Atalanta-Torino, Signorelli (calcioatalanta.it): “I bergamaschi si aspettano di vincere”

Atalanta-Torino, Signorelli (calcioatalanta.it): “I bergamaschi si aspettano di vincere”

Intervista / Il giornalista avversario verso il match di Bergamo: “Torino e Atalanta possono lottare per l’Europa League”

di Nicolò Muggianu

È tutto pronto per Atalanta-Torino. Questa sera alle ore 21 andrà in scena allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia il match valevole per la sesta giornata del campionato di Serie A. Una partita che si pronostica combattuta ed emozionante. Per comprendere al meglio quale sia l’umore in casa nerazzurra abbiamo intervistato Giordano Signorelli, giornalista di calcioatalanta.it che segue da molto vicino le vicende legate alla squadra di Gasperini.

Buongiorno Giordano, che aria si respira a Bergamo? Cosa si aspettano i tifosi dalla partita di questa sera?

I tifosi si aspettano di vincere. Si aspettano che la squadra torni a graffiare sotto l’aspetto del gioco, torni ad essere battagliera come ha fatto vedere in queste ultime due stagioni. Contro il Milan in questo senso, soprattutto nel secondo tempo, qualcosa si è iniziato a vedere mentre contro Cagliari e Spal i giocatori avevano deluso un po’ le aspettative“.

Sarà un Torino senza Iago Falque e con Zaza che probabilmente partirà dalla panchina. Una squadra ben fornita a centrocampo insomma. 

Ho visto Inter-Torino a San Siro. Dopo un primo tempo in cui il Torino non mi era piaciuto, nel secondo tempo ho visto maggiore organizzazione. Qualche aggiustamento di Mazzarri poi ha permesso di trovare il pareggio. Secondo me in questo momento il tecnico fa bene a puntare su Belotti e magari lasciare un attimo in disparte Zaza. I due attaccanti hanno bisogno di tempo per trovare la giusta intesa. Zaza D’altronde è arrivato l’ultimo giorno di mercato, ma è un giocatore forte e lo abbiamo visto alla Juventus e al Valencia. Però per trovare l’intesa con Belotti ha ancora bisogno di qualche mese. A questo punto secondo me quella della doppia punta non è ancora una possibilità abbastanza matura, per cui Mazzarri fa bene a presentarsi solo con Belotti e rinforzare il centrocampo“.

Sarà un Torino ferito…

Certo, mi aspetto una squadra che dopo la sconfitta contro il Napoli non abbia voglia di incassarne un’altra e anzi vorrà venire a Bergamo per provare a fare il risultato. Anche perché gli obiettivi del Torino sono quelli di centrare la parte sinistra della classifica e possibilmente qualificarsi in Europa League“.

Atalanta-Torino, Rincon suona la carica: “Accettiamo la sfida”. Gomez gli risponde così

Un calciomercato importante, sia per il Torino che per l’Atalanta. Pensi che saranno proprio queste due squadre a darsi battaglia per l’ultima casella disponibile per l’Europa League a fine anno?

Io penso che Atalanta e Torino facciano parte di quel gruppetto di squadre che lotteranno fino all’ultimo per un posto in Europa. Credo che questo sia solo l’inizio della battaglia, siamo solo all’inizio del campionato, i giochi sono aperti. La stagione è ancora lunga ma credo che il Torino abbia tutte le qualità per lottare per un posto in Europa League. Poi tra qualche mese magari infortuni, sfortuna ed episodi estrometteranno qualche concorrente dalla corsa però al momento Torino e Atalanta possono crederci. D’altronde entrambe possono permettersi di pensare solo al campionato“.

Con quali uomini si presenterà Gasperini? 

Credo che riproporrà la squadra che si è vista nel secondo tempo a San Siro. Un tridente con Gomez, Rigoni e Zapata. Potrebbe esserci un po’ di turnover sugli esterni: penso ad Hateboer ed Adnan al posto di Castagne e Gossens. Mentre a centrocampo credo che Freuler e De Roon siano intoccabili, così come i centrali Toloi, Palomino e Masiello“.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13974210 - 2 mesi fa

    È ovvio…ora con noi pensano di vincere tutti…io fossi al posto dei giocatori avrei una rabbia in corpo da far crollare i muri porca troia!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. akille - 2 mesi fa

    Se in società non c’è un Pulici o un Sala o un Bruno è colpa di Cairo.
    Se non c’è uno come Vatta è colpa di Cairo.
    Se non abbiamo uno stadio di proprietà è colpa di Cairo.
    Se il toro ha perso i suoi valori è colpa di Cairo.
    Se il toro non ha 4 o 5 campioni e 6 o 7 cuori toro è colpa di Cairo.
    Se il toro non ha più una identità è colpa di Cairo.
    Ora Cairo è il presidente/padrone.
    Le responsabilità sono sue.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_649 - 2 mesi fa

      Una volta mi incazzavo a leggere commenti come questo, ora ho pena per te.
      Io ringrazio Cairo, pochi meglio di lui in Italia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lagarto - 2 mesi fa

        Si per fortuna sono pochi. Falsifichi bilanci pure tu?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. roplo - 2 mesi fa

    Signorelli sai cosa devi fare vero??????

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy