Torino, riecco Bonifazi: con la Spal trova spazio, a giugno tutte le valutazioni

Torino, riecco Bonifazi: con la Spal trova spazio, a giugno tutte le valutazioni

Focus on / A Ferrara si è consacrato in Serie A, ora la prima sfida al club che detiene il cartellino

di Redazione ToroNews

Kevin Bonifazi ormai si è consacrato a Ferrara e ora ha dimostrato a tutti di essere un difensore che in Serie A può dire la sua. Il ritorno alla Spal di Semplici è stata la scelta giusta per tutti, perché ha trovato quella continuità che al Toro non avrebbe avuto, ma è fondamentale per un giovane. Eppure gli inizi non erano stati dei più fortunati e aleggiava lo spettro di un’altra stagione di infortuni e panchine. Poi la svolta. Il 20 ottobre scende in campo da titolare all’Olimpico di Roma contro i giallorossi e sforna una prestazione di livello condita da un gol che regala la vittoria storica per i ferraresi.

RENDIMENTO – Da quella rete ad oggi sono arrivate altre 10 presenze (11 contando anche la Coppa Italia) e due sole panchine: insomma Semplici e la Spal puntano forte su di lui. Bonifazi ha ripagato la fiducia dimostrando di essere un difensore affidabile ed elegante, come messo in mostra anche nelle sfide a Juve e Napoli, durante le quali ha sfoderato due prestazioni super. Di giornata in giornata si è conquistato una maglia da titolare e ora difficilmente la potrebbe perdere. Una bella conferma per Bonifazi, che da giovane promettente è diventato una bella realtà del calcio nostrano.

FUTURO – Anche per questo motivo la Spal a fine anno dovrebbe, salvo sorprese, esercitare il diritto di riscatto di cui gode per poter puntare su di lui in futuro. Il Toro però ha dalla sua la possibilità di controriscattare il cartellino del difensore reatino. Una sorta di premio valorizzazione da versare nelle casse della società di Ferrara. Sicuramente un giocatore così farebbe comodo a entrambe le squadre: specialmente alla Spal, visto che il classe 1996 è ormai diventato un pilastro della difesa di Semplici. D’altro canto sarà, come detto, il Torino ad avere l’ultima parola sulla questione: al momento però Izzo e Nkoulou paiono due perni da confermare anche per gli anni a venire, mentre Djidji sarà riscattato. E se Moretti a giugno potrebbe decidere di terminare la sua carriera, in difesa ci saranno da gestire anche altri profili quali quelli di Lyanco, Bremer, Ferigra, Buongiorno. Il Torino avrà tempo e modo per rifletterci, intanto Bonifazi domenica affronterà da avversario per la prima volta il club granata.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 2 mesi fa

    Almeno 4 “titolari” in difesa ci occorrono, e, se Moretti sceglierà di andare in pensione, per me Bonifazi sarebbe il profilo giusto.
    Ferigra e Buongiorno, l’ultima “sfornata” della Primavera, potrebbero andare in prestito, come già più volte fatto dallo stesso Bonifazi, sicuramente più esperto di loro e che ha appena giocato (bene) un anno in serie A.
    Lyanco lo manderei sicuramente fin da ora in una squadra che gli assicuri “minutaggio”:
    tutto da scoprire e riscoprire, valutare e rivalutare il brasiliano (in carriera , se non erro, 3 partite in tutto giocate in granata. Poi le odierne prestazioni, non brillanti, ma che non possono ancora dire nulla).
    Bremer, sinceramente, mi domando cosa l’abbiamo comprato a fare, avendo appunto in casa e “gratis” le future prestazioni di Bonifazi e Lyanco.
    In prestito almeno un anno (il prossimo) pure lui quindi, poi si vedrà!
    Per me l’attacco ideale per la prossima stagione dovrebbe essere:
    Izzo, Nkoulou, Djidji, Bonifazi.
    In più eventualmente ancora un anno di Moretti (a sua scelta), il ritorno di Lyanco (se darà garanzie) o un giovane tra Ferigra e Buongiorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iugen - 2 mesi fa

    Di certo in difesa siamo messi bene pure in ottica futura. Anche troppo, impensabile possano rimanere tutti, perché i titolari sono inamovibili e i giovani meriterebbero spazio. Difficile che Bonifazi voglia accomodarsi in panchina dopo una stagione da titolare, ma chi dovrebbe lasciargli spazio? Anche Lyanco secondo me può giocare titolare in A, vedremo meglio dopo il prestito. Ferigra e Bremer invece avrebbero bisogno di giocare un po’. Chissà potremmo cedere due difensori in cambio di quel centrocampista che ci manca da sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy