Atalanta-Torino 2-1, Mihajlovic cade e Gasperini vince il duello

Atalanta-Torino 2-1, Mihajlovic cade e Gasperini vince il duello

Testa a testa / La sfida delle panchine la vince l’orobico, il serbo paga qualche errore di troppo in avvio e a partita in corso

10 commenti

L’ha vinta Gasperini, sorprendendo tutti con il modulo a specchio, la sfida con Mihajlovic per la supremazia dalla panchina. Una sfida con dei netti riflessi in campo. Il tecnico di Grugliasco ha abbandonato la sua storica difesa a 3 per evitare l’uno contro uno con gli avanti granata, e la sua scelta è stata ampiamente premiata: orobici ben messi in campo, che hanno sorpreso Bovo e compagni, incapaci di adattarsi alle nuove regole del match. La manovra granata è così risultata inesistente, la difesa si è affidata solo a moltissimi lanci lunghi a scavalcare il centrocampo, rendendo l’esordio di Valdifiori poco più che una comparsata, visto che il regista granata, marcato in modo stretto da Freuler, non ha mai fatto vedere le geometrie richieste.

Come se non bastasse, anche dal punto di vista mentale l’Atalanta è sembrata desiderare di più questa vittoria, scendendo in campo con un piglio migliore nella prima frazione, e subendo qualcosina soltanto nel secondo tempo, contro un Toro rientrato con un atteggiamento certamente diverso ma non sufficiente a svoltare il match. Mihajlovic, inoltre, paga il rischio di quel 4-2-4 che non ha portato i frutti sperati, anzi. Il serbo ha voluto a tutti costi portare a casa la vittoria, esce di scena con il sacco vuoto.

Atalanta BC v FC Torino - Serie A

E se il conto degli allontanamenti dalle panchine da parte di Mariani è uno per parte, Gasperini domina il duello sul campo e si conferma la bestia nera dei granata. Mihajlovic, dalla sua, ha commesso troppi errori, dal cambio di modulo ad un centrocampo iniziale troppo leggero (Baselli-Valdifiori-Benassi) per contrastare i muscoli di Kessié e Kurtic. Tornati a Torino, ci sarà da rimuginare su ciò che non ha funzionato.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. WGranata76 - 6 mesi fa

    A mio avviso è troppo presto per parlare.
    La difesa è rivoluzionata da troppo poco e anche l’attacco, che deve coprire e supportare in fase difensiva, che in assenza del Toro Belotti che torna SEMPRE indietro e marca chiunque, aggrava la difesa.
    La malgama è fondamentale in uno spogliatoio ed in una squadra.
    Guardate ieri Hart, a cui una marea di imbecilli già tira ogni sorta di impropero, non riusciva a farsi lasciare la palla dai difensori e urlava!!
    Ci sono imprecisioni che vanno limate con l’allenamento e la costanza, ma soprattutto il tempo.
    Non si può pretendere che tutto fili liscio da subito, diamo tempo al Mister di allenare, di sgridare, di lodare e tutto quello che serve. Ieri deve aver fatto un bello shampoo e ha ragione. Baselli da escludere la prossima, per fagli capire che la palle non sono un optional qui al Toro.
    Martinez ieri ha giocato mezzo scassato e comunque ha dato una palla d’oro a Maxi che tanti osannano, ma arrivato al dunque ha cannato clamorosamente.
    Poi avete visto quanto sportivamente gli orobici ci hanno fatto penare per trovare un seggiolino a Miha? Un caso? direi che in questa fase anche l’allenatore in seconda, cambiato quest’anno, magari senza grande supporto può anche gestire non al meglio.
    Giriamo pagina per cortesia e smettete di dare contro a priori, facciamo i veri tifosi come solo i Granata Puro Sangue sanno essere.
    L’anno scorso tutti a dire Europa dopo 4 partite e ora tutti retrocessione. Tifiamo e aspettiamo ad Ottobre per vedere se la squadra risponde bene e il mister pure.
    E mi raccomando incitiamo anche Hart, per una volta che abbiamo un portiere buono non scassiamogli le balle subito…
    FVCG SEMPRE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torissimo - 6 mesi fa

      Verissimo, Belotti è il primo nostro difensore e ieri si è sentita davvero la sua mancanza forse soprattutto nei ripiegamenti. Hart ha salvato un gol nel primo tempo che con Padelli avremmo molto probabilmente preso, per cui piano a crocifiggerlo. Ieri era fischiato dai locali, segno che è temuto. Molti qui lo definiscono già un brocco…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Baveno granata - 6 mesi fa

    Sinisa è’ un buon allenatore che vuole vincere sempre con un modulo offensivo che io adoro,ma con una rosa deficitaria a centrocampo ed in difesa non può fare miracoli.
    Ha schierato in campo i giocatori migliori,l’unica scelta che non ho condiviso e’ stata quella di Boye che meriterebbe di partire subito titolare.
    Per il resto è’ inutile stare qui ad elencare le solite lacune che non sono state colmate quest’estate dal duo Cairo-Petrachi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Scott - 6 mesi fa

      Mi piace il Sinisa uomo e l’atteggiamento in campo. I moduli li sceglierà lui perchè ha la competenza per farlo, sicuramente più di me. L’analisi dei problemi (che evidentemente ci sono e negarli sarebbe autolesionistico) mi porta alla seguente considerazione di carattere generale. Quando si fanno decine di milioni di utili, a livello sportivo molto probabilmente ti deve dare una grossa mano la fortuna. Purtroppo storicamente la sfiga è amica del colore granata. Tocco ferro e ….forza Sinisa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. forzatoro39 - 6 mesi fa

    Unica consolazione finalmente abbiamo chi calcia i ” calci di punizione ” !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rokko110768 - 6 mesi fa

    Io sostengo che il 424 ci poteva stare nell’ottica di pressare sulle fasce impedendo loro di salire. In mezzo al campo, nella mediana a 2, ci sarebbe stato bene Vives probabilmente seppur Benassi male non ha fatto in quel frangente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Extraedo75 - 6 mesi fa

    Beh di sicuro non abbiamo giocato bene….ma neanche loro, e forse se nel primo tempo l’arbitro avesse ammonito i loro due centrali per le trattenute che hanno fatto indispettire il ns mister la partita poteva girare diversamente.
    Facendo un commento più ampio secondo me abbiamo un’ottimo organico che dovrebbe permetterci di lottare per l’europa, sul livello di Fiorentina e lazio e un pò meglio del Sassuolo. Però ci vuole un pò di tempo per creare l’amalgama avendo cambiato 7/8 titolari rispetto allo scorso anno! Penso che fino a dicembre vedremo prestazioni altalenanti per poi trovare l’equilibrio giusto, per questo pur apprezzando molto il mister per la convinta voglia di provare a vincere sempre penso che in questo momento serva continuità per crescere e forse ieri un Vives al posto della 4^ punta ci avrebbe fatto tornare a casa con almeno un punticino, che avrebbe dato più serenità al gruppo pur coscienti della prestazione mediocre.
    Ma il mister è lui ed ho piena fiducia che a lungo termine farà bene. Forza Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ToroNelCuore - 6 mesi fa

    Finchè non compriamo un centrale destro e un terzino sinistro di un certo calibro dobbiamo concentrarci a fare un gol in più degli avversari. Con Benassi e Baselli il centrocampo non fa filtro ma almeno che sia determinante in costruzione. Forza Toro sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pusceddu - 6 mesi fa

    Forse, con le assenze attacco, ha errato il modulo, per il resto aspetterei ulteriori verifiche. Non abbiamo una panchina che garantisca qualità, questo è vero, ma non è una novità, tranne l’anno ove facemmo bene in Europa. Tornando alla partita di ieri, con un attacco rimaneggiato si rompono gli equilibri nei reparti e abbiamo sofferto, detto ciò, siamo anche passati in vantaggio ed è questa la pecca più grossa ricorrente, la mancanza di concentrazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Scott - 6 mesi fa

    Non sono all’altezza di poter giudicare un tecnico. Posso solo notare che in campo sono titolari molti che l’anno scorso partivano dalla panca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy