Benfica-Torino: difesa impenetrabile con Luisão e JulioCesar

Benfica-Torino: difesa impenetrabile con Luisão e JulioCesar

Analisi / La squadra portoghese ha degli interpreti fissi nel reparto arretrato, che subiscono pochi gol, in particolare in campionato…

Il Torino, nella giornata di domani, affronterà il Benfica nell’Eusébio Cup a Lisbona, nello stadio Da Luz in Portogallo: dopo diversi decenni le due squadre tornano a sfidarsi,e i granata vogliono tornare in Italia con alcune certezze. La squadra che i ragazzi di Mihajlovic andranno a sfidare è sicuramente una delle migliori squadre europee al momento, avendo anche raggiungo i quarti di finale in Champions League e avendo sfiorato una clamorosa vittoria contro il Bayern Monaco. Andando ad analizzare i reparti del Benfica, partendo dalla difesa, si notano delle caratteristiche fondamentali che sono rimaste invariate, ma anche dei piccoli difetti che possono essere un vantaggio per il Toro. Però, prima di analizzare la difesa, è giusto ricordare che tra i pali c’è un portiere che nonostante l’età sa ancora il fatto suo: è Julio Cesar, ex estremo difensore dell’Inter.

DIFESA A 4 – La prima caratteristica è quella della difesa formata da quattro interpreti: questo modulo difensivo non è mai stato variato dal mister Rui Vitória in tutto l’anno, perché ha trovato spesso delle risposte incoraggianti dai suoi titolari. In particolare, la figura di rilievo nel reparto arretrato è sicuramente il difensore centrale Luisão (il capitano della squadra portoghese) che, nonostante sia arrivato all’età di 35 anni, è in grado di sostenere bene il peso offensivo della squadra avversaria. Il suo compagno di reparto è ordinato in difesa, ma anche temibile in fase offensiva: non a caso ha segnato nell’ultima uscita del Benfica nella scorsa stagione (nel match contro il Maritimo). Il terzino destro quasi insostituibile è André Almeida, che è stato quasi sempre titolare nell’annata passata, mentre a sinistra vi è un ballottaggio tra il giovane Grimaldo (classe 1995) e l’esperto Eliseu (classe 1983).

difesa
Il tecnico del Benfica, rui Vitoria

GOL SUBITI – La squadra di Rui Vitória ha vinto il campionato portoghese anche quest’anno (arrivando a 35 totali), e uno dei punti di forza nel percorso che li ha portati a battere lo Sporting è stato proprio i pochi gol subiti in tutta la Liga Nos. Oltre a segnare un numero di gol molto elevato, il Benfica è riuscito a farsi segnare solo 22 gol in campionato: fattore diverso, invece, in Champions League, perché in dieci partite disputate la scorsa stagione, hanno subito ben 11 gol.

SEGNO X – Vi è anche un fattore interessante che potrebbe anche interessare il match contro il Torino: la squadra portoghese ha pareggiato solo una volta nelle sfide in Portogallo (sia campionato che coppe nazionali), e due volte in Champions League, per un totale di tre pareggi stagionali. Alla squadra di Rui Vitória, evidentemente, non piace il segno X…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy