Dalla promozione all’interesse rimasto intatto: Edera ritrova il Parma

Dalla promozione all’interesse rimasto intatto: Edera ritrova il Parma

Focus on / L’esterno granata sta trovando poco spazio nel Toro. E l’ultimo giorno di mercato…

di Alberto Giulini, @albigiulini

Quella di sabato sarà una gara dal sapore speciale per Simone Edera, che con la maglia del Parma ha vissuto le prime gioie nel calcio professionistico. Era il gennaio del 2017 e, dopo una prima parte di stagione vissuta da spettatore a Venezia, l’esterno classe 1997 si trasferì in terra ducale alla corte di D’Aversa.

IN GRANATA – Dopo una promozione in Serie B conquistata da protagonista sul campo, sembrava che Edera fosse destinato ad un’ulteriore stagione con la casacca del Parma, ma Mihajlovic lo bloccò e decise di tenerlo a Torino. In granata le occasioni per il giovane esterno non sono mancate, con diciassette presenze e due reti tra campionato e Coppa Italia. A distanza di un anno, gli spazi per Edera sembrano ridotti, in una squadra in cui stanno faticando ad imporsi anche giocatori con la qualità e l’esperienza di Simone Zaza e Roberto Soriano.

Toro, aspetta Zaza e Soriano: saranno decisivi nel momento più opportuno

LA TRATTATIVA – Solamente due le presenze in questo campionato per Simone Edera, di cui soltanto una gara da titolare, contro il Chievo, in cui però non è riuscito ad incidere. Da quel momento per il giocatore non sono arrivate altre opportunità, sfavorito dalla pesante concorrenza nel reparto avanzato. E la gara di sabato contro il Parma sarà una gara speciale anche perché, l’ultimo giorno di mercato, il giocatore avrebbe potuto fare ritorno proprio in terra ducale. Una trattativa che non è però sbocciata, con il Parma e Simone Edera che si ritroveranno dunque da avversari. Ma attenzione, mai dire mai: la stima del ds Faggiano nei confronti del giocatore è rimasta intatta. E chissà che a gennaio, se la situazione al Torino non dovesse cambiare, lo scenario di una trattativa non possa ripetersi. Con, magari, un finale diverso.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata69 - 2 settimane fa

    Nessun buon allenatore,ed il nostro lo è, è così autolesionista da lasciar fuori un buon giocatore, se non gioca evidentemente è ritenuto inferiore ad altri.
    Se ci fosse preclusione verso i nostri ragazzi mi dovete spiegare perché Parigini invece ha avuto un discreto spazio, addirittura in un ruolo nuovo per lui.
    Edera è troppo dipendente dal suo sinistro,poco duttile tatticamente e decisamente con poca personalità, poco coraggio di provare l’iniziativa personale, anche sbagliando, e quindi si limita a passaggini banali.
    Le qualità non mancano,manca altro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    “Capisco il Suo affetto per i giovani granata, ma non condivido le valutazioni che ne trae”. Se Edera si chiamasse Ederics o Edersen, staremmo parlando con molto meno sentimentalismo e comprensione delle qualità del ragazzo. Il fatto che sia cresciuto nel Torino, e mi fa piacere, non lo sottrae alle valutazioni del campo. E qui, giustamente, entrano in gioco le opinioni. Per qualcuno è acerbo e incompleto, per altri è un talento incompreso e penalizzato. Qualcuno disse: “Ciò che faremo urlera’ così forte che ciò che diremo non lo sentirà nessuno”. Spero presto di sentire Edera “urlare” al Mondo, con i fatti, le sue qualità, con buona pace di tutti. Ma è lui che deve prendere “fiato”. E molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    Gentile Madama Granata. Il Suo attaccamento a Edera è commovente. Capisco il Suo affetto per i giovani granata ma non condivido le valutazioni che ne trae. Non voglio giudicare il Suo, come sempre, garbato parere ma sono contento che le valutazioni siano fatte da chi i “ragazzi” li vede tutti i giorni sul campo. Crede veramente che se Edera fosse il giocatore che tutti noi vorremmo, rimarrebbe in panchina ? Pensa davvero che nessuno si sia accorto che con il destro ci cammina e basta ? Non ritiene che l’interessamento del Napoli (quando Verdi rifiutò il trasferimento a Gennaio) abbia “ingolosito” il suo procuratore facendogli perdere il senso della “realtà” ? Aver rifiutato il trasferimento a fine mercato estivo, pensa che abbia fatto il bene suo o del Torino ? Il Toro viene prima di Edera e di chiunque altro. La crescita di tutti passa anche attraverso la severità e l’umiltà. Con rispetto per tutti e tanta simpatia a Lei. Forza Toro !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 2 settimane fa

      “Non voglio giudicare il Suo, come sempre, garbato parere ma sono contento che le valutazioni siano fatte da chi i “ragazzi” li vede tutti i giorni sul campo”.

      Eh si…ricordo ancora le “valutazioni sul campo” di Parigini, qualche anno fa…!!!

      Effettivamente lo “vedevano” tutti i giorni, ma alla fine sono riusciti a premiare degli scarsoni e a fargli perdere due anni in prestito in giro per l’Italia.

      Che poi il Toro venga prima di Edera, non ci sono dubbi, ma che quancuno della società stia pensando di fargli fare lo stesso “percorso” di Parigini, facendogli soltanto perdere tempo, allora non mi sta bene.

      Un po’ più di fiducia non guasterebbe, nè sarebbe guastata quando Iago era fuori per infortunio, facendolo giocare con un minimo di continuità, anzichè preferirigli un personaggio che, al momento attuale, continua ad essere un punto interrogativo.

      Prestito se non riesce a trovare spazio…???

      Assolutamente si, ma non per andare a scaldare le panchine di qualche altra squadra (vedi Parigini) e perdere anni preziosi e tempo.

      Dunque un bel prestito NON certamente gratuito ma con diritto di riscatto e controriscatto o, al limite, con eventuale premio di valorizzazione per la squadra a cui viene prestato.
      In questo modo si avrebbe la quasi garanzia che il Ragazzo verrebbe impiegato come si deve e dunque poter dimostrare valore e crescita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 2 settimane fa

    gia’ con moreno si era montato e stette fuori per un mesetto,evidentemente ci ricasca.
    sicuramente molto meglio a frosinone,di gran lunga

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granata - 2 settimane fa

    Edera ha si bisogno di giocare, come tutti i giovani, ma ha soprattutto bisogno di svoltare psicologicamente. Le belle prestazioni dell’anno scorso, gli hanno fatto pensare di essere arrivato. Niente di più sbagliato. Mazzarri lo ha riportato con i piedi per terra ed ora tocca a lui. Deve imparare da Parigini e spero lo faccia. Se dovesse partire, personalmente, non lo manderei a Parma. Farebbe panchina con gli esterni che hanno , meglio Frosinone ,con Longo che lo conosce.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 2 settimane fa

    Dissento dai miei amici granata. Perché Edera deve partire, e Bremer , o Lukic, o Berenguer, o Parigini, o Ferigra, o Lyanco, ecc.. hanno diritto a rimanere?
    Esclusi i “titolari”, i “pezzi da novanta”, intendo, i giovani non dovrebbero essere tutti uguali, ed avere tutti le stesse chances?
    Spazi, nel Toro, prima o poi ce ne saranno anche per lui!
    Gran parte dei nostri “ragazzi in prestito” fanno spesso panchina, comunque.
    Credo che un giocatore “X”, non dico solo Edera, impari meglio allenandosi con i compagni più esperti, che non sulla panca, o talora in campo, in squadre meno tecniche e titolate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 2 settimane fa

      Aggiungo: non sarà il caso del Parma, però il rischio di essere “risucchiato” nel fallimento di una squadra che retrocede in B non può che portare ad un’involuzione un giovane calciatore in prestito!
      Per me non impara nulla (dovrebbe essere lui uno dei più bravi), e si rischia di “bruciargli” la carriera!
      Guardate Parigini:.impietoso il giudizio dello scorso anno, molto meglio quest’anno, nel Toro, quando chiamato in causa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GlennGould - 2 settimane fa

    L’errore grave sarebbe non darlo in prestito a gennaio. È evidente come in questo toro, per lui non ci sia spazio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14010151 - 2 settimane fa

    Da noi non ha spazio, anche se con le “scarse” io farei entrare le riserve

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bischero - 2 settimane fa

    Doveva accettare Frosinone come gli era stato proposto. E forse lui avrebbe giocato. E noi magari avremmo avuto ancora ljaijc… Chissà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bischero - 2 settimane fa

    Doveva accettare Frosinone come gli era stato proposto. E forse lui avrebbe giocato. E noi magari avremmo avuto ancora ljaijc… Chissà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bischero - 2 settimane fa

    Doveva accettare Frosinone come gli era stato proposto. E forse lui avrebbe giocato. E noi magari avremmo avuto ancora ljaijc… Chissà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gud_74 - 2 settimane fa

    Simone deve giocare, spero che a gennaio possa trovare la squadra giusta per poter fare la giusta esperienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy