Comotto: ‘Il cuore dice Toro, la testa…Roma’

Comotto: ‘Il cuore dice Toro, la testa…Roma’

Uno dei prossimi passi che la dirigenza granata dovrà affrontare è quella legata alla discussione dei prestiti e delle comproprietà.

Pare sicuro il ritorno a Palermo di Cesare Bovo, una delle note più positive di questa annata di transizione, soprattutto perché il giocatore, attualmente fermo per l’intervento al piede destro, ambisce a disputare…

Uno dei prossimi passi che la dirigenza granata dovrà affrontare è quella legata alla discussione dei prestiti e delle comproprietà.

Pare sicuro il ritorno a Palermo di Cesare Bovo, una delle note più positive di questa annata di transizione, soprattutto perché il giocatore, attualmente fermo per l’intervento al piede destro, ambisce a disputare una coppa internazionale. Inoltre i rosanero hanno messo sul mercato Barzagli, di cui Bovo era la riserva.

Da definire con la Roma è invece il futuro di Gianluca Comotto, al pari del collega di reparto, uno dei più positivi e continui difensori, capace anche di segnare gol pesanti come quello del centenario.  Intervenendo ai microfoni di TeleRadioStereo, il giocatore non si sbilancia ma non si nasconde nemmeno dietro facili promesse. “A Torino mi sono affermato e sono cresciuto come professionista e come uomo, maturando anche un buon rapporto con i tifosi, tanto è vero che mi piacerebbe giocare il prossimo derby con la fascia di capitano”.

Al tempo stesso Roma è una piazza prestigiosa, in cui c’è un allenatore come Luciano Spalletti che non ha mai nascosto la stima nei confronti di uno dei difensori più continui del campionato. “Mi spiace molto non aver potuto lavorare con Spalletti ed è innegabile che la capitale abbia il suo fascino. In ogni caso non dipende solo da me. So che i dirigenti di Roma e Torino si dovranno incontrare a breve per discutere della mia posizione. Io qui sto bene, adoro la città, al tempo stesso Roma non è una piazza che si possa rifiutare a cuor leggero”.

Insomma il giovane eporediese non nasconde le sue ambizioni. Molto dipenderà dal progetto che il presidente Cairo ha intenzione di sviluppare e da se e come saprà coinvolgere una delle note più liete di questa stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy