Baselli-Bernardeschi: freschezza di marca italiana

Baselli-Bernardeschi: freschezza di marca italiana

Verso Torino-Fiorentina / Ruoli diversi, stesso stampo di qualità a sfondo Azzurro…

7 commenti

Qualità e dinamismo in mezzo al campo, fiuto del gol e tecnica da vendere. Baselli e Bernardeschi: due modi diversi di intendere il calcio, stesso stampo di fabbrica. Freschezza di marca italiana, una fucina di talenti che negli ultimi anni si era leggermente spenta.

Ora più che mai gli artigiani Azzurri sembrano aver ritrovato il giusto calco, quello buono, con il quale si può regalare al mondo del pallone una serie di talenti assoluti. Entrambi hanno ancora tutto da dimostrare, entrambi però hanno spesso mostrato lampi di genio.

Il primo, Baselli, è apparso leggermente più maturo – fiero dei due anni in più sulla carta di identità -; il secondo, Bernardeschi, dopo aver zittito i blaugrana in estate con una doppietta, ora sogna la consacrazione con la maglia della Fiorentina.

Salvo stravolgimenti, entrambi dovrebbero essere in campo questa sera ad illuminare la sfida dell’Olimpico tra viola e granata. Non un vero e proprio duello a distanza – ruoli e modi diversi di interpretare il gioco del calcio, dicevamo -, ma un genuino confronto tra due ragazzi dall’indiscusso potenziale.

Sarà la crisi, sarà la voglia di cambiare mentalità, il calcio italiano a stento ha iniziato a ripartire dai giovani provenienti dal vivaio nazionale, evitando per quanto possibile di scommettere sui talenti dell’estero che spesso faticano ad adattarsi. Baselli e Bernardeschi: freschezza di marca italiana in un Torino-Fiorentina che promette spettacolo.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 anni fa

    I due anni di differenza fra Baselli e Bernardeschi si vedono eccome e tutti a vantaggio del granata, ma anche per il secondo il futuro potrà essere azzurro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. daunavitagranata51 - 2 anni fa

    se Pirlo lo farà giocare è solo per le punizioni e perche davanti la difesa è veramente forte,Giovinco è buono ma in America,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dbGranata - 2 anni fa

      Ma infatti io adoro Pirlo e capisco la convocazione, ma se vuoi puntare su un’Italia che cresca devi convocare i Giovani, Pirlo ha dato la sua all’Italia, non può che calare adesso. Devi puntare su Verratti e basta, a fare il regista. E affiancarlo ai giovani emergenti, come Baselli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dbGranata - 2 anni fa

    Conte avrebbe dovuto convocarli entrambi. Tanto per convocare Pirlo e Giovinco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 2 anni fa

      in effetti due convocazioni che proprio non capisco :(
      poi si parla dei giovani…….voglio sperare che sia in ottica di preservarli per un futuro tinto d’azzurro :) :) :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Beppe - 2 anni fa

        se è per quello l’unico che capisce le convocazioni di gonde è proprio lui …. basta vedere padella !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. dbGranata - 2 anni fa

      Ma infatti a me va pur ebene eh, quando i giocatori cominciano a diventare azzurri nel giro di un anno qualche squadra più “big” ce li incula, però onestamente non capisco le convocazioni di quei due a discapito di questi.
      Inoltre credo che Baselli sia una spugna, imparerebbe tantissimo e avremmo un giocatore molto più forte se giocasse in nazionale con continuità.
      E poi Gonde mi sta sul cazzo, ma con i giovani ci sa fare, purtroppo… e credo che Baselli ne gioverebbe.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy