Belotti e quel primo gol in granata contro il Bologna

Belotti e quel primo gol in granata contro il Bologna

L’andata / Dopo mesi di astinenza, il Gallo tornò a cantare. E quei consigli di Amauri…

Torino-Bologna, Belotti

Era, all’epoca, una promessa che iniziava a preoccupare, ancora lontana dalla porta e in cerca della giusta continuità in campo. Ne è passata di acqua sotto i ponti per Andrea Belotti da quel Torino-Bologna che sancì il primo canto del Gallo, per il gol che portò in vantaggio i granata.

Il Torino arrivava dalla vittoria di Bergamo che aveva rimesso in piedi una squadra uscita con molti più dubbi che certezze dal primo ciclo di fuoco riservatole dal calendario. Contro i felsinei, i ragazzi di Ventura misero a segno una prestazione dominante, lasciando pochissimo spazio ai rossoblù e riuscirono a sbloccare la partita nell’ultimo quarto d’ora, prima con la già citata rete di Belotti e poi con il cioccolatino di Vives al 90′. Una rete da attaccante puro: stop (viziato da un tocco di mano?), protezione perfetta della sfera e bolide rasoterra sul primo palo. Un gol, anche ma non solo, frutto dei preziosi consigli di Amauri: bomber di un tempo lontano, ma ancora in grado di dare buoni consigli. I granata condannarono così Donadoni alla sua prima sconfitta sulla nuova panchina, dopo due vittorie e un pareggio. Ora, invece, il Bologna sembra in difficoltà, mentre il Torino appare in netta ripresa.

Tantissimo tempo fa, e invece era un solo girone: la trasformazione sta tutta nel ruolo di Belotti, all’epoca talento inespresso e oggi perno dell’attacco, nonché migliore realizzatore stagionale della banda di Ventura. Una crescita esponenziale che il Gallo si è preparato da lontano, ma che ha mostrato i primi frutti soltanto contro i rossblù. Ci volle ancora qualche giornata, però, per capire che non era un fuoco di paglia, ma che Belotti stava iniziando consistentemente a prendere possesso dell’attacco granata: l’esplosione avvenne con l’arrivo di Immobile, e l’amalgama di una coppia che sembra avere trovato le giuste distanze.

Il suo compagno contro il Bologna, però, sarà Maxi Lopez, con cui l’ex Palermo, sia con l’Inter sia con l’Atalanta, ha fatto vedere buone cose, pur dando la sensazione di essere troppo lontano dalla porta, incidendo così di meno in fase realizzativa. La sfida di sabato, in quest’ottica, sarà un altro test per capire dove può arrivare Belotti: il meglio sarebbe partire da un gol, in memoria dei vecchi tempi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy