Benassi: dallo Zenit, al ‘Nadir’. Il Toro si gode la giovane mezzala

Benassi: dallo Zenit, al ‘Nadir’. Il Toro si gode la giovane mezzala

Focus on / Esattamente un anno fa l’ingenua espulsione in Russia, ad oggi la crescita del capitano dell’Under 21 è esponenziale

Toro, Benassi

Esattamente un anno fa il Torino scendeva in campo per alimentare ulteriormente il sogno europeo, dal quale era galvanizzato dopo l’impresa di Bilbao: per gli ottavi di finale il sorteggio aveva regalato lo Zenit alla squadra di Ventura, che il 12 marzo 2015 disputava a San Pietroburgo il match d’andata. Il risultato finale vedeva i padroni di casa imporsi per 2-0 al termine di una partita ricca di rimpianti (leggi qui) e senza dubbio condizionata da un clamoroso episodio: dopo appena 27 minuti infatti il Torino rimaneva in dieci uomini a causa dell’espulsione di Marco Benassi, provocata da due cartellini gialli rimediati ingenuamente.

Benassi esulta dopo il gol al Frosinone
Benassi esulta sotto la Maratona dopo il gol al Frosinone

Senza ombra di dubbio due falli provocati da foga ed inesperienza in campo internazionale, che erano però stati una sorta di emblema della stagione di Benassi: un giocatore dalle buone potenzialità ma ancora lontano dalla necessaria maturazione. Maturazione che invece, ad esattamente un anno dalla partita di San Pietroburgo, sembra decisamente essere arrivata: dopo un avvio di campionato vissuto da comprimario, l’ex Inter ha cominciato ad inanellare una serie di prestazioni decisamente convincenti, fatte di quantità e condite anche da giocate di qualità, ed è lentamente riuscito a conquistare la maglia da titolare oltreché la piazza.

Gaby Mudingayi (R) of AC Cesena controls the ball against Marco Benassi of Torino FC during the Serie A match between Torino FC and AC Cesena at Stadio Olimpico di Torino on May 31, 2015 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
Marco Benassi gestisce la sfera a centrocampo

Ad oggi si tratta di una pedina fondamentale per lo scacchiere di Ventura, che è ovviamente il principale artefice di questa crescita esponenziale e che ha sempre creduto nel ragazzo di fatto lanciandolo da titolare nella passata stagione. Il capitano dell’Under 21 sembra aver trovato la giusta strada e nelle ultime partite ha rappresentato un punto fermo per il Torino, indipendentemente dai risultati ottenuti dalla squadra. Di certo il giocatore ha ancora molto da imparare, in particolar modo talvolta si lascia ancora annebbiare dalla foga per quanto riguarda la gestione di situazioni importanti sia in fase di possesso palla che di ripiegamento, ma la crescita è indubbia. Forza di volontà e maturazione: un anno dopo quello sfortunato Zenit-Torino, Benassi sembra essere un altro giocatore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy