Boyé 5, abulico e poco incisivo: un’involuzione palpabile su cui ragionare

Boyé 5, abulico e poco incisivo: un’involuzione palpabile su cui ragionare

Il Pagellone di TN / Pochi sprazzi positivi per l’attaccante, che ha finora deluso le aspettative: la giusta collocazione sembra ancora da trovare

di Federico Bosio, @fedebosio19

Terminata anche la batteria dei centrocampisti, è adesso il momento di cominciare con quella degli attaccanti. Ed il primo profilo è quello di Lucas Boyé. Dopo una prima stagione altalenante, vissuta tra luci ed ombre, tra prestazioni che facevano intravedere lampi di un talento importante ed altre davvero opache, ci si aspettava in questa seconda annata al Torino che l’argentino trovasse una maggiore stabilità. Purtroppo, però, in questo girone d’andata questo sembra essere avvenuto ma non nel modo sperato.

Il giocatore ha infatti inanellato una serie di prestazioni decisamente negative, alle quali risulta difficile anche fornire una spiegazione convincente: certo, il fatto di non essere una prima scelta e poter sfruttare davvero pochi stralci di partita è sempre un fattore condizionante, ma d’altra parte dovrebbe essere proprio elemento stimolante per stupire, sorprendere, incidere e scalare le gerarchie. Nel caso del classe ’96 tutto questo non è accaduto, e la situazione ha finito per generare una sorta di spirale senza fine. Sono davvero – troppo – pochi ed estemporanei in questa prima parte di stagione i lampi positivi di Boyé, quasi sempre buttato nella mischia per essere quella famosa “arma in più” sul fronte offensivo volta a sparigliare le difese avversarie, ma autore di prestazioni nel complesso non all’altezza.

Per larga parte delle 13 presenze totalizzate in stagione tra campionato e Coppa Italia, l’argentino è apparso abulico, non determinato, quasi spiazzato alla ricerca di una collocazione tattica sul terreno di gioco che gli calzi a pennello. All’esordio con Mazzarri, subito incoraggianti segnali di ripresa con un assist di ottima fattura per Iago Falque: anche lui verrà sottoposto al giudizio del nuovo tecnico così come tutti i compagni, ma quanto mostrato finora in questa stagione – considerando anche le aspettative ed il biglietto da visita con cui si era presentato all’inizio dello scorso campionato – è stato davvero deludente. Un’involuzione netta sulla quale ragionare.

 LUCAS BOYE Serie A Coppa Italia
Presenze/minuti 10/179′ 3/49′
Cartellini gialli 0 0
Cartellini rossi 0 0
Gol  0 0
Assist  1 0
Voto 5
13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. serginho - 7 mesi fa

    Giocatore con un fisico potente ed enormi potenzialità. Come è stato per altri giovani del gruppo, è stato messo in disparte da Sinisa che gli ha impedito di giocare e di crescere.
    Giusto il prestito per farlo giocare di più, ma poi è meglio che torni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 7 mesi fa

    Io spero che Mazzarri lo mandi in prestito secco e che da giugno torni al Toro per mettere a disposizione la sua enorme potenzialità.
    L’errore più grande sarebbe quello di cederlo, senza avergli concesso adeguate opportunità e solo perché il mister precedente non lo vedeva…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. brusbi - 7 mesi fa

    Il giudizio del cronista, visibilmente insensato, palesa chiaramente quale è il clima in società.
    Si è deciso di puntare sui pariruolo Niang e Berenguer, per la semplice ragione che sono costati molto di più e la Società vorrebbe non compromettere l’investimento.
    E’ cosi scaricano quello che è costato di meno cercando di convincersi che vale anche meno degli altri.
    Una scelta stupida.
    Non ci resta che sperare che Boyè venga dato in prestito secco, ma la stupidità non ha limiti e potrebbero persino decidere di cederlo in via definitiva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 7 mesi fa

      Berenguer è un esterno secondo me Niang è Boye non lo sono. Quindi sulla fascia é meglio insistere con lo spagnolo che è un poco acerbo ma almeno gioca nel suo ruolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Viamiha - 7 mesi fa

    15 minuti a partita spesso in situazioni difficili con la squdra sulle ginocchia. Cosa dovrebbe fare. Già solo lassit per falque rende le sue statistiche migliori di niang che ha giocato alla fine una 15 di partite di cui 13 di merda e due buone.
    Personalmente non avrei presoniang e avrei puntato su lui al
    Posto di lihahic. Con zapata seconda punta avremmo un super attacco.

    Sec me devi dargli campo per dribblare e creare lo spazio per lassisy. Accanto abelotti sarebbe perfetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. claudio sala 68 - 7 mesi fa

    È difficile già trovargli un ruolo, figurarsi se gioca 10 minuti a partita. Secondo me è una seconda punta anche se non vede bene la porta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 7 mesi fa

      può essere, anche se io lo vedrei quasi più rifinitore con licenza di puntare la porta. il pallone lo serve quasi sempre con i “giri” giusti. ma sinceramente mi fido molto più di mazzarri che delle mie impressioni 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. maraton - 7 mesi fa

    giocatore potenzialmente “mostruoso” in quanto a tecnica e fisico, mi era piaciuto molto al suo debutto l’anno scorso. sembrava anche molto determinato e dotato di buona personalità.
    quello visto quest’anno sembra il gemello scarso e impacciato. troppo brutto per essere vero. dalla sua bisogna anche contare la giovane età, ma se un milinkovic, un edera, un berenguer quando entrano si fanno notare a maggior ragione deve farlo uno dotato del suo talento. contro il bologna ha disputato solo 10 minuti, ma ha fatto delle cose da urlo, oltre l’assist per il goal di iago.
    continuo a credere in lui, ma deve darsi una mossa perchè certi treni non aspettano e devi salirci sopra a costo di buttare giù qualcuno (metaforicamente parlando)
    visti i mezzi a disposizione ha fatto vedere troppo poco.
    per me voto: 4.5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Simone - 7 mesi fa

    La media voto sui giornali calcistici è di poco inferiore a 6

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 7 mesi fa

      mi fido di quello che scrivi, però qui si valuta l’impatto sulla stagione. per questo io sono stato severo. quest’anno DOVEVA mettersi in mostra!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 7 mesi fa

        Il voto che gli viene dato a fine partita x cosa gli viene dato, x i capelli? Il sorriso?
        X la cronaca ha giocato 135′

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maraton - 7 mesi fa

          per me ha giocato poco perchè quando schierato ha fatto vedere poco. edera ha avuto tutt’altro impatto. lasciamo perdere i goal che possono anche essere “trovati” ma la grinta ed il dinamismo messo in campo per conto mio sono stati superiori. lui quando entrava sembrava abulico

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 7 mesi fa

            Ricordo benissimo che ad inizio campionato era infortunato e poi quando è tornato abile miha l’ha usato pochissimo (cmq senza brillare).
            I motivi x cui nn l’ha fatto giocare o cmq così poco lo sa solo lui.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy