Chievo-Torino 0-1, il film della partita: “La prima luce”

Chievo-Torino 0-1, il film della partita: “La prima luce”

La pellicola di Vincenzo Marra per riassumere la prima vittoria in trasferta del Torino

di Redazione Toro News

APPROCCIO SBAGLIATO

Chievo-Torino 0-1, Zaza: “Riparto da questo gol. E l’amico magazziniere…”

Il Toro scende in campo per provare a strappare la prima vittoria stagionale in trasferta ma il Chievo, fanalino di coda a -1 in classifica, non ci sta. L’approccio della squadra di Mazzarri non è all’altezza e allora i ragazzi di D’Anna provano ad approfittarne. Prima è De Paoli a far tremare Sirigu con una conclusione da fuori, poi è Nkoulou a doversi superare due volte: prima su Birsa e poi su Giaccherini.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. luna - 2 mesi fa

    Sia le grandi che quelle alla nostra portata, partono a 1000′, può essere che le accomuni la stessa ragione, cioè, provare ad attaccare in maniera asfissiante per non permettere al Toro di fare il suo gioco.
    Mi sembra che spingano cosi tanto consapevoli che se non sbloccano il risultato devono poi quanto meno chiudersi per non subire reti.
    Vediamo le contromosse di Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granatissimo - 2 mesi fa

    Chievo 0 TORO 1 fattevene una ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Con UNA t, sapientone, manco scrivere sai e ci vieni a spiegare i misteri del calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granatissimo - 2 mesi fa

    Chievo 0 TORO 1 fattevene una ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. TOROHM - 2 mesi fa

    Avete visto a giocare belli stipsi cosa succede al grande sassuolo?Ieri l’avevo scritto.Con le più forti se giochi spavaldo ti assaltano.La prima leggerezza spesso ti castigano con le piccole almeno 3 o 4 leggerezze te le puoi concedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. tric - 2 mesi fa

    Il quarto cambio potrebbe essere quello dell’allenatore? ahahah

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy