Chievo, l’attacco cambia leader: out Paloschi, dentro Floro Flores

Chievo, l’attacco cambia leader: out Paloschi, dentro Floro Flores

Verso Torino-Chievo / La cessione di Paloschi allo Swansea è l’affare più redditizio della storia del club scaligero. Al suo posto un attaccante che ha già segnato ai granata

testa

Il cambiamento più importante del calciomercato di gennaio per il Chievo è certamente quella che riguarda il reparto offensivo. Se per la difesa sono arrivati un paio di innesti non fondamentali e per il centrocampo praticamente nulla è cambiato, davanti è uscito il protagonista principale della squadra, Alberto Paloschi, sostituito da Antonio Floro Flores.

L’ATTACCO CAMBIA LEADER – La cessione dell’attaccante scuola Milan allo Swansea di Guidolin ha rappresentato l’affare in uscita più importante della storia del club guidato da Luca Campedelli, che mai aveva venduto un giocatore per 10 milioni di Euro. Paloschi al Chievo ha segnato un’epoca: dal 2011 al gennaio 2015 ha messo a segno 142 presenze e 42 reti, di cui 8 solo in questa stagione. Per sostituire un elemento di questo peso il DS Luca Nember, conscio di avere già mezza salvezza in tasca, ha evitato grandi reinvestimenti puntando tutto su Antonio Floro Flores, preso dal Sassuolo. L’attaccante napoletano non era una prima scelta di Di Francesco e ha deciso di spostarsi a Verona, dove certamente ricoprirà un ruolo importante. Tra l’altro, Floro Flores al Torino ha già fatto male in passato: ricordiamo il Torino-Sassuolo 0-1 del novembre 2014, deciso proprio dal neo acquisto clivense.

testa
SERGIO PELLISSIER – 8 RETI: UN PASSATO NELLE GIOVANILI GRANATA, ETERNO BOMBER DELLA SERIE A, NON SMETTE DI STUPIRE

MEGGIORINI E GLI ALTRI – Il reparto offensivo di Rolando Maran è completato in primis da Riccardo Meggiorini, volto ovviamente noto nell’ambiente Toro, che torna per la seconda volta all’Olimpico da avversario dopo aver ricevuto gli applausi dello scorso maggio. E’ lui il favorito per giocare a Torino dal primo minuto, al fianco di Floro Flores. C’è poi il potente congolese M’poku, la bandiera di scuola Toro Pellissier (che sta disputando la sua quattordicesima stagione al Chievo) e anche Roberto Inglese, l’attaccante classe 1991 esploso l’anno scorso al Carpi e che ha raccolto fin qui 16 presenze e 3 reti in quella che è la sua prima stagione in Serie A.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossogranata - 1 anno fa

    EH LA MADONA !!!! DALL’ARTICOLO SEMBRA DI AVERE A CHE FARE CON GLI ATTACCANTI DEL BASYER O DEL BARCELLONA. Meggiorini, Foro flores,M’poku…..aiutoooooo! Se non vinciamo domani allora ragazzi del Toro consoliamoci di un undicesimo o dodicesimo posto per quest’anno. L’Europa la vedremo col satellite…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy