Bremer, solo 11 minuti col Torino: Mazzarri lavora su di lui

Bremer, solo 11 minuti col Torino: Mazzarri lavora su di lui

Focus On / Il difensore granata non ha avuto spazio in questo avvio di campionato: ma potrebbe avere delle chance in Coppa e dopo la sosta post-natalizia

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino si avvicina alla prossima sfida in campionato, la dodicesima di questa Serie A 2018/2019. I granata ci arrivano dopo una bella vittoria contro la Sampdoria, con una squadra consolidata e confermata, nella quale i cambiamenti di Mazzarri saranno pochi, essendo il tecnico uno che si affida molto ai suoi “senatori”. Il reparto più delicato per l’allenatore di San Vincenzo, poi, è quello difensivo, che viene curato nei minimi dettagli e per questo sta dando i primi risultati positivi.

allenamento  bremer

BREMER – Ma tra i suoi “fedelissimi” non c’è ancora Bremer, difensore brasiliano, che è rimasto – e rimane – ai margini del Torino, quasi sempre convocato ma fisso in panchina. La situazione può apparire preoccupante, visto che il tecnico gli ha riservato soltanto 11 minuti nella gara contro la Roma di inizio stagione e poi nulla più. Ma Mazzarri non lo ha definitivamente escluso dalla squadra, anzi: lo sta preparando in maniera completa, in modo tale che il difensore brasiliano riesca ad esprimere al massimo le sue potenzialità. In questo modo, le chance di Bremer potrebbero essere poche al momento, ma potrebbero altresì crescere nei prossimi mesi.

Allenamento bremer

OPPORTUNITÀ – La prima chance che compare all’orizzonte per il difensore granata pare essere quella della Coppa Italia, contro il Sudtirol, il 6 dicembre (tra circa un mese): in quella gara è molto probabile che Mazzarri vada a testare i progressi fatti da Bremer in questi mesi, per decidere poi se optare per un prestito eventuale a gennaio in una squadra che gli permetta di giocare con continuità, oppure se tenerselo stretto per impiegarlo da dopo la sosta natalizia con più continuità. Bremer può essere uno di quei giocatori molto utili al Torino, soprattutto nella seconda parte di campionato, quando una panchina lunga potrebbe diventare determinante nella corsa all’Europa League.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 settimane fa

    Prima di mandarlo in prestito da qualche altra parte e, magari, prendere al suo posto uno più scarso di lui, sarebbe opportuno dargli delle chances anche a partita in corso. Non si può pretendere che giochino sempre gli stessi e siano anche in piena forma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 2 settimane fa

    Non diciamo stupidaggini sul prestito di Bremer.Se si vogliono raggiungere certi obiettivi bisogna tenere riserve valide .In questo caso se si dovesse far male Izzo , il sostituto naturale è Bremer e non De Silvestri che è più portato a correre sulla fascia destra e crossare per Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13946570 - 2 settimane fa

    Ognuno avrà le sue chances.. All’inizio l’ho visto molto bene ma è chiaro che n’koulu e Izzo sono intoccabili e moretti è sinonimo di garanzia.. Poi per far rifiatare (giustamente) moretti mazzarri ha puntato su djidji con ottimi risultati quindi bremer al momento aspetta poi ci saranno possibilità per mettersi in mostra.. Noi lo aspettiamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. anpav - 2 settimane fa

    Nessuna stranezza. nessun caso. Izzo è il titolare, Bremer la prima riserva. E’ giovane, è nuovo, tutto normale. Visto giocare è piciuto ai più dunque nessun problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

    Marcatore arcigno che deve competere per un posto con Izzo, il che attualmente è impossibile, e che deve forse calarsi ancora meglio nei movimenti difensivi di squadra.
    Bello avere “seconde linee” di qualità: nel campionato ci sarà spazio per tutti e un Bremer tirato a lucido non potrà che servirci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granata - 2 settimane fa

    Il ragazzo non è mai stato in discussione ne da parte dello staff ne da parte della società. Non andrà in prestito da nessuna parte perché Mazzarri ha i suoi metodi e vuole che li assimili al meglio. È un giocatore che si impegna molto, è serio e molto bravo in marcatura. Deve imparare ad impostare ed i vari movimenti. Sarà , in futuro, difficile rinunciarvi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 2 settimane fa

    Forza ragazzo… in alcune amichevoli non mi era dispiaciuto affatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy