Cerci, il ritorno: possibile chance dal 1′ in Torino-Milan, per il grande ex

Cerci, il ritorno: possibile chance dal 1′ in Torino-Milan, per il grande ex

Vero Torino-Milan / 17 mesi dopo l’ultima partita giocata in granata Alessio potrebbe ritrovare la maglia da titolare proprio all’Olimpico contro il suo maestro Ventura

3 commenti
Cerci, Milan,

Sabato sera saranno passati esattamente un anno e cinque mesi: dal 18 maggio 2014 al 17 ottobre 2015, dall’ultima partita di Alessio Cerci con la maglia del Torino alla prima volta da avversario dopo l’addio. Quel giorno furono emozioni, lacrime, sofferenza poi tramutata in gioia: l’ultima partita a Firenze, il rigore che poteva dare l’Europa sbagliato a tempo scaduto proprio da Alessio, che insieme ad Immobile aveva contribuito a rendere quel sogno possibile. Poi l’esclusione del Parma, l’Europa League che arriva e Cerci che se ne va per andare in Champions League. Pochi mesi a Madrid, sponda Atletico, poi il mesto ritorno in Italia al Milan, o meglio, in panchina al Milan, visto che il campo lo vede poco. Intanto il Toro vola, vince il derby, fa emozionare i tifosi in Europa e in campionato si piazza proprio davanti ai rossoneri, davanti all’ex amico.

Cerci disperato dopo il rigore sbagliato contro la Fiorentina all'ultima giornata del campionato 2013-14: la sua ultima immagine con la maglia del Toro
Cerci disperato dopo il rigore sbagliato contro la Fiorentina all’ultima giornata del campionato 2013-14

Adesso le strade si incrociano nuovamente e Cerci ritrova il suo maestro Ventura, l’unico allenatore con il quale abbia davvero fatto vedere a pieno tutto il suo talento. 13 reti e 11 assist in quel 2013-14 che segnò la sua consacrazione e in un certo senso forse anche la sua dannazione, perché senza il tecnico del Toro a guidarlo Alessio in questi ultimi due anni è apparso come spaesato. Lo dimostrano i numeri dello scorso anno (appena 672 minuti collezionati in campionato con la maglia rossonera in 16 apparizioni) e di quest’anno (3 presenze e 65 minuti giocati in A). Le cose però adesso sembrano cambiare: nella sfida dell’Olimpico Cerci infatti dovrebbe partire titolare. Sinisa Mihajlovic, allenatore del Milan, pare intenzionato a rivoluzionare il modulo della squadra rossonera dopo la chiacchierata con il presidente Berlusconi e a puntare su un inedito (per questa stagione) 4-3-3 con Cerci ala destra, Bonaventura ala sinistra e Bacca punta centrale.

Ventura
Giampiero Ventura è stato l’allenatore con cui Cerci ha espresso il suo miglior calcio

Dovesse davvero essere in campo sabato sera per Cerci si tratterebbe del primo ritorno all’Olimpico dopo l’addio, ma non della sua sua prima partita in carriera disputata contro il Toro: curiosamente infatti c’è un precedente di Cerci in campo contro i granata che risale addirittura al 28 ottobre 2008 quando Alessio militava nell’Atalanta. All’epoca fece una comparsata di appena 18’ nella sfida dell’Olimpico vinta dai granata per 2-1 grazie alle reti di Amoruso e Stellone; ma parliamo di un’era geologica fa.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. dbGranata - 2 anni fa

    Io spero che Cerci giochi. E’ l’ombra del giocatore che era a Torino, in questi mesi è sembrato un giocatore finito. Con lui ala destra avremmo un pericolo in meno in attacco.
    Io non rinnego la forza di Cerci ma onestamente non ho condiviso le sue scelte. Se era per soldi e per campionato poteva restare altri 4 anni a far tribuna in Atletico. Invece a Madrid, per sua ammissione, ci è arrivato sovrappeso (per sua sufficienza), là corrono come dei maledetti e quindi non stava dietro agli altri, non ha imparato la lingua e, alla prima difficoltà, ha mollato. Se avesse provato a tenere duro almeno un anno lo avrei rispettato. Così ha dimostrato solo di essere un giocatore esistito solo con Ventura, con una testa decisamente troppo montata. Gli auguro il meglio, ma all’età che ha, anche cominciasse a giocare bene da domenica, il meglio è passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Wendok - 2 anni fa

    Per rivederlo granata a gennaio o il prox campionato, pagherei di tasca mia !! E sabato dovesse giocare, spero lo faccia alla grande, e sono sicuro che lo farà. E nel guardarlo, penserò che sia l emozione di essere davanti ai SUOI tifosi a farlo volare per il campo.
    Da professionista, non gli si può chiedere una mancanza di impegno.
    Ma spero, dovesse segnare, non esulti !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fiuren_446 - 2 anni fa

    Cerci è stato il primo giocatore a cui sono tornato ad affezionarmi dopo tanto tempo… Se n’è andato per i soldi e per la carriera, e in fondo l’avremmo fatto tutti, anche chi lo critica aspramente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy