Attento Torino, questo è un Chievo che corre

Attento Torino, questo è un Chievo che corre

Il dato / La squadra di Maran conta ben cinque effettivi sopra i 10 km di media a partita: non bisogna farsi sorprendere dall’aspetto fisico

3 commenti
glik

Saranno i muscoli e le gambe a indirizzare questo Torino-Chievo? Potrebbe essere, e nel caso i granata dovranno fare molta attenzione a contrastare su questo aspetto una squadra che, in questo ambito, se la gioca con tutte – e spesso vince.

Sono poche le squadre in tutta la Serie A capaci di mettere chilometri nei polpacci e nei quadricipiti come il Chievo: la squadra di Maran è la quarta in tutto il campionato per distanza percorsa a partita, con una media di 106 km e rotti, dietro soltanto a Bologna, Napoli e Lazio. Il problema per i granata, al di là del dato assoluto dei clivensi, sta nella differenza tra le due squadre. Il Torino, infatti, è la squadre che corre meno di tutte, tra le sole quattro che mettono sul campo, in media, meno di 100 km (insieme a Frosinone, Roma e Carpi). Come si può notare dai nomi citati, questi dati e la classifica hanno un collegamento solo parziale, ma sicuramente la resistenza fisica può diventare un fattore nel corso dell’incontro.

tabellino
Vives è il maratoneta di questo Toro

E i singoli? Il Chievo conta ben 5 giocatori che superano, in media, la soglia dei 10 km a partita (due, Mattiello e Castro, abbattono addirittura il muro degli 11), mentre il Torino nemmeno uno: Vives li sfiora appena, mentre gli altri si assestano tutti al di sotto. Nell’ultimo incontro dei gialloblù, quello perso a Milano contro l’Inter, sono stati Rigoni e Inglese a superare gli 11 km a partita – la maggior parte dei quali, va detto, a correre dietro al pallone – cifra raggiunta dal solo Gazzi contro la Sampdoria per il Toro. La speranza è che il turno infrasettimanale possa aver livellato le differenze sul piano fisico, altrimenti, per i ragazzi di Ventura, ci sarà da sudare; anche se, alla fine, ciò che conta e quanto – e dove – corre il pallone.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ddavide69 - 12 mesi fa

    Pensate: siamo quella che corriamo di meno e anche tra quelle che atleticamenta facciamo più schifo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. torobullo - 12 mesi fa

    Sempre senza offesa….
    Ma dopo questo articolo, sarà meglio se ci tocchiamo!! XD

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maroso - 12 mesi fa

    Dici bene alla fine: conta quanto e dove corre il pallane. Io penso che il Torino sarà in forma quando la velocità di esecuzione sia quella di Bilbao, estremamente veloce, talvolta di prima e imprevedibile. Così il gioco palla non annoierebbe più nessuno anzi porterebbe dei bei goal come quello di Darmian. Perché ciò oggi stenti, è un problema del Mister e forse non solo. E questo è indipendente dal modulo. A Marassi, nel secondo tempo, abbiamo rivisto qualcosa, che sia stata la svolta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy