Belotti, da Bologna a Bologna sono 10 bellezze

Belotti, da Bologna a Bologna sono 10 bellezze

Il protagonista / Un girone fa il primo gol, ma sarebbe sbagliato dire che si chiude un cerchio: si è appena cominciato

4 commenti

È arrivata nel momento più bello la decima gioia in stagione di Andrea Belotti: a suggellare il terzo successo consecutivo – evento mai avveratosi in stagione finora – proprio contro il Bologna, la squadra contro la quale tutto nacque. Proprio all’andata, infatti, arrivò la prima marcatura con la maglia del Torino per l’attaccante di Calcinate dopo alcuni mesi di difficoltà. Al ritorno, cinque mesi dopo, tutto ritorna.

Ma forse sarebbe più giusto dire che tutto riparte, perché da questi 10 gol Belotti inizia una nuova fase della sua carriera, soprattutto in quella granata: con la doppia cifra, l’ex Palermo diventa definitivamente il punto di riferimento di questo Torino, pericolo numero uno per le difese – ma questo lo è da un po’ di tempo. Al miglior realizzatore della Serie A nel 2016 dopo Higuain non si può chiedere di meno: la maturazione è sempre più avanzata, il tempo di nascondersi sta finendo. Sono ormai lontani i tempi in cui, sull’isola siciliana, il Gallo era il gregario di lusso, da sette reti ma pochi minuti in stagione. Ormai Belotti è il punto di riferimento del Toro, sia all’interno della squadra sia agli occhi degli osservatori esterni, e questo passo della crescita è forse il più importante.

Bologna FC v Torino FC - Serie A

Inoltre, in lui, il Torino pare avere finalmente trovato il rigorista cercato per tanto tempo: dopo gli errori di Maxi e Immobile (i rigori si possono sbagliare, sia chiaro), le tre segnature consecutive dal dischetto contro Juventus, Inter e Bologna restituiscono l’immagine di un Belotti maturo, in grado di prendersi sulle spalle le sorti della propria squadra, anche nei secondi finali, con tutti gli occhi puntati su di sé. E per il Torino questo non può che essere un bene: 10 bellezze non arrivano per caso, e Belotti non è un caso. Ora il desiderio più grande è vedere dove potranno essere spostati i limiti.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. forzatoro39 - 9 mesi fa

    ho detto ” criticato peggio di Martinez ” non che è peggio ( capire l”italiano )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 9 mesi fa

    Al di là del fatto che dovrebbe iniziare a tirare i rigori in maniera diversa perché le tre realizzazioni sono identiche,io non credo che sia peggio di Martinez e non voglio ripetere tutto quello che ho scritto sul suo conto nei mesi precedenti.
    Sinteticamente:nella disperante miseria di giocatori in generale e di attaccanti in particolare da cui è afflitta l’Italia,il Belotti sembra distinguersi.
    Il che può essere ma per me rimane un buon discreto attaccante (Ciro e’ assai migliore,tanto per intendersi),tecnicamente midestuccio e senza colpo di testa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jon1_897 - 9 mesi fa

      ha una grinta che non ha nessuno in italia…e si vede…i rigori li tira con una freddezza della madonna altrimenti li avrebbero parati sempre invece su tre non si buttano…peggio di martinez?
      dai datti alle bocce

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. forzatoro39 - 9 mesi fa

    bene Gallo ma mi ricordo che a inizio campionato era criticato peggio di Martinez che avrebbe solo bisogno di giocare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy