Bilancio Torino, le cifre dello scorso mercato e il budget investibile

Bilancio Torino, le cifre dello scorso mercato e il budget investibile

Inchiesta TN – Parte 8 / Se si sottraggono i 14 milioni già spesi ai 40 totali che entreranno nelle casse granata, il budget per il calciomercato risulta chiaro…

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

L’INCHIESTA

TURIN, ITALY - MAY 28: President of FC Torino Urbano Cairo looks during the Serie A match between FC Torino and US Sassuolo at Stadio Olimpico di Torino on May 28, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

TURIN, ITALY – MAY 28: President of FC Torino Urbano Cairo looks during the Serie A match between FC Torino and US Sassuolo at Stadio Olimpico di Torino on May 28, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Anche quest’anno, siamo arrivati alla fine del nostro viaggio nel bilancio economico-finanziaro del Torino. Come da tre anni a questa parte, vi abbiamo presentato in maniera dettagliata tutte le maggiori voci dell’esercizio 2016 granata: dal valore di produzione e utile, ai vari ricavi riguardanti diritti tv e plusvalenze, fino ai costi relativi al personale e al monte ingaggi. Nella precedente puntata, via avevamo svelato in anteprima e in maniera ufficiale le cifre riguardanti le operazioni già concluse dal Torino nel 2017 (Lyanco, Milinkovic e Iago), osservando come il Toro abbia già speso quasi 15 milioni per la prossima stagione, incassandone più di 8 per le cessioni di Jansson e Martinez.

Oggi, invece, per chiudere la nostra inchiesta, verranno analizzati i dettagli delle operazioni della scorsa estate, cercando di capire quanto e come – in questa sessione di mercato – i granata potranno investire.

1 – TORO ANCORA IN ATTIVO
2 – DIMINUISCONO LE PLUSVALENZE
3 – IL BOTTEGHINO CALA
4 – I DIRITTI TV
5- IL MONTE INGAGGI
6- COSTI DEL PERSONALE
7- GLI AFFARI DEL 2017 IN DETTAGLIO

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. die granata - 1 anno fa

    Cn 25 mln nn vai da nessuna parte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. igor - 1 anno fa

    E gli utili accumulati negli esercizi passati? Quelli non li conteggiamo? #cairobraccino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BenicioDelToro - 1 anno fa

      Igor, forse non sei infoprmato, ma te lo dico io, gli esercizi passati sono sempre stati passivi, e’ solo da 3 anni che sono attivi, dopo l’anno della partecipazione all’Europa League.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 1 anno fa

        Neanche lei e’ molto informato visto che il Torino chiude il bilancio in attivo dall’anno 2013 e quindi con quello del 2016 sono quattro anni e non dalla partecipazione all’EL ma dal ritorno in serie a semplicemente per aver cominciato a beneficiare dell’entrata da diritti televisivi collettivi, in vigore dal campionato 2010/2011. In questi quattro anni l’utile complessivo e’ pari a quasi 25M e l’osservazione sul suo utilizzo mi sembra piu’ che logica.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 1 anno fa

          vero anche che l’attivo di bilancio è sempre intorno a pochi milioni di attivo. Qui si parla di bilancio del calciomercato, non di bilancio complessivo di gestione. E’ inutile che stiamo a fare troppi calcoli quando una società che fattura 70milioni/anno, con una media spettatori che non arriva a 20mila e che prende il 7% sui diritti tv cerca di permettersi il lusso di trattenere un giocatore da 100milioni. Ora io sono felicissimo se il Gallo rimane, però questo richiede uno sforzo economico che non si può ignorare… poi su Cairo si può discutere su molti aspetti (io spesso sono il primo a criticarlo), però di questo stiamo parlando perchè questa è la nostra dimensone, perlomeno è la dimensione del Toro di Cairo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. prawda - 1 anno fa

            L’articolo parlava di bilancio ed il commento si riferiva al risultato di esercizio, ma e’ vero che il fatturato netto e’ poco sotto i 70M pero’ se non fai investimenti restera’ sempre quello. Cairo ha preso il Torino dodici anni fa, il bilancio di questa presidenza da un punto di vista dei risultati sportivi e’ penoso, mentre da un punto di vista economico e’ ottimo; forse e’ ora di cominciare a privilegiare la parte sportiva e fare qualche investimento proprio per arrivare ad aumentare il fatturato e con esso riportare qualche tifoso allo stadio. Se invece, come temo, l’obiettivo reale e’ quello di mantenere la serie a, avere un bilancio in attivo e mantenere tutti i benefici in termini di pubblicita’ e visibilita’, allora ogni anno si continueranno a vendere i migliori per sostituirli con scommesse o giocatori da rilanciare ed il centro classifica restera’ la dimensione massima a cui questa societa’ potra’ aspirare.

            Mi piace Non mi piace
  3. Torogranata - 1 anno fa

    25milioni servono a malapena per acquistare un buon giocatore ingaggio compreso.
    Inutile illuderci nel calcio di oggi se ci sono i soldi si va avanti,se non ci sono e si fa una buona gestione si sta in serie A.
    Magari se hai un buon vivaio e buoni osservatori all’estero riesci a andare in europa senza spendere tanto,L’Atalanta ne è l’esempio,ma credo anche una meteora.
    Cairo sicuramente è un buon gestore delle finanze, ma dopo 12anni non ho capito cosa voglia veramente fare del Toro,se poi ci dobbiamo accontentare del solito più o meno decimo posto allora mi accontento,ma se promette l’Europa quella vera e continua che lo dimostri con i fatti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy