Crespo in cerca di conferme

Crespo in cerca di conferme

L’Inter si avvicina all’ultimo turno di campionato con un occhio ad Atene dove i cugini si giocano la finale di Champions, che nel caso di una eventuale vittoria rossonera offuscherebbe in parte la strepitosa stagione della squadra di Mancini.
Dall’altra parte i Campioni d’Italia si giocano contro il Toro la possibilità di diventare la più forte squadra della storia…

Commenta per primo!

L’Inter si avvicina all’ultimo turno di campionato con un occhio ad Atene dove i cugini si giocano la finale di Champions, che nel caso di una eventuale vittoria rossonera offuscherebbe in parte la strepitosa stagione della squadra di Mancini.
Dall’altra parte i Campioni d’Italia si giocano contro il Toro la possibilità di diventare la più forte squadra della storia dei maggiori campionati d’Europa. Con il pareggio di Bergamo l’Inter ha eguagliato il record nazionale di punti conquistati guadagnato dal grande Torino nel ’48 ed il numero di vittorie in un campionato (29). Nel caso Zanetti e compagni dovessero raccogliere bottino pieno domenica a San Siro raggiungerebbero quota 97, scavalcando il Chelsea, detentore del primato continentale con 95 punti.  

L’uomo più in forma in questo finale di stagione si è rivelato Hernan Crespo, capace di mettere a segno 20 reti tra le varie competizioni, delle quali 15 in campionato. In particolare il centravanti ex parmigiano ha saputo infilare 7 reti nelle ultime 5 partite, segnando a Messina, tre volte nel doppio confronto di coppa con la Roma e in tre occasioni anche nella gara di campionato contro la Lazio.
La situazione contrattuale del bomber argentino è in bilico tra Milano e Londra, dove sarebbe costretto a tornare suo malgrado nel caso il Chelsea, che ne detiene il cartellino, ne richiedesse il ritorno con un fax entro la fine di maggio. In caso non giungessero comunicazioni dalla società di Abramovich Crespo avrebbe la concreta possibilità di restare a Milano, opzione che predilige pubblicamente.

In questa stagione Valdanito (così soprannominato per la somiglianza tecnica con l’ex campione madridista Jorge Valdano) ha superato le 200 reti in carriera, rivelandosi come sempre prolifico sottorete e capace di realizzare gol decisivi, di quelli che portano punti pesanti.
Gli altri attaccanti nerazzurri non se la passano altrettanto bene: Ibrahimovic dopo aver giocato il suo miglior campionato italiano si è sottoposto ad un’operazione, Cruz non è al meglio, Recoba pare allontanarsi da San Siro in direzione della capitale (sponda giallorossa) e Adriano, indisponibile per infortunio, è in Brasile. L’Imperatore reduce da un’annata assai travagliata dovrebbe però tornare per domenica, per presenziare alla festa post partita, organizzata dalla società di Moratti al Meazza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy