Da Verona a Verona, la stagione di Avelar cerca una direzione

Da Verona a Verona, la stagione di Avelar cerca una direzione

Il caso / Il 13 settembre scorso l’infortunio, poi una riabilitazione a singhiozzo. Ora c’è la volontà di ripartire e di riprendersi la fascia sinistra

ventura, avelar, toro, Avelar e Torino

In mezzo campionato può succedere di tutto. Si può arrivare a lottare per un posto da titolare (Ichazo), ritrovarsi lontano parente della stella indiscussa di qualche mese prima (Baselli), ritornare in un posto quando non lo si credeva più possibile (Immobile). Per Avelar, non è accaduto niente di tutto questo. Nelle ultime 19 giornate, l’esterno brasiliano ha semplicemente dovuto immaginare il momento del rientro in campo, traendone l’ispirazione per ricominciare, dopo un infortunio che assumeva, giorno dopo giorno, i contorni del calvario.

Era il 13 settembre quando, nella partita di andata al Bentegodi contro l’Hellas, il ginocchio fece crack. La diagnosi fu benevola, tutto sommato: tre settimane circa di stop, si diceva. Tre settimane che sarebbero però diventante quattro, sei, due mesi. Un masso enorme che non ci si riusciva a togliere di dosso, mentre sul campo le prestazione dell’esausto Molinaro chiamavano a gran voce un sostituto. Poi la Primavera, per mettere minuti nelle gambe, il rientro, anzi no, di nuovo in Primavera, e il campo dei grandi assaggiato soltanto di sfuggita in qualche comparsata, tra cui lo sfortunato derby di Coppa Italia.

Dal giorno dellinfortunio, Avelar si è visto più in Primavea che in prima squadra
Dal giorno dell’infortunio, Avelar si è visto più in Primavera che in prima squadra

Oggi le casacche gialloblù tornano a fronteggiare il Torino, e per Avelar questo può davvero diventare un cerchio che si chiude. Dove tutto era finito, ora tutto può ricominciare. Probabilmente non partirà titolare (QUI i dettagli), ma ritornare in campo anche per un’eventuale spezzone di gara servirebbe all’ex Cagliari per rimettere in filo il proprio destino, la propria stagione. Questo il Verona, di qui il blackout. Ora proprio dal Verona si ricomincia. Per non avere la sensazione di aver buttato via una stagione, per dimostrare di poter dire ancora la sua in questo Torino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy