Belotti, sempre più trascinaToro: il Gallo assorda anche il Cagliari

Belotti, sempre più trascinaToro: il Gallo assorda anche il Cagliari

Focus on / Ancora una prestazione maiuscola per la punta, che mette a segno un’altra doppietta ed incarna lo spirito granata. E quella rete dal dischetto…

1 Commento

Straripante, indomito. Difficile trovare altri aggettivi per descrivere la prestazione che Andrea Belotti ha offerto ieri pomeriggio al pubblico dello Stadio Olimpico Grande Torino, nell’anticipo della dodicesima giornata contro il Cagliari: il 5-1 finale non è un risultato casuale, i granata hanno annichilito l’avversario di giornata ed a trascinare i compagni, come sempre più spesso accade, è stato proprio il numero 9. Una doppietta, su azione e su calcio di rigore, percussioni irreprensibili e neanche a dirlo una pressione sfinente sui portatori di palla sardi che spesso si sono visti strappare la sfera dai piedi.

Sostituito al minuto 77 per lasciare spazio a Maxi Lopez, il Gallo ha abbandonato il terreno di gioco sotto una pioggia non di sola acqua ma anche e soprattutto di applausi: il popolo granata riconoscono ormai nell’attaccante, che ben incarna lo spirito  Toro fatto di determinazione, sacrificio e grinta allo stato puro, un simbolo della squadra; i compagni lo vedono invece sempre più come riferimento offensivo totale, in grado di fare quasi reparto da solo difendendo il pallone e lanciandosi in percussioni personali imprevedibili, e lasciando in questa maniera maggiore spazio e libertà di manovra agli esterni che possono quindi beneficiarne. Belotti cecchino, capace però all’occorrenza di cucirsi addosso anche i panni di rifinitore e lavorare per la squadra, offrendo l’appoggio ai compagni ed imbeccandoli davanti al portiere.

Le note positive a livello personale di questo Torino-Cagliari non sono però terminate per il bomber ormai anche pienamente nel giro della Nazionale. Emblematico è infatti l’episodio del calcio di rigore conquistato dallo stesso Belotti sul 4-1: Iago Falque prende subito il pallone per calciare dagli undici metri ed iscriversi al tabellino dei marcatori, ma i suoi desideri in infrangono sulla volontà di Mihajlovic che dà l’ordine di far calciare il Gallo. Nessuna tensione in merito, il numero 9 sul dischetto, palla in rete; un sigillo fondamentale non tanto per il risultato finale o per la classifica marcatori, quanto psicologicamente: dopo gli errori contro Milan e Bologna la punta aveva bisogno di sbloccarsi anche su rigore e ritrovare fiducia in questo senso, un altro obiettivo raggiunto nella straripante serata granata. Il Torino annichilisce il Cagliari, anche nel segno di Belotti: il Gallo è sempre più leader e trascinatore.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Yuri - 1 mese fa

    Eri anche quello che ricordava di più un pugile, con quel bendaggio…ahahah. Spacca tutto, sei una potenza e ti meriti tutto il meglio, bravo ragazzo!. P.S. Ma, un ma c’è, sui calci di rigore hai ancora da lavorare, diciamocela tutta eh…testa bassa e pedalare, sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy