Da Zaza e Falque a Belotti e Soriano: tutte le carte offensive di Mazzarri

Da Zaza e Falque a Belotti e Soriano: tutte le carte offensive di Mazzarri

Approfondimento / Dal centrocampo in su la rosa granata ha tanto talento: tutte le possibilità di Mazzarri

di Nicolò Muggianu

È un Torino eclettico quello visto in campo nelle prime tre uscite stagionali. Una certezza e tante carte offensive da variare e schierare in corso d’opera. Le fondamenta tattiche ed ideologiche di Walter Mazzarri sono sempre le stesse: la difesa a tre interpreti, una squadra corta, prudente e capace di fare male in tutti i modi. Là davanti però le cose cambiano. Il reparto offensivo è senza dubbio quello con più dose di talento a disposizione del tecnico di San Vincenzo. Da Zaza a Falque, da Belotti a Soriano, passando per Baselli ed Edera, Mazzarri può contare su un numero importante di soluzioni tattiche in attacco.

LE IDEE – “Il modulo della mia Reggina era il 4-3-3 – le parole del tecnico granata nel post partita di Torino-Spal -. Avete visto che in ritiro ho fatto il 3-5-2, il 3-4-3, il 3-5-1-1. Da quando è entrato Zaza ho fatto il 3-4-1-2. Il trequartista lo può fare anche Falque, ma Soriano lo fa con più naturalezza. Dipende da quanto si corre“. Almeno quattro moduli dunque, per una squadra che con il passare delle giornate si sta rivelando sempre più eclettica e camaleontica. In ritiro si era partiti con il più classico dei 3-5-1-1, con Iago Falque ad agire da seconda punta alle spalle di Belotti. Poi, con gli arrivi di Zaza e Soriano e le partenze di Niang e Ljajic, la necessità di sperimentare nuove soluzioni: già contro Roma e Inter, prima Baselli e poi Soriano, erano stati provati come trequartisti puri in nell’ipotetico 3-4-1-2 (o 3-4-2-1 che dir si voglia) disegnato dal tecnico. Con buoni risultati. Là davanti una sola certezza: Andrea Belotti, al momento unico perno insostituibile del reparto avanzato. Al suo fianco e alle sue spalle almeno una o due caselle ancora da riempire, con almeno cinque candidati per due sole maglie.

Rampanti: “Vittoria pesante nella gara più delicata. Ljajic? I tifosi devono capire una cosa”

ALTERNATIVE – E con l’inserimento nelle rotazioni anche di Zaza le cose potrebbero cambiare ulteriormente. La soluzione di giocare con due punte di peso (Belotti e Zaza appunto) solletica molto le fantasie di Mazzarri che, specie in condizioni di svantaggio o contro formazioni meno attrezzate, ha già in mente di provare un 3-4-1-2 molto offensivo. Alle loro spalle, in base alle circostanze, l’apporto di uno tra Soriano, Baselli e Iago Falque; con i primi due che – come già constatato nelle prime tre apparizioni stagionali – possono essere schierati anche da interni di una mediana a due o tre interpreti con caratteristiche più offensive. Leggermente più indietro nelle gerarchie del tecnico di San Vincenzo c’è invece Simone Edera. Il prodotto della cantera granata può ricoprire tutti i ruoli dell’attacco e, nonostante la grande qualità dei suoi diretti concorrenti, si giocherà tutte le carte disposizione con l’obiettivo di ritagliarsi uno spazio importante. Intanto nella testa di Mazzarri tutto è ben chiaro, ma nulla è ancora deciso: la qualità offensiva è tanta e la varietà delle scelte anche: a questo punto non resta che sperimentare nuove soluzioni, con l’obiettivo di massimizzare il materiale offensivo a disposizione.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    Non dimentichiamoci anche Berenguer e Parigini che in attacco possono dare al Toro il loro bravo supporto in certe partite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GlennGould - 2 mesi fa

    Capitolo Ventura. Al toro ha dato molto, per me non c’è dubbio. In nazionale, a mio parere si è incasinato dal giorno in cui ha accettato l’incarico. Lì ci va gente che ha vinto tanto e/o con esperienza internazionale.
    La riprova è Mancini, che come tecnico vale molto meno di Ventura, ma è più credibile anche agli occhi dei giocatori. Se ventura avesse convocato Zaniolo, o Saniolo o come si chiama, sarebbe scoppiata l’apocalisse.
    Tra l’altro, gli italiani hanno scoperto che è possibile che un giocatore che non ha mai giocato in serie a, e soprattutto mai in un campionato professionista, giochi in nazionale. A confronto di Mancini,le famose raccomandazioni dei politici fanno ridere i polli, non sono nulla. Mister, ma vergognarsi un po’ no eh?
    Capitolo toro.
    Io dico che avere Zaza Belotti Iago Baselli e Soriano (e aggiungo Edera), e’ tanta roba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14010470 - 2 mesi fa

    finalmente qualcuno che da i meriti al povero Ventura era secoli che non battevamo gli squadroni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ProfondoGranata - 2 mesi fa

      Pur con tutti i suoi difetti, Ventura non meritava certo la fine che ha fatto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granata78 - 2 mesi fa

    Io sono molto felice di Mazzarri, allenatore capace, esperto e preparato. Quello però che più mi convince e mi fa ben sperare è proprio la capacità di adattare squadra, modulo e interpreti all’avversario e alle situazioni in campo. Spero che finalmente si sia abbandonato l’integralismo tattico dell’ultimo Ventura e di quella amara parentesi di Mihajilovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 2 mesi fa

      Mihalovic non mi ha convinto, ma quello che ha fatto ventura al toro ….è stato superiore anche a mondonico che aveva uno squadrone con giocatori strapagati, mentre lui è arrivato senza una squadra e ha costruito le fondamenta su cui ancora ci appoggiamo… ho visto il suo 424 e poi 352 quindi non parlerei di integralismo anche perché anche se giochi con un modulo adotti delle strategie differenti a seconda dell avversario

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Kieft - 2 mesi fa

    Deve dare spazio anche ad edera e parigini…….io li avrei voluti in prestito per farli giocare ma adesso abbiamo il dovere di confrontarsi in serie A in modo a gennaio di trovargli una squadra……Mancini ha ragione!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ProfondoGranata - 2 mesi fa

      Il problema è che ci sono squadre quasi interamente di stranieri.
      Andrebbe ripristinato un limite di stranieri per ogni rosa in modo da ridare spazio agli italiani.
      So che non è un discorso facile da realizzare, troppi interessi, però per la nostra Nazionale sarebbe una soluzione più che valida.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy