Con la moviola in campo, la classifica onesta: conta solo il calcio

Con la moviola in campo, la classifica onesta: conta solo il calcio

La svolta / Si va sempre più verso un integrazione tra arbitro e occhio tecnologico, per porre fine alle polemiche e ai “Come sarebbe la graduatoria se…”

1 Commento

La classifica senza errori arbitrali è ormai sulla strada della pensione. Finalmente, verrebbe da dire. Troppi dubbi, troppi alibi a offuscare e opacizzare quello è lo spettacolo più grande d’Italia, per il denaro, gli interessi e le emozioni che sposta, ogni fine settimana. La classica graduatoria che riscrive le posizioni in base a quanto una squadra sia stata aiutata da errori arbitrali – puramente casuali, beninteso – è pronta a salutare definitivamente la carovana.

Un bel passo avanti per uno sport che ha nella mancanza di trasparenza uno degli aspetti più critici. Difficile credere nel calcio quando la classifica viene puntualmente falsata da errori che sono nell’ordine delle cose, certo, ma che cambiano notevolmente equilibri e gerarchie. Come potere accettare la qualificazione in Europa di una squadra che, nel suo percorso, ha guadagnato 6 punti per episodi non meritati sul campo, ma ottenuti attraverso un errore terzo?

Ecco che, dunque, la moviola in campo arriverà a districare la stragrande maggioranza di questi casi, per poter raccontare, ogni maggio, di un campionato in cui ognuno ha raccolto ciò che meritava. Il Torino, spesso, negli ultimi anni è risultato svantaggiato dalle decisioni arbitrali, ma in questa stagione la bilancia risulta sostanzialmente in equilibrio (la classifica virtuale racconta di un un +1 che manca, mentre rimane invariata la posizione di classifica). Nelle prossime stagioni si spera che queste analisi finiscano definitivamente nello scantinato: perché il vero stupido è colui che non cambia mai idea, e il calcio vuole cambiare, per se stesso, per gli appassionati.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. pingo - 10 mesi fa

    Ma se facciamo la classifica contando come gol i rigori sbagliati…. allora sì!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy