CasateseRogoredo-Torino 0-11: OK tutti gli attaccanti. Ljajic e Iago, primi olè

CasateseRogoredo-Torino 0-11: OK tutti gli attaccanti. Ljajic e Iago, primi olè

Il commento / Buona sgambata dei granata davanti agl occhi di Cairo e Petrachi, con Mihajlovic che ruota 22 giocatori. Zappacosta e Barreca pimpanti, nemmeno in panchina Aramu, Parigini e Peres

E’ 11-0 a favore del Torino il risultato finale della seconda uscita stagionale del Torino. A Bormio, contro la formazione di Eccellenza lombarda della CasateseRogoredo, i granata hanno prodotto delle buone azioni per la soddisfazione dei 500 tifosi presenti, sfortunati per le condizioni meteorologiche avverse: per lunghi tratti della partita la pioggia è imperversata su Bormio, per poi andarsene lasciando un arcobaleno come traccia.

Mihajlovic ha optato per schierare due formazioni diverse per ciascun tempo. Il tridente offensivo dal primo minuto era composto da Ljajic, Belotti e Boyè, con a centrocampo Gazzi, Vives (che resta per Mihajlovic l’unico regista attualmente in squadra) e Baselli. Ajeti ancora schierato terzino destro, Jansson e Moretti centrali, Molinaro a sinistra e spazio a Gomis in porta. Hanno fatto risalto, però, le assenze in distinta di Mattia Aramu, Vittorio Parigini e Bruno Peres, oltre a quella del lungodegente Benassi.

Il Torino ha iniziato fortissimo, trovando tre reti nei primi 13′. A sbloccare la partita è stato Boye, ostinato e preciso nell’infilare di destro la porta, dopo che Belotti aveva sbagliato un rigore nelle prime battute. Il “Gallo”, comunque, si è riscattato prontamente mettendo a segno tre reti. Osservato speciale era chiaramente Adem Ljajic: seppur al piccolo trotto, il fantasista serbo ha mostrato lampi di classe, partendo da sinistre per convergere molto spesso al centro e provare il tiro o l’apertura col suo destro di qualità. Il serbo ha poi deliziato i tifosi al seguito del Torino infilando una punizione sul palo del portiere.

Nella ripresa, sotto una pioggia battente oltrechè sotto lo sguardo del presidente Cairo – arrivato alla mezzora del primo tempo – Mihajlovic ha cambiato tutti gli undici, schierando la seguente formazione: Padelli in porta, Zappacosta, Maksimovic, Silva e Barreca in difesa, Acquah, Bovo e Obi a centrocampo e Iago Falque, Maxi Lopez e Martinez davanti. Alla sua prima uscita in granata, Iago Falque ha cercato di restare sempre al centro del gioco. Il primo gol l’ha trovato anche lo spagnolo, con una bella azione personale conclusa con un sinistro sul secondo palo. Anche Maxi Lopez è parso in forma e volenteroso, siglando due gol da vero centravanti. Bello soprattutto il secondo, con un’incornata su cross di Barreca. Proprio il terzino sinistro è stato forse il migliore granata nella ripresa: fascia sinistra arata come un ossesso e una quantità industriale di traversoni messi dentro. Pollice in su, come per Zappacosta, anche lui molto volitivo a destra. Tra le altre realizzazioni, da segnalare quella di Obi, in rete con una botta da fuori,

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. forzatoro39 - 8 mesi fa

    finalmente uno che calcia bene le punizioni !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy