Athletic Bilbao – Torino, Gazzi e Vives due certezze

Athletic Bilbao – Torino, Gazzi e Vives due certezze

Centrocampo / Il punto di forza del Toro, quella linea che non dovrà venir meno proprio giovedì contro i baschi, bisognerà  puntellarla a dovere per frenare le incursioni biancorosse. Assente Benassi per squalifica

La trasferta di Firenze ha consegnato a Ventura un quadro generale molto chiaro: c’è chi aveva bisogno di rifiatare (vedi Gazzi) e chi invece dovrà farlo (vedi Benassi), complice la squalfica. Al San Mamès nessuna distrazione sarà concessa e la lucidità dovrà regnare sovrana in mezzo al campo, per non rischiar di arrivare al fischio finale con qualsiasi tipo di rammarico.

CUSTODE – Il tecnico Ventura siamo certi che si affiderà all’esperienza di Gazzi non solo per metter ordine al centrocampo granata, ma anche per difendere magistralmente il trio di difesa che sarà schierato contro l’Athletic Bilbao. Contro la Fiorentina è entrato verso la mezz’ora del secondo tempo, rilevando uno spaesato Benassi; si è accomodato davanti alla difesa e con pulizia ed effacacia si è portato a casa un ottimo pareggio. All’andata contro gli uomini di Valverde aveva ben figurato come tutto il reparto, battagliando per più di novanta minuti con i vari Viguera e Muniain, i quali con le loro infilate avevano cercato di sorprendere la mediana granata.  Fiducia a occhi chiusi dunque per il 32enne Gazzi che da quando è arrivato al Toro si è sempre fatto apprezzare per la grande grinta sfoderata; contro l’Athletic però servirà una prestazione ancora più gagliarda di quella fatta vedere nell’arco della stagione.

VIVES – Come ricordato in sede d’apertura c’è chi dovrà staccare la spina per via di una squalifica, ovvero Benassi. Questo è il verdetto per Benassi, giovane di indubbie qualità, che si sta facendo apprezzare alla grande al suo primo anno in maglia granata. Nella partita contro la Fiorentina ha causato, seppur non in maniera evidente, il rigore che poi non ha permesso ai viola di passare in vantaggio, ma al di là di questo l’imprecisione sotto porta e alcuni movimenti sbagliati hanno lasciato intendere che il classe ’94, ex Livorno, avrebbe bisogno di recuperare un attimo per riorganizzare al meglio le idee, motivo per cui la squalifica, per una volta, potrebbe non essere un grande male. Spazio dunque a Vives: gol a parte, il centrocampista napoletano ha giocato tutti i novanta minuti con cuore e personalità, incarnando l’anima del gruppo e dunque contro l’Athletic Bilbao dovrebbe essergli concessa una chance dal primo minuto. In Europa non gioca dalla partita contro il Bruges, dove i belgi riuscirono a strappare un punticino e proprio in quella circostanza rilevò Benassi a un quarto d’ora dal termine. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy