Buonanotte Toro: la qualificazione e i conti in regola

Buonanotte Toro: la qualificazione e i conti in regola

Buonanotte granata/ In attesa della sfida di domani, le notizie dagli altri campi non sono incoraggianti. E la licenza Uefa?

Commenta per primo!

Si fa un gran parlare, in questi giorni, del possibile ingresso in Europa, maturabile sia in campo che fuori, con la licenza negata alla squadra di Preziosi e concessa invece al nostro bel Toro. Ovviamente chiunque di noi firmerebbe per la soluzione che ci vede terminare il campionato sesti, allegramente e stabilmente davanti a tre delle dirette concorrenti, senza il calvario patito già l’anno scorso nel seguire quella che è stata l’eliminazione dalla qualificazione della formazione emiliana davanti a noi, ma tant’è, la pallidissima possibilità che l’ultimo posto si ottenga sulle “disgrazie” altrui esiste, nel caso di una debacle di Fiorentina o Sampdoria e Inter e della qualificazione dell’altra genovese. Prima di impazzire tra punti, calcolatrici e post-it pieni di pronostici, quella che potrebbe essere nuovamente una qualificazione ottenuta non “sul campo” (espressione che amano tanto tra le file dell’altra squadra di Torino) lascerebbe l’amaro in bocca per una stagione che avrebbe potuto e dovuto coronarsi con questo traguardo.

Una possibilità remota, che comunque aprirebbe per l’ennesima volta il dibattito su quanto sia importante avere una società con i conti in regola. Importante, certo… però, attenzione, questo non può essere un vanto. Siamo talmente abituati nella vita di tutti i giorni a considerare ordinario chi non rispetta termini e regole e straordinario chi fa semplicemente il proprio dovere, che anche nel calcio la cosa sembra lasciare straniti e orgogliosi. Se a fine campionato dovrò inchinarmi alla società sarà sicuramente per aver fatto in modo di acquistare elementi che si sono rivelati essenziali specialmente nella seconda parte del campionato, come Maxi Lopez, (il cui rinnovo ho letto essere in discussione e ciò mi perlime non poco…) e che ci hanno permesso di concludere il campionato in modo splendido, non perchè siamo “a posto con i conti”, cosa che ingenuamente io do per scontata.

I risultati di oggi, comunque, sono stati piuttosto scoraggianti, domani il treno di Genova farà salire un solo passeggero che potrà ancora sperare in questa corsa. Se dovessimo fallire, il capitolo potrà dirsi davvero chiuso e ancora una volta il match contro il Genoa avrà il peso specifico del piombo. Mentre mi abbandono a sonni agitati, il pensiero della gara di andata e dei due gol segnati dal nostro capitano mi accompagna: emozioni forti come solo i suoi gol mi sanno dare. Chissà che qualche calcio d’angolo domani non si riveli fatale…

Buonanotte granata…

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy