Coppa Italia / Torino-Lazio 1-3: una serata da archiviare al più presto. E parte la contestazione

Coppa Italia / Torino-Lazio 1-3: una serata da archiviare al più presto. E parte la contestazione

Finale all’Olimpico / La squadra di Ventura esce malamente dalla Coppa Italia e scoppia la contestazione dei tifosi

Nella ripresa il Toro si presenta con l’esordio assoluto in avanti del nuovo acquisto Maxi Lopez al posto di uno spento Amauri, e i risultati si vedono, con l’argentino che si muove subito bene entrando in partita. Pronti via e scampato pericolo: con Keita che in contropiede grazia Padelli sulla palla del possibile tre a zero.

LA RETE DELL’ILLUSIONE – Gol sbagliato – gol subito: per la Lazio la legge si conferma ed è Martinez, con una gran girata, a riportare in gara i granata. C’è tutta la ripresa da giocare, e sembra il preludio ad una possibile rimonta.

L’EPISODIO – Ma il Toro, come spesso accade, si complica la vita: Glik inciampa,  Klose a tu per tu con Padelli va a terra e il portiere viene espulso. Entra Castellazzi (nel Torino esce anche Molinaro) ma non riesce a neutralizzare il rigore calciato da Ledesma.

L’INEVITABILE EPILOGO – Sotto di due gol e con l’uomo in meno il percorso è tutto in salita per gli uomini di Ventura, e il resto del secondo tempo diventa una sorta di allenamento per la Lazio. L’espulsione di Padelli, assai discussa, è arrivata nel momento migliore dei granata, é proprio per questo che i granata giustamente si rammaricano, ma non si tratta comunque di un alibi per una gara piuttosto opaca, se si eccettua la fiammata di Martinez, in cui già nel primo tempo il piglio della squadra di Ventura non era dei migliori.

Ennesima brutta prova, altra contestazione nei confronti del presidente Urbano Cairo: la misura della piazza é colma.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy