Castan, all’Ezio Scida per confermarsi punto fermo della difesa granata

Castan, all’Ezio Scida per confermarsi punto fermo della difesa granata

Focus On / Il centrale brasiliano dovrà contrastare la rabbia degli attaccanti rossoblù domenica prossima

1 Commento

Spesso, o quasi sempre, la difesa è il migliore attacco e, a seguire a pieno questa legge del football, nella sfida di domenica prossima contro il Crotone, potrebbe essere proprio uno dei migliori centrali di difesa del Torino, ovvero Leandro Castan. La missione contro la squadra rossoblù è chiara: non subire reti. Questa impresa non riesce alla retroguardia granata ormai da troppo tempo, ovvero dal 21 settembre in occasione della sfida contro il Pescara – match terminato per 0-0 -. L’imperativo è dunque non concedere troppo ai pitagorici, affamati di vittorie e di punti importanti, i quali potrebbero essere fondamentali in vista di una salvezza non troppo facile.

FC Torino v SS Lazio - Serie A

Castan, con un’ipotetica buona prestazione all’Ezio Scida, potrebbe continuare il suo percorso di affermazione nel campionato della penisola, dove ormai, in quel di Torino, sembra essere una pura certezza: un difensore roccioso molto abile nei duelli aerei e nei contrasti. Molto forte anche dal punto di vista caratteriale, carisma che, nel corso dei 90′, trasmette anche al resto dei compagni, proprio come vuole il mister serbo Sinisa Mihajlovic, anche lui seguace di questo credo. Dopo un lungo periodo di riabilitazione e di crescita continua dunque, per il brasiliano, la trasferta di domenica prossima, potrebbe essere la tanto attesa conferma di essere ormai perno fondamentale di una squadra con grandi ambizioni. Per raggiungere questo obiettivo, il centrale ex Roma dovrà fronteggiare dunque gli attacchi degli attaccanti dei pitagorici (leggi qui), i quali, affamati di risalire la classifica, potrebbero mantenere l’egemonia all’Ezio Scida, imbattibilità che dura sin dal 2001.  Parte del destino del match dipenderà anche quindi dalla prestazione della difesa granata, la quale non può più permettersi di prendere reti chiaramente evitabili.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. osvaldo - 2 settimane fa

    Occhio al Crotone ragazzi!
    Da questo campo siamo usciti spesso con le ossa rotte.
    Cerchiamo di spaventarli subito ad inizio partita e poi massima concentrazione fino al 95°.
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy