Berenguer, per il Torino un investimento da tutelare: ma con un esterno in arrivo…

Berenguer, per il Torino un investimento da tutelare: ma con un esterno in arrivo…

Focus On / Gli spazi per l’ex Osasuna sembrano destinati a restringersi a meno di un cambio modulo: dal nuovo ruolo di esterno ad un’esplosione che tarda ad arrivare

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Quando arrivò un anno fa dall’Osasuna per 5.5 milioni di euro, Alex Berenguer aveva le stimmate del colpo di mercato, accompagnato a Torino dall’etichetta di giocatore scippato al Napoli. Mihajlovic voleva tanti esterni d’attacco, il Toro lo sfilò agli azzurri e allo Spartak Mosca con un’operazione lampo. L’inizio della sua avventura in granata fu segnato da quel gol ingiustamente tolto a Bologna alla prima giornata del campionato scorso, poi l’arrivo di Niang ha finito per restringere gli spazi a disposizione. Nella stagione 2017-2018 ha messo a segno comunque 22 presenze, di cui però solo la metà da titolare, accompagnate da un solo gol, quello – molto bello – segnato alla Lazio a dicembre. Un bottino non da disprezzare, essendo stata la sua prima stagione italiana, ma nemmeno si è potuto parlare di esplosione. Berenguer ha fatto vedere a tratti discrete qualità tecniche e ottime qualità umane, ma non è stato valorizzato al meglio dalla stagione precedente, tra le gestioni di Mihajlovic e Mazzarri.

NUOVO RUOLO – In questa stagione, il cambio di modulo – con la scelta del 3-5-2 – lo ha costretto a spostarsi in un ruolo diverso. Reduce da un’annata in cui era stato impiegato come esterno sinistro d’attacco del 4-2-3-1 o del 4-3-3, ha dovuto arretrare il raggio di azione, cimentandosi sin dall’inizio del ritiro di Bormio come quinto di centrocampo a sinistra. Il convincimento del Torino sul fatto che possa ricoprire quel ruolo appare saldo, ma va detto che – nonostante un buono spezzone in quel ruolo sul finire dello scorso campionato contro la Spal – sin qui non ha dato garanzie tecniche importanti nella nuova posizione.

FUTURO – Sia con il Nizza che contro il Liverpool, nonostante alcune buone giocate, non è parso certo ermetico dal punto di vista difensivo nè in grado di proporsi con continuità in accompagnamento alla manovra come invece riesce a fare dalla parte opposta Lorenzo De Silvestri. Ora, il mercato sta per portare a Torino un altro esterno: sia Ola Aina o chiunque altro, inevitabilmente la concorrenza andrà ad aumentare, tenendo conto anche della presenza di Ansaldi. Per il Torino si apre quindi il tema: come valorizzare al meglio Berenguer, giocatore per cui si sono investiti 5.5 milioni un anno fa? Solo il tempo darà le risposte: se Mazzarri dovesse tornare ad applicare il 3-4-3 allora lo spagnolo avrebbe più possibilità, possibilità che invece nel 3-5-2 appaiono ridursi sempre più.

 

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13977624 - 4 giorni fa

    si continua a parlare del 3-5-2 di mazzarri che tale non è ma è nsolo un 5-3-2, quindi un berenguer non serve ma ci vogliono terzini che spingono ( alla Marcelo per capirci )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 4 giorni fa

    @FVCG’59
    Paga il cambio di modulo. Per me il giocatore è molto valido. Ha fatto molto meglio di Niang al quale ha dovuto lasciare il posto più di una volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FVCG'59 - 4 giorni fa

      Paragonarlo a Niang non mi pare coretto: ruoli e caratteristiche completamente differenti.
      Se si deve giudicare Berenguer sulla base di quanto fatto in campo, sorry, ma non mi ha convinto proprio per niente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. drino-san - 5 giorni fa

    Ola Aina gioca a destra. Come fanno ad essere in concorrenza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG'59 - 5 giorni fa

    Chiamiamo le cose col nome giusto: Investimento Sbagliato!
    Può succedere, quando si fanno delle scommesse: in alcuni casi è andata bene, questo è un caso opposto.
    Non c’è alcun investimento da tutelare, bensì si deve cercare di limitare i danni: da vendere in ogni caso e tenere Parigini, in bella crescita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rossodisera - 5 giorni fa

    Finora a centrocampo WM ha fatto giocare Ansaldi per le carenze di reparto ma se arriva uno affidabile verrà dirottato Ansaldi a sx e Berenguer in panca. In Spagna Alex si è fatto notare per le sue scorribande a sinistra sia in avanti che come terzino, dopo otto mesi col nuovo mister vedremo che fiducia avrà ma la sensazione è che parta come seconda scelta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 5 giorni fa

    saltato un pezzo…. Berenguer è un attaccante esterno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granatadellabassa - 5 giorni fa

    Per me Bere
    Non sono in grado di dire se Berenguer abbia la capacità di agire come terzino ma di sicuro ci vuole tempo.
    Al momento abbiamo due esterni e mezzo: cosa aspettano a prendere un terzino?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. cervix - 5 giorni fa

    Aspettiamo la fine del mercato. Speriamo bene. Tante, troppe cose ancora da definire, ma si sapeva che purtroppo sarebbe stato così. Dovevano arrivare degli esterni veloci e, al momento, non è arrivato nessuno. Il nostro centrocampo andava sistemato e con tre uscite si parla solo di Krunic (Empoli) e, forse, Viviani (Spal) in entrata, oltre a Lukic rientrato dal prestito in Spagna. Non vedo un cambiamento radicale, anzi. Davanti abbiamo 6 attaccanti Ljaljc (trequartista, perchè questo è), Iago Falque e Edera (ali destre), Belotti e Niang (prime punte, perchè Niang questo è) e Berenguer (ala sinistra riciclata, senza successo, a esterno sinistro). E’evidente che ci saranno almeno due uscite: Iago Falque e Niang (se qualcuno ci dà 10/12 milioni) o Ljaljc. Sperando che qualcuno non si faccia avanti con 55/60 milioni per Belotti, ma credo che ormai sia tardi. SOlo in difesa siamo a posto e se c’è bisogno c’è Ferigra della Primavera.
    Un cantiere in corso e fra 6 giorni il mercato si chiude.
    Speriamo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13965096 - 5 giorni fa

    infatti, ma come si fa ad arrivare a 5 giorni dalla chiusura e avere ancora da vendere e comprare. almeno tre uscite e, speriamo almeno tre entrate si spera di valore. tutto all’ultimo, pazzesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. cervix - 5 giorni fa

    Mah. Temo che andranno via Iago Falque e uno fra Niang e Ljaljc. Si prenderà Zaza. Mah…Berenguer rimane un oggetto misterioso. Lo voleva il Genoa, perché non darlo? Rincon continua a perdere palloni davanti l’area, perché non lo abbiamo ceduto alla Fiorentina?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. prawn - 5 giorni fa

    Cmq io ancora il bookmark dell’articolo dove Cairo dichiara che si erano mossi presto, a oggi abbiamo un mostro a due teste, il culo (difesa) di Mazzarri, la testa di Miha, il centrocampo addirittura si può definire Venturiano, manca solo Benassi…
    Siamo troppo lenti a muoverci sul mercato e la pianificazione degli allenatori è stata sbagliata.
    352 > 415 > 352

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Lemmy - 5 giorni fa

    Se si sostiene che un giocatore di 22 anni (peraltro cercato lo scorso anno anche dal Napoli, probabilmente per le sue caratteristiche fisiche e tecniche) costato 5.5 milioni è un investimento per il futuro, questo è palese.
    Se si sostiene che in prospettiva, facendo un salto di qualità notevole possa rappresentare un potenziale crack o, come succede spesso al Torino, una notevole plusvalenza, va bene.
    Non si dica però che ha fatto una anche solo discreta stagione perché ciò non corrisponde alla realtà. Berenguer può e deve ancora dimostrare tutto e l’aspetto tattico non c’entra nulla, che potesse fare l’esterno di sinistra lo si sapeva dai tempi dell’Osasuna e finora ha dimostrato pochezza sia in quel ruolo che da esterno alto, sia con il precedente allenatore che con l’attuale, per cui, un’altra stagione va senz’altro testato, ma alla fine vanno tirate le somme.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. GlennGould - 5 giorni fa

    Tre centrocampisti da cedere, almeno due da prendere, poi serve un esterno; in attacco uno, se non due, partiranno, e qualcuno bisogna prendere. Fra sei giorni inizia il campionato; tempi non stretti, di più, servirà un lavoro dirigenziale da fuoriclasse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lemmy - 5 giorni fa

      Belotti ed Edera non partono, Iago e Liajic partono solo se qualcuno offre 20 milioni (e società disposte a dare queste cifre non credo ce ne siano molte a Ferragosto….non abbiamo il Chelsea dello scorso anno per intenderci), e Niang solo per 12 o per un prestito oneroso, non conosco Damascan ma non credo possa sostituire il gallo in caso di (toccando ferro) infortunio o squalifica…e senza Niang nessuna prima punta….che dici Glenn?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 5 giorni fa

        Dico che la vedo esattamente come la vedi tu.
        Temo solo l’ormai famigerata “ultima settimana” presidenziale..

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy