Crotone-Torino, Stoian: “Sarà una partita tosta, ma il pubblico ci darà una mano”

Crotone-Torino, Stoian: “Sarà una partita tosta, ma il pubblico ci darà una mano”

Il trequartista rumeno presenta la sfida dello Scida

Dopo Davide Nicola (leggi qui), in conferenza stampa prende la parola anche il trequartista rossoblù Adrian Stoian: “Penso che l’obiettivo del Torino sia l’Europa League, quindi sarà una partita tosta. Ma il pubblico so che ci darà una grossa mano, e speriamo tutti quanti assieme di ottenere risultato”. Ancora Stoian: “Tutta la squadra sta migliorando, facciamo grossi progressi: siamo contenti che si è ripreso Nalini, ci manca ancora Tonev… Un po’ tutta la squadra deve superare questi momenti, e cercare di dare la forza giusta. Il gol? Se continuo a fare assist mi sta bene, importante che facciamo gol – non chi lo segna”.

Stoian viene poi interpellato sul Var e su alcuni episodi che lo scorso anno, in Crotone-Torino, avevano penalizzato i calabresi: “Sono episodi che possono succedere, così come sbagliamo noi possono sbagliare anche gli arbitri. Il Var è un miglioramento, è una mano anche per il Toro: l’importante è fare le nostre cose e mettere in difficoltà il Torino”

LEGGI: Crotone, Nicola: “Il Toro può sopperire all’assenza di Belotti”. E sul passato in granata…

Stoian prosegue sul suo posizionamento in campo: “Il fatto è che ho avuto due mesi senza campo, e se mi chiedevano di fare la mezz’ala io la facevo. Adesso mi vengno cose che neanche io pensavo di fare: al di là della posizione, l’importante è la mentalità di gioco. Non ho mai fatto previsioni, viviamo alla giornata. Siamo una squadra piccola, quindi dobbiamo pensare giornata dopo giornata: calcisticamente, è da 4 anni che sono qui e questo vuol dire qualcosa. Mi trovo bene, e voi dite che faccio anche qualcosa di buono, quindi sono felice di questo. Sulla mia stagione, vedremo più avanti – a fine campionato”

Infine, il giocatore rumeno: “Nazionale? Sinceramente, mi era arrivata la prima convocazione: poi per il fatto che mi è successo non sono potuto andare,  nell’ultima non sono andato per scelta tecnica del CT. La Nazionale arriva con le prestazioni. Spero di continuare così, di mettere in difficoltà il nuovo CT con le mie prestazioni. Differenza dall’anno scorso? Quando sono arrivato qui in Serie B, c’erano tanti ragazzi dalla Serie C: adesso arriviamo da un anno in Serie A dove abbiamo trovato qualità che nenache noi sapevamo di avere, sul fatto della fiducia siamo molto più consapevoli”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy