Cairo: “É bello crescere con il Torino. Vincere la Coppa Italia sarebbe il massimo”

Cairo: “É bello crescere con il Torino. Vincere la Coppa Italia sarebbe il massimo”

Intervista / Il patron granata: “Il rapporto con Ventura è ottimo, noi abbiamo fatto bene grazie a lui e parimenti lui grazie a noi. Puntiamo ad inaugurare il Filadelfia tra un anno”

5 commenti

Ieri notte (in replica oggi alle 11.30 e alle 16.15 su SkySupercalcioHD, canale 206 della piattaforma Sky) è andata in scena la puntata de “I signori del calcio”, rubrica di Sky Sport, dedicata al presidente Urbano Cairo. Il patron granata si è soffermato su più punti, pronosticando per il club un futuro sempre migliore. Non sono mancate chiaramente le parole di stima nei confronti del tecnico Ventura: “Siamo ormai alla quinta stagione, Ventura è l’allenatore che è durato di più durante la mia gestione. E credo anche che il Torino sia la squadra in cui lui è rimasto più a lungo e questo vorrà pur dire qualcosa. Entrambi abbiamo trovato assieme la giusta maturazione e penso che il tecnico qui in granata abbia raggiunto i migliori risultati in carriera”.

Non poteva, ora che la ricostruzione è sempre più vicina, mancare una battuta sul Fila: “Purtroppo il primo ricorso di Alvit ha rallentato i lavori, ma ora la posa della prima pietra si avvicina. Non sarebbe male fare un bel regalo al Torino, inaugurandolo il 3 dicembre del 2016. Sarà la nostra casa, quella in cui potrà allenarsi la Prima squadra assieme alle giovanili”.

Poi il futuro prossimo e quello leggermente più lontano: “Sono stati 10 anni molto intensi e diciamo che mi piacerebbe fare almeno altri 5 anni, così da aprire e chiudere un altro piccolo ciclo. Non amo fare proclami, anzi. Preferisco come sempre mettere avanti i fatti e parlare poco. Noi lavoriamo per creare uno zoccolo duro che possa andare avanti e diventare sempre più competitivo. Magari riuscendo anche a vincere un trofeo, che sarebbe la classica ciliegina sulla torta. Magari proprio la Coppa Italia, ma non è semplice, da quando sono entrati in gioco i diritti Tv, il calcio è parecchio cambiato.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Jerry - 2 anni fa

    Ieri notte ho visto l’intervista di Cairo. È stata una bella intervista che ha toccato punti molto interessanti. Diciamo, che se è stato sincero, si capiscono gli errori commessi in precedenza, si capisce il perché un certo tipo di progetto ( l’attuale) non sia partito prima. Ha ammesso in parte le sue colpe, ma ha anche detto che le colpe andavano divise con chi aveva intorno. Ha detto, a denti stretti, che la retrocessione del 2009, sia stata una retrocessione un po’ strana, quasi studiata a tavolino, e che quei tre anni di B hanno frenato e di molto il processo di crescita Del Toro. Questi 10 anni di presidenza, hanno cambiato, e di molto, il personaggio Cairo, ed è lui stesso ad ammetterlo. Ora sembra aver intrapreso la strada giusta, speriamo che continui così… Una chicca, prima del Toro, gli avevano proposto di acquistare il Genoa, ma rifiutò perché non sentiva il feeling giusto…. Sarà per questo che Preziosi è ancora incarognito………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MartinVasquez - 2 anni fa

    ma cosa mi dite miei cari …… l obiettivo, nascosto, innominabile … è il 3 posto in campionato , altro che coppa italia …. vedrete oggi sara’ un 0-2 secco a Verona grazie al mestiere e alla concentrazione ,,,, TORO ALE’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sergio Rossi - 2 anni fa

    Il campionato di quest’anno e’ una vera scatola a sorpresa, mettiamoci anche il Toro in questa scatola, vediamo in quale posizione uscira’ fuori… Intanto una considerazione innocente: quando ci sono episodi dubbi (gol annullati e rigori dati), questi dubbi si risolvono sempre a favore della stessa squadra. Strana coincidenza, vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dbGranata - 2 anni fa

      Parli della Juve Sergio? Io devo essere onesto: ho visto la partita e tutto sommato non sono d’accordo con chi critica per il pareggio inneggiando al complotto. Mi spiego. Il Gol del Chievo era SACROSANTO, è inconcepibile come non abbia dato il gol, Bonucci si è buttato perché ha perso l’uomo e l’arbitro ha fischiato fallo. Detto questo, c’è da dire che la Juve qualche minuto prima aveva ragione di chiedere un rigore (per me ci sarebbe stato tutto) per una trattenuta di 5 secondi in area su Pogba. Possiamo dire che i due episodi a sfavore delle due squadre si eliminino a vicenda nella summa finale. C’è poi il rigore dato a Cuadrado… e qui di nuovo non capisco le proteste. Cuadrado si è buttato in area velocissimo cercando solo qualcuno tanto pirla da mettergli una gamba davanti, andava fuori da solo, non era nemmeno davvero pericoloso. Il difensore del chievo è stato scemo (dire ingenuo è dir poco) e ha fatto una scivolata con gamba sul ginocchio, era Ovvio che Cuadrado aspettasse solo quello. E’ caduto e il rigore è stato dato, secondo me ha valutato bene l’arbitro…
      Poi hanno comunque pareggiato in casa con il Chievo, credo abbiano poco da gioire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dbGranata - 2 anni fa

    Sono d’accordo, quest’anno dobbiamo puntarci davvero molto. Il campionato a dire il vero è un po’ assurdo in queste prime giornate e potrebbe finire in qualunque modo, ma sicuramente se entriamo in Europa è più facile farlo con la coppa Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy