Chievo-Torino 1-0, Padelli: “Perdere ci può stare. Ora occorre capire il perché”

Chievo-Torino 1-0, Padelli: “Perdere ci può stare. Ora occorre capire il perché”

Zona Mista / Il portiere granata dopo la sconfitta: “Non eravamo da primo posto ieri e non siamo da retrocessione oggi”

Al termine della sfida si presenta nella zona mista del Bentegodi l’estremo difensore Padelli che analizza così la sconfitta: “Perdere ci può stare, soprattutto contro un squadra come in Chievo che in casa è brava a far risultato”.

Il portiere granata poi prosegue nella sua analisi: “Nessuno pensava che potessimo vincerle tutte, il punto ora è capire il vero perché di questa sconfitta in modo tale da correggere prontamente gli errori”.

Daniele Padelli nella zona mista dopo Chievo-Torino
Daniele Padelli nella zona mista dopo Chievo-Torino

Per Padelli, questa non è una sconfitta che ridimensiona il Torino: “La nostra concentrazione e il nostro approccio sono stati comunque buoni. La stanchezza? Anche loro hanno giocato tre giorni fa come noi. Certo, spesso ci è mancato l’ultimo passaggio per poca lucidità. La Nazionale? Diciamo che a questo punto ci penseremo tra qualche settimana. Intanto penso a fare bene col Toro che è quello che conta. Questa sconfitta non ci ridimensiona affatto. Non eravamo da primo posto ieri e non siamo da retrocessione oggi”.

Quindi Padelli conclude: “Sapevamo che il Chievo è una di quelle squadre che giocano sulle ripartenze, ci siamo fatti un po’ fregare in occasione del gol. Ripeto, però, ci sta prendere gol in partite come questa, ma ora dobbiamo capire dove abbiamo sbagliato. Perdere non fa piacere ma sapevamo che questa era una partita difficile perché le squadre di Maran ti fanno giocare male e davanti hanno gente che sa segnare alla prima occasione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy