Dal discorso di Mazzarri al riscaldamento: così il Torino vuol tornare padrone in casa sua

Dal discorso di Mazzarri al riscaldamento: così il Torino vuol tornare padrone in casa sua

Verso il match / L’andamento in casa è da migliorare, soprattutto nell’approccio alla gara: l’allenatore prova a prendere provvedimenti

di Alberto Giulini, @albigiulini

Due vittorie, un pareggio e tre sconfitte: questo il ruolino di marcia casalingo del Toro in questo avvio di stagione. Un trend da invertire per i granata, che per centrare una qualificazione europea dovranno necessariamente invertire la rotta tra le mura amiche.

CAMBIO APPROCCIO – Lo sa bene Walter Mazzarri, che si è soffermato su questo tema nella conferenza stampa di presentazione della gara con il Genoa: “Probabilmente quando giochiamo in casa siamo responsabilizzati e vogliamo spaccare il mondo, e spesso si fa il contrario. Ci facciamo sorprendere dalla voglia di strafare, che ci è costata alcuni punti”. Un punto debole dei granata nelle gare casalinghe è stato l’approccio alla partita: basti pensare che Napoli, Fiorentina e Parma si sono portate in vantaggio nei primissimi minuti di gioco grazie ad alcuni errori banali da parte dei giocatori del Toro. Errori assolutamente evitabili, che hanno costretto i granata ad inseguire andando a compromettere gli incontri anche sotto il piano psicologico.

Toro, ci vuole più coraggio: passa al 4-4-2 con Zaza e Parigini

GLI ACCORGIMENTI – Individuato il problema, di natura psicologica, è il momento dei rimedi. E così in casa Toro si apporteranno dei piccoli accorgimenti nell’immediato avvicinamento al match di domani. Una prima differenza rispetto al solito programma del prepartita riguarderà il discorso di Mazzarri, che sarà tenuto negli spogliatoi e non in albergo prima della partenza per lo Stadio. “In dieci minuti spiego tutto quello che abbiamo provato in settimana – racconta il tecnico – e voglio che da quel momento i ragazzi siano pronti. Il viaggio può far perdere quella carica in più per iniziare le partite con lo spirito giusto. Quando giochiamo in casa lo stadio è molto grande e può portare a disperdere l’attenzione tra tanta gente, quindi cambieremo qualcosa anche durante il riscaldamento”. Poca musica nelle cuffie, più intensità e ritmo nel riscaldamento. Piccoli ma non banali accorgimenti che possono aiutare.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tarzan - 1 settimana fa

    Sono i suggerimenti che aveva dato Rampanti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 1 settimana fa

    Si cambierà tutto, ma per favore, se le scelte e gli schemi rimangono gli stessi giocheremo sempre uguale…

    A proposito, quinto sponsor sulla maglia, nessun articolo?

    Ancora qualche sponsor e poi la maglia non sembrerà manco granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy