Brevi: ‘Attendo sereno un segnale dalla società’

Brevi: ‘Attendo sereno un segnale dalla società’

Oscar Brevi potrebbe chiudere le conferenze stampa della stagione 2006/07, per quanto riguarda i giocatori (domani a parlare sarà il mister), ma ancora non è certo se l’attività della squadra si chiuderà domenica contro l’Inter. L’atmosfera è rilassata, da ultimo giorno di scuola, ma si sente una leggera tensione causata dalle tante incognite future, a partire dai contratti in scadenza, uno dei quali è…

Oscar Brevi potrebbe chiudere le conferenze stampa della stagione 2006/07, per quanto riguarda i giocatori (domani a parlare sarà il mister), ma ancora non è certo se l’attività della squadra si chiuderà domenica contro l’Inter. L’atmosfera è rilassata, da ultimo giorno di scuola, ma si sente una leggera tensione causata dalle tante incognite future, a partire dai contratti in scadenza, uno dei quali è quello del capitano granata.

CONTRATTO

Adesso che è finita in un modo o nell’altro sapremo il nostro futuro, credo che la società si farà viva per dirmi cos’ha intenzione di fare. Penso di guadagnarmi la conferma, se non sarà così mi spiacerebbe molto.

CONTATTI ALTRI CLUB

Qualche altra squadra mi ha cercato, ma io metto il Toro al primo posto per cui aspetto la sua chiamata prima di decidere altre soluzioni. L’unica cosa certa adesso è che giocherò almeno un altro anno.

TITOLARE AL MEAZZA

Non so se giocherò, può essere che il mister faccia entrare in campo chi è stato meno impiegato. Finora non si sa ancora quale sarà la formazione. Non credo verranno lanciati dei Primavera, ci siamo salvati all’ultimo, per cui non c’è stato tempo per fare altre scelte.

OGBONNA
Può ricoprire vari ruoli in difesa e anche a centrocampo, ha un buon futuro davanti a sè, vedremo se nei prossimi anni potrà mettere in mostra il suo valore.

RECORD INTER
E’ sempre una partita importante, siamo rilassati e tranquilli, ma a me non piace fare brutte figure. Cercheremo di fare la nostra gara. Le tensioni sono inferiori rispetto a prima, ma fare figuracce non è bello. Potrebbe essere uno stimolo per non far raggiungere loro il record del Grande Torino delle trenta vittorie in una stagione.

SALVEZZA

E’ stata una stagione particolare, di alti e bassi senza una striscia lunga di buoni risultati. Questo ha creato qualche preoccupazione anche all’interno della squadra, con tensioni e paure. Per come si erano messe le cose è stato un buon risultato.

TERZA SQUADRA CHE RETROCEDE
Potrebbe venire fuori da Chievo-Catania, che è praticamente uno spareggio, le altre pur giocando con squadre più titolate sono avvantaggiate dal non avere uno scontro diretto.

VITTORIA SQUADRE MILANESI
Soddisfazione per il calcio italiano, che ha vissuto un periodo travagliato, ma si è rivalutato dopo i Mondiali e la vittoria del Milan. E’ comunque una bella soddisfazione fare passerella al Meazza con la salvezza in tasca.

DEDICA PARTICOLARE
Ringrazio i miei compagni di squadra, perché abbiamo ottenuto un risultato importante, la gente che ci ha sostenuto. Eravamo una neopromossa e, pur essendo una buona squadra dal passato importante, si pagano sempre le difficoltà.

FESTEGGIAMENTI SOFT

Negli spogliatoi abbiamo celebrato, ma non troppo, viste le difficoltà avute. Potevamo fare qualche punto in più,disputare un campionato pari a quello dell’Atalanta. Ma va bene così, anche perché nel giro di pochi punti poteva starci la qualificazione Uefa e allo stesso la retrocessione, sarebbero bastati quattro o cinque punti in più per ottenere una classifica migliore. Il livello delle altre squadre, tolte le prime quattro della classifica, più o meno si equivale.

CAMPIONATO
Le intenzioni della società erano diverse, fare un campionato tranquillo, ma in fondo non siamo mai stati terz’ultimi, se veniva qualcosa in più avremmo subito messo la firma. Dagli errori passati si può migliorare.

RAPPORTO CAIRO/DE BIASI

Il primo tassello è senza dubbio la scelta dell’allenatore, vista dal di dentro non mi sembra ci siano tensioni tra mister e presidente. De Biasi sul campo ha meritato la riconferma e va sottolineato che non ha mai fatto differenze tra vecchi e nuovi. Poi se esistono altre questioni di carattere personali non lo so.

VACANZE
Alla domanda dove sarebbe andato a godersi il meritato riposo, capitan Brevi ha risposto sorridendo: “A Sappada”. Questa la dice lunga sulla sua voglia di rimanere…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy