lo vedrà ancora…e Molinaro che è quello che è, non ne facciamo uno buono!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MPJoy - 4 mesi fa

      non capisco l’accanimento su padelli che ha accettato la panchina senza fiatare. Padelli ha disputato tre anni arrivando anche in nazionale. Non è un portiere di alto livello ma ha onorato la maglia anche con prestazioni buone. La società non ha mai trovato di meglio (perchè non ha osato molto….) e quando ha provato fino ad oggi Padelli ha mostrato qualità migliori di chi gli era stato messo davanti (Gillet, Ichazo, Gomis) anche perchè non erano concorrenti molto ingombranti. Ora è arrivato Hart, portiere dal CV prestigioso ma anche molto criticato, quindi non proprio una muraglia. Gli daremo fiducia e non lo bocceremo di certo al primo errore come ha fatto ieri. Ma attenzione, se continua, visto che è in prestito, che al Toro è venuto solo per non stare fermo in panca e perchè ha un ingaggio monstre, anche lui sarà messo in panca, anche perchè non è un patrimonio della società. Io avrei preferito un portiere giovane di prospettiva acquistato a cui avrei concesso più volentieri gli errori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alberto Fava - 4 mesi fa

    Bene, passata la nottata, è passata l’arrabbiatura.
    Come ha scritto bene qualcuno le partite giocate sono solo tre, quindi, di strada c’è n’è tanta e dobbiamo percorrerla nel migliore dei modi, con tanto affetto e tifo per il nostro Toro.
    Tutto il nostro Toro, nessun escluso.
    Mi scuso anche per le parole forti usate ieri, a mente fredda capisco di essere stato eccessivo.
    FVCG sempre !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 4 mesi fa

      Ce n’è …. Sorry

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. stefano.siclar_953 - 4 mesi fa

    E’ uno dei 10 migliori portieri al mondo, non c’è storia su questo.

    Errore? Se capitava sui piedi di un difensore nostro, non ci ricordavamo neanche di questo episodio.
    E’ stata un’imperfezione. Capita.

    Lavorare sodo ragazzi, il tempo è dalla nostra parte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Amoon - 4 mesi fa

    Errore di Hart e difesa assente. Direi che questa è la conclusione. Ma abbiamo giocato solo 3 partite io aspetterei a dare delle sentenze definitive. Hart poi ne ha giocata solo 1 ed è a torino da 4 giorni: ma cosa pretendiamo? Diamo tempo che la squadra cresca, io sono fiducioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. MPJoy - 4 mesi fa

    poche storie, uscire senza usare il pugno e deviando la palla nei pressi dell’area piccola è un errore tecnico senza attenuanti per un portiere. Non lo perdonavamo a Padelli e non lo si deve perdonare neanche a chi si chiama Hart o Buffon (anche lui in errore). Era all’esordio e lo aspettiamo fiduciosi che diventi una sicurezza e un punto di forza del nuovo Toro.
    Il fatto che possa avere difficoltà iniziali con i compagni è naturale per chi si allena da pochi gg e non conosce la lingua pur dovendo guidare la difesa. E’ responsabilità del mister metterlo in campo subito e far fronte ai possibili rischi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Torello_621 - 4 mesi fa

    A mio avviso Joe ha sbagliato, ma potrà rifarsi. Quello che non mi è piaciuto è l’atteggiamento dei difensori nei suoi confronti, il capitano Bovo in primis e non mi si parli dei problemi di lingua perché se un portiere chiama la palla in inglese, in italiano o in russo non credo si faccia fatica a capirlo se il difensore è attento e crede nel compagno. Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MB - 4 mesi fa

    Non vedo tutto sto problema sull’intervento di HART……il sul lavoro l’ha fatto deviando la palla se poi è finita sui piedi di Masiello la colpa non è sua ma del nostro difensore che non ha marcato Masiello. Per me è colpa della difesa e non del portiere….se poi vogliamo pretendere che HART faccia un salto di 2 metri e che blocchi la palla allora è meglio che andiamo a guardare qualche film di fantascienza……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. argentinogranata - 4 mesi fa

      Sono assolutamente d’accordo, il pallone è stato deviato lontano dalla porta e lateralmente, certo che se in piena area si trova la punta avversaria solissima, beh…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Vita69 - 4 mesi fa

    Complimenti a chi ha fatto gli auguri a Vidulich sul sito ufficiale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ater64 - 4 mesi fa

      auguri de che ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vita69 - 4 mesi fa

        Di compleanno 57 anni..sul quel sito sono tutti fuori di testa..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Vita69 - 4 mesi fa

        Questo è quello che c’è scritto..”Massimo Vidulich compie oggi 57 anni. Diventa presidente il 18 marzo 1997 e guida il gruppo dei “genovesi” composto da Bodi, Palazzetti e Regis Milano. Resterà a capo del Torino fino all’aprile del 2000 quando passerà la mano a Giuseppe Aghemo e al patròn Cimminelli.

        Da tutto il Torino Football Club tanti auguri di buon compleanno!”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 4 mesi fa

          57 anni di galera, altro che auguri!!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Ater64 - 4 mesi fa

    Avrà respinto di mano invece che di pugno . ma era anche ostacolato da due difensori di cui uno doveva essere su Masiello. Detto questo mi preoccupa di più le passeggiate sui cross laterali. go Joe Go

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Ater64 - 4 mesi fa

    Non è Neuer .. non è Padelli . Di sicuro non si è portieri dell Inghilterra per uno sfizio del Ct . Troppe aspettative fomentate dalle parole di pinocchio . Go Joe Go

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. FVCG'59 - 4 mesi fa

    Il calcio è anche fatto da episodi: i nostri in difesa che si eliminano a vicenda lasciando solo Masiello, questo che non sa neanche lui come ha fatto a segnare da quella posizione, se ci riprova 100 volte la mette fuori 99, Hart doveva uscire e lo ha fatto (anche Buffon può sbagliare le uscite)… Intanto non regaliamo un corner senza senso (vero Valdifiori?) e non iniziamo a criticare anche Hart (ci pensa già la stampa pettegola inglese) perché se no roviniamo il già delicato giocattolo che sta nascendo! Please…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Djordy64 - 4 mesi fa

      Bravo . Non serve scrivere lo hai fatto benissimo tu. Applausi e FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimo Ñ - 4 mesi fa

      purtroppo alcuni forumisti invece di tifare (ossia incitare) toro, fanno lo stesso lavoro di quelli che lavorano in tivù quando si parla del toro, criticarlo per cercare di affondarlo nella juve….ehm volevo dire nella merda (scusa merda se ti ho chiamato juve) 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 4 mesi fa

        Ahahaha bellla la tuna chiosa!
        Se permeti te la copierò :-)
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alberto Fava - 4 mesi fa

          Sorry per i refusi ! Spero comunque tu abbia capito :-)
          Ciao
          FVCG

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Massimo Ñ - 4 mesi fa

          senza problemi alberto, anzi che diventi un abitudine per tutti! 😉

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Alberto Fava - 4 mesi fa

            Grazie Massimo ! :-)
            FVCG Sempre

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy