Bruno Peres, la freccia brasiliana che si guarda alle spalle

Bruno Peres, la freccia brasiliana che si guarda alle spalle

Focus on / Nonostante abbia cominciato in campo ogni partita di questa stagione, l’ex Santos non deve sentirsi sicuro: il rinnovo imminente e la concorrenza di Zappacosta devono tenerlo sulle spine

8 commenti
peres lazio-torino

Quando giunse sulle sponde del Po, nell’estate scorsa, qualcuno storse anche il naso: 2,2 milioni di euro per uno dei tanti terzini che calcano la scena carioca potevano forse sembrare una scommessa, una di quelle che spesso vengono perse. E invece no: la mossa societaria si è rivelata azzeccatissima, tanto che Bruno Peres è diventato uomo mercato praticamente da subito, appena la Serie A si è accorta che il piede e il fiato di quella freccia sulla fascia destra erano del tutto fuori dal comune.

Un momento, in particolare, lo scaraventa al centro della scena mediatica: il gol, splendido, che segna al derby di andata in casa della Juventus, chiudendo un digiuno lungo ben 12 anni, nel modo migliore possibile. Una possente cavalcata di 80 metri palla al piede fino a depositare la sferanella porta di Buffon, lasciandosi alle spalle gente come Pogba e Vidal, non proprio calciatori qualunque. Quello è stato l’istante in cui l’Italia l’ha scoperto, ma anche quello in cui <<ha iniziato a perdersi>>.

TORINO FC stagione calcistica Serie A 2013/2014  nella foto Peres Bruno
L’esultanza di Bruno Peres dopo l’eurogol alla Juve

Le parole -pronunciate poche settimane fa – sono di Giampiero Ventura, un maestro quando si tratta di studiare l’atteggiamento dei suoi giocatori dentro e fuori dal campo. Da quel momento, infatti, le prestazioni del brasiliano calano, e talvolta si fatica a credere che il giocatore che si sta osservando in campo sia anche solo parente della forza natura che meravigliava tutti nei suoi primi mesi in Italia. La fiamma sembra essersi spenta, bisogna ripartire daccapo, e Peres lo fa, con determinazione e umiltà, fino a tornare nel corso dei mesi quello di cui tutti i tifosi granata si erano innamorati: la coppia di esterni che formava con Darmian aveva pochi concorrenti in Italia.

Quest’anno, la società e il tecnico hanno deciso di puntare forte su di lui. <<Mai arrivata un’offerta ufficiale>> afferma Cairo, ma si sa che i sondaggi e gli interessamenti c’erano eccome, anche al i fuori dello Stivale. Ma il brasiliano non si tocca: questo è il messaggio, sempre forte e chiaro, della dirigenza. E Ventura dimostra di puntare con decisione sul ragazzo, dal momento che, dall’inizio della stagione, Peres ha dimenticato cos’è la panchina: quattro partite, quattro partenze da titolare. Una colonna.

Torino FC v ACF Fiorentina  - Serie A
Peres a colloquio con Ventura

E adesso? Il rinnovo è imminente, la causa del brasiliano e quella del Torino vanno a braccetto, gli interessi si intrecciano: quella granata sta diventando una vetrina sempre più importante, e se ciò accade è proprio grazie a ragazzi come Peres che la scelgono per far crescere il proprio potenziale, a vantaggio proprio e del collettivo. Tuttavia, questo non deve far dormire sonni tranquilli al brasiliano, perché in rosa, adesso, c’è un altro aspirante alla fascia destra: Zappacosta, considerato come uno dei talenti emergenti del calcio italiano, su cui la società ha investito molto anche dal punto di vista economico, e che certamente non si accontenterà di rimanere relegato in panchina ancora a lungo. I due potrebbero anche convivere, e chissà che lo spostare Peres a sinistra non permetta al 25enne originario di San Paolo di risultare ancora più incisivo in fase offensiva. Le prospettive, per il ragazzo, ci sono tutte. Se avrà voglia di proseguire sulla strada tracciata, basta seguirla. Di scatto, ovviamente.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …cmq è veramente incredibile come in questi 4 anni CAIRO-PETRACHI-VENTURA abbiano tirato fuori dal nulla tanti giocatori da champions…che poi magari lontano da Torino non rendono come a Torino…vi dice niente questo ? …non è che magari i veri fenomeni siano CAIRO-PETRACHI-VENTURA…regge come teoria ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …firmerà il rinnovo…ma credo che a fine anno se ripeterà un anno come l anno scorso…arriverà qualcuno con 15-20mln…e andrà…anche perchè dietro ha Zappa…che ripeto…il miglior laterale destro Italiano in prospettiva adesso in circolazione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …Ventura ha già dimostrato di vedere il calcio a modo suo…quindi potrebbe spostare anche Zappacosta sulla sx…come fece con Darmian…o Peres sulla sx…cmq per me presto vedremo in campo anche Zappa…che per me diventerà + forte di Darmian…in fase offensiva lo è già…per la fase difensiva ci penserà Ventura…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …l unico suo problema è la testa…e la fase difensiva…ma se seguirà Ventura non avrà problemi…e se è rimasto al TORO probabilmente ha intenzione di seguire Ventura quindi diventerà un GRANDE giocatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …come dissi dopo la prima partita da titolare a cagliari…questo è un giocatore da champions…e tutti ridevano…adesso credo abbiano smesso di ridere…
    …voi ricordate la cavalcata del derby…ma Bruno col cagliari al 85′ ha fatto una cavalcata uguale di 80m…macinando tutti quelli che si è trovato davanti…solo che alla fine mise in porta Amauri invece di cocludere a rete…una cavalcata simile al 85′ e mantenere la lucidità per mettere in porta un compagno è tanta roba…
    …e infatti da quella partita poi abbiamo visto chi è Bruno Peres…tanta tecnia…ma soprattutto anche tanta velocità e potenza-resistenza…questo è veramente un giocatore da champions…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giostechia - 2 anni fa

    Ciao, mi chiedo per quale ragione dovete sempre fare articoli su Bruno Peres che ne stimolano il suo impegno oppure la sua presunta bravura. Dopo il derby ha giocato in modo altalenante come tutta la squadra, e non si era affatto perso, tante’ che la maggior parte delle vittorie arrivano sempre da sue buone prestazioni (vedi 5 a 1 con la Samp con gol da favola). Percio’ smettetela di dire che deve maturare ecc..Brunone e’ fortissimo solo che come tutti i giovani ha delle pause ma se condo me anche dopo queste prime 4 gare e’ stato senza ombra di dubbio uno dei migliori. Passaggio contro la fiorentina per il gol di quaglia e di nuovo domenica il passaggio sempre a quaglia nel pareggio di Baselli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      sono d’accordo con te mi sembra che questo ragazzo deve portare sempre la croce per un calo di rendimento avvenuto l’anno scorso,sembra che adogni partita dve prendere sette per essere sufficiente,
      ricordiamoci che l’altr’anno era il suo primo in Italia e sappiamo tutti la difficoltà del nostro campionato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PaoloSWE - 2 anni fa

    mi auguro proprio che contro la samp, GPV sposterá Bruno a sinistra e inserirá dal primo minuto Zappa a destra

    ovviamente se quest’ultimo sta bene, altrimenti abbiamo sempre Molinaro che a Verona ha giocato molto bene, specialmente da quando é stato ricollocato sulla fascia sx dopo l´infortunio di Avelar.
    come esterni se non si fa piu male nessuno siamo comunque coperti…
    Moretti é invece fondamentale che rientri… forse anche piu che maksi (sono convinto che bovo e pontus possono fare bene, e non sono d’accordo con i votacci a pontus, per me il rigore non c’era! e per il resto ha fatto il suo… ovviamente condizionato un pó da quella chiamata!) e invece c’era un rigore enorme per noi per quel mani di moras!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy