Belotti, le chance non sono infinite!

Belotti, le chance non sono infinite!

Focus on / Il nuovo arrivato deve essere assolutamente più incisivo sotto porta. Maxi Lopez scalpita già

10 commenti
Belotti

Andrea Belotti si è ormai adattato all’ambiente granata. Una parabola crescente ma molto discontinua la sua. Ha faticato molto per realizzare la sua prima rete, la quale è arrivata soltanto il 28 novembre contro il Bologna. Da quel giorno però l’attaccante di Calcinate ha dato una grande carica al suo pubblico, a suon di ottime prestazioni. Quello che rivendicano i tifosi è ben altro però, Belotti è un attaccante che tira molto ma che segna ben poco.

I numeri travolgono completamente perciò le splendide azioni di Andrea. Con il ritorno di Immobile sembrava essersi rigenerato, ma forse il problema è proprio il partenopeo. Sono ben 38 i tiri del classe 93′ e 34 di essi sono occasioni da gol. Questi numeri se confrontanti ai 6 gol realizzati, diventano quasi nulli. La sua media tiri è di 2 a partita ma nessuno di essi nelle ultime quattro giornate è stato decisivo. L’ultima rete di Andrea risale al 3 febbraio, quando con una splendida doppietta contro la Sampdoria ha portato un punto a casa. Numeri dunque che non aiutano di certo l’attaccante. Ventura comincia a pensarci su e Maxi Lopez in panchina scalpita. Belotti non starà quindi respirando un’aria serena al momento. Quello che chiede il pubblico granata è un Andrea molto più preciso sotto porta, un vero e proprio attaccante, il quale riporti il Torino nella retta via. Il classe 93′ deve cercare di svegliarsi in qualche modo per riconquistare l’ambiente e dimostrare le sue vere capacità. Dovrà sorprendere tutti non solo con delle belle azioni, bensì anche con delle reti decisive, unico compito di un vero attaccante. Dovrebbe capire che le occasioni non sono infinite a anche lui potrebbe essere messo in discussione.

Un giocatore in particolare si ritrova in panchina con una forza (di volontà) tale da poter spaccare l’intero stadio. E’ proprio Maxi Lopez, il quale è reduce di parecchie pessime prestazioni. Dall’arrivo di Ciro sembrava essersi rassegnato, ma è proprio in questi momenti difficili che la sua vera forza esce fuori. Criticato per i chili di troppo, oggi si ritrova a dover convincere in qualche modo il mister Ventura per un posto da titolare. Con un impegno costante e con la giusta mentalità non sarà sicuramente molto difficile, perché noi tutti conosciamo il suo vero potenziale. Sono ben 3 le reti realizzate dall’argentino in questa Serie A, gol che potrebbero essere seguiti da altri.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. blackmapan_56 - 2 anni fa

    Guardando partite sia nel campionato Italiano che nei campionati esteri gli attaccanti di tutte le squadre rientrano e partecipano anche alla fase difensiva. Dai tempi di Ferrante il modo di giocare è cambiato e non poco. Per raddrizzare il piede basterebbe fare quello che fece Giagnoni con Puliti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 2 anni fa

    Il fatto è un altro,me par: il Belotti e’ tecnicamente scarso assai e non cambierebbe niente se gli fosse risparmiato di rincorrere avversari fino a centrocampo.
    Non si può più sentir dire che lotta e si batte: di Gazzi ne abbiam già uno e il Belotti ha dimostrato,sta dimostrando e continuerà a dimostrare di essere un attaccante scarso come dimostrano i numeri citati nell’articolo.
    Voglio proprio vedere che carriera farà il giovinastro:a mio modo di vedere questa è la sua dimensione,da attaccante come ne circolano a centinaia nel mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 anni fa

      Ne riparliamo tra un paio di anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. aterreno - 2 anni fa

    Ho scritto piu’ volte che Ventura distrugge gli attaccanti facendoli tornare in difesa troppo spesso, facendo giocare Immobile come regista, ne ha rovinate di reputazioni (Quaglia, Meggiorini forse era scarso di suo, lo stesso Bianchi non segnava molto con Ventura, fine carriera o allenatore?)

    Non credo sia un caso l’ultimo vero Goleador del Toro e’ stato Marco Ferrante, Ventura non l’avrebbe mai fatto comprare, sempre la in area a far goal.. Ma scherziamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. saettadallimite - 2 anni fa

    Articolo molto discutibile, Maxi Lopez potrà aver voglia di spaccare lo stadio ma quando entra non è che faccia un gran che, anche lui deve meritarsi il posto. Belotti ha 22 anni appena compiuti e c’è una lunghissima sfilza di attaccanti forti che alla sua età non trovavano la porta. Con tutti i paracarri che abbiamo non mi accanirei su uno dei pochi che escono sempre con la maglietta intrisa di sudore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ziocane66 - 2 anni fa

    Cerchiamo di far fuori i giocatori che non hanno voggglia di giocare non chi si rompe il culo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Seagull'59 - 2 anni fa

    Spero proprio che Belotti, leggendo quest’articolo, non lo consideri una critica seria ma ci rida sopra e continui ad impegnarsi come sta facendo.
    Il problema infatti e arci noto: non deve essere lui a correre avanti e indietro e sfiancarsi anche per il centrocampo, altrimenti sarà inevitabilmente poco lucido sotto porta, quando deve concretizzare gli assist che gli arrivano (forse).
    Per me è il vero attaccante del presente e del futuro nel Toro e, se sta bene ed è in forma, lui deve essere titolare fisso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Elwood - 2 anni fa

    Maxi Lopez scalpita…eh! perché invece lui è la soluzione dei nostri problemi quest’anno… Immobile fa l’assist man quest’anno…a gennaio servivano un Cerci e un El Kaddouri per dare palle gol a raffica a Immobile…non è che ci voleva un mago del mercato per capirlo…grazie Braccino per la mediocrità che ci hai regalato quest’anno… Rifondiamo tutto con Longo, basta AvVentura/e…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granata - 2 anni fa

    Giuste considerazioni, anche alla luce del fatto che Quagliarella si è messo a segnare nella Sampdoria. Non è che per questa stagione era meglio puntare su due attaccanti di esperienza (Quagliarella e Maxi Lopez), far maturare Belotti con innesti a partita in corso e non acquistare Immobile, ma portare a casa a gennaio un buon centrocampista?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 2 anni fa

      Quagliarella al Toro aveva smesso di giocare per motivi che non conosco. La Samp è peggio di noi, chiaro però se ti sbatti qualcosa combini

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy