”Contenti nonostante la sconfitta”

”Contenti nonostante la sconfitta”

Il ritorno dell’ex é agrodolce. “In realtà, al Comunale ero già tornato con lo Spezia, quando battemmo la Juventus per 3-2 con gol al 93’”, sottolinea Davide Nicola, “quindi anche al centenario”. Sulla partita di stasera, invece, dice di aver visto “una bella prova del Lumezzane, contro una squadra importante; abbiamo dimostrato che non siamo venuti qui a far nulla, abbiamo anche colpito due pali….

Il ritorno dell’ex é agrodolce. “In realtà, al Comunale ero già tornato con lo Spezia, quando battemmo la Juventus per 3-2 con gol al 93’”, sottolinea Davide Nicola, “quindi anche al centenario”. Sulla partita di stasera, invece, dice di aver visto “una bella prova del Lumezzane, contro una squadra importante; abbiamo dimostrato che non siamo venuti qui a far nulla, abbiamo anche colpito due pali. L’idea era quella di tenere per vie centrali e ripartire sugli esterni, ma il Toro si é dimostrato all’altezza delle sue ambizioni, vincendo. Peccato perché in occasione del gol Pini, terzino adattato a centrale per l’emergenza, é scivolato”.

Sulla sua vecchia squadra, l’ex-terzino ha parole di miele per Ventura: “E’ uno dei dieci tecnici più studiati d’Italia; per noi giovani allenatori é un punto di riferimento. Per il tipo di gioco che fa, per il possesso palla che predica, probabilmente avrebbe ancora maggior successo nel calcio spagnolo che non in quello italiano”. Infine, una considerazione ancora sul suo Lume: “Abbiamo giocato con un esterno d’attacco, Bradaschia, adattato a terzino, oltre a Pini già citato; tutto sommato direi che ci siamo comportati bene, e una prova del genere é di conforto per il futuro. Andare ai supplementari sarebbe stato un ulteriore motivo d’orgoglio, ma possiamo dirci soddisfatti anche così”.
Domandina conclusiva su Gasparetto, che contro il Toro proprio non ha fortuna: “Eh no”, ride, “é stato bravo comunque, lui che é uno dei pochi vecchietti di una squadra che ha un’età media di poco più di 21 anni”, chiude prima di salutare i presenti e lasciare la “sua” Torino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy