Buonanotte Toro: cadere fa male, ma la vittoria sarà rialzarsi subito

Buonanotte Toro: cadere fa male, ma la vittoria sarà rialzarsi subito

Buonanotte granata/Non è mai una buonanotte quando il Toro perde, ma questa è un’eccezione. La regola è una squadra ben diversa da quella vista oggi

Commenta per primo!

Andare a dormire dopo una sconfitta non è mai facile. L’eccezione in un lungo girone pieno di soddisfazioni, lascia a questa giornata un sapore amaro e pieno di nervosismo. Era inevitabile assistere ad una frenata prima o poi, ad un passo falso della squadra, ma… quando perde il Toro non è mai una buonanotte.

Mentre lotto con il gatto per tenermi la coperta, ripenso al primo tempo della gara: imprecisioni, poca concretezza e tanta difficoltà nel costruire gioco e riprendere in mano il campo. Buttare via così tanti minuti è molto pericoloso e, nonostante il grande cambiamento notato subito dopo l’entrata di Benassi e del Sultano El Kaddouri, sarebbe stata una vera impresa recuperare totalmente la partita. A proposito di Benassi: per quanto sia affascinata da tanta grinta, entrare e, dopo trenta secondi, prendere già un cartellino, denota un po’di leggerezza da parte di questo ragazzo, che sinceramente, faccio ancora fatica a comprendere. Il suo margine di miglioramento è ancora ampio e Ventura sembra avere riposto in lui fiducia incondizionata, al di là delle prestazioni a volte altalenanti. Resta tanto da dimostrare e, nonostante il match di oggi l’abbia visto protagonista positivo nel gol che poteva riaprire la partita, ancora non riesco a comprendere appieno le sue potenzialità. Ho fiducia che possa fare più di quello che si è visto finora, ed è il momento di dimostrare tutto il suo valore.

Nonostante il nervoso mi stia mangiando il fegato, è comunque facile trovare spunti positivi di cui essere contenta, anche nella sconfitta. Il Toro ha reagito.. tardi, ma l’ha fatto (ehhh, se le partite durassero dieci minuti in più…!). Elementi come El Kaddouri e Gazzi confermano continuità e sicurezza, dopo che, in particolare il primo, fino ad un paio di mesi fa, sembrava perso in un vortice di prestazioni deludenti. Scivolare fa male, specie quando non te l’aspetti, ma succede. Domani si apre una settimana importante, che può vederci ancora protagonisti in Europa, e questa caduta non deve spaventare o demotivare.

I ragazzi hanno dimostrato di saper fare ben altro, e io mi aspetto ancora grandi cose.

Buonanotte granata…

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy