De Pietro (Gazzetta): “Il Chievo proverà a reggere l’urto del Toro”. E su Ventura…

De Pietro (Gazzetta): “Il Chievo proverà a reggere l’urto del Toro”. E su Ventura…

L’avversario / Il giornalista Alessandro De Pietro ha parlato prima della gara contro il Chievo: “Fiducia per Ventura? Lui se l’è tolta da solo”

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

In occasione della partita tra Torino e Chievo Verona in programma domenica alle ore 12:30, abbiamo contattato Alessandro De Pietro, giornalista della squadra clivense, che ha risposto a qualche nostro quesito sugli scaligeri e sul match in questione. Ecco le sue parole:

Buonasera Alessandro, Torino e Chievo su due onde diverse. Che partita si aspetta?

Sicuramente d’orgoglio da parte del Chievo, perché deve pareggiare condizione fisica e mentale del Toro. Ha ritrovato solidità difensiva il Chievo, resta la traccia di chi vuole lottare anche se trova tre squadre come Torino, Atalanta e Milan una in fila all’altra.”

Qual è il giocatore che teme di più al Grande Torino e qual è il giocatore che i granata dovrebbero temere di più?

I numeri della difesa e la difficoltà dell’attacco, vedendo le pieghe di Mazzarri, i suoi sono stati lavori collettivi. Eliminando Belotti, andrei sulla sostanza della difesa e sui giri alti del motore del centrocampo. Dall’altra parte Giaccherini è facile come risposta, ma è anche ovvio che il Chievo non può aggrapparsi al valore assoluto di un giocatore.

La vicenda Ventura ha danneggiato sicuramente l’ambiente: il tecnico avrebbe meritato più fiducia?

Ventura quella fiducia se l’è auto-tolta. La squadra seguiva ventura. In un progetto che sottintende dettagli e organizzazioni rispetto a quella costruita con D’Anna. Ventura si è chiamato fuori, il lavoro di ventura era un lavoro in cui il Chievo vedeva luce, ma ventura ha staccato la spina. L’unica cosa che imputo a ventura è che ha voluto minimizzare ogni risorsa che a Veronello ha permesso di stare al Chievo in Serie A. Quel treno che andava da solo è diventato tutto un problema. Mi è sembrato strano che il Chievo cercasse ventura. Il Chievo voleva Iachini, poi la giornata del contatto con ventura fu molto faticosa. Anche la difficoltà di fare tutto al telefono.

Ombra della Serie B dopo 11 anni nella massima Serie: come si vive questa cosa a Verona?

Sono 17 su 18 stagioni in Serie A e parte la Juve e Udinese hanno fatto meglio del Chievo. Quindi è normale che sia spiazzante, perché ci sono giocatori non adatti alla Serie B. Questo fa capire quanto il Chievo si sentisse una squadra di Serie A. Chiaro che ci si è fatto affidamento su un gruppo vecchio ma che comunque ha tolto al Chievo quei prodotti che sono sempre stati il vero fulcro del lavoro del Chievo come i giovani lanciati. Il carrello doveva girare con più giocatori. Il Chievo doveva costruire un meccanismo di uno che entrava e uno che usciva senza il buco delle altre gestioni.”

Il Presidente Campedelli che ruolo ha avuto in questi passi indietro? I suoi errori per le plusvalenze hanno segnato il Chievo già in estate?

Più che i tre punti di penalità, è stato il silenzio di un mese e mezzo di mercato di Romairone. Per tutti il Chievo era destinato ad andare in Serie B. Se il Chievo ha avuto queste plusvalenze fittizie, ci sono molti altri casi più altisonanti. Magari con giocatori più conosciuti, ma i valori sono fuori portata dalle valutazioni di mercato. Chiaro che nel calcio dei ricchi si fa fatica a contemplare una società piccola come il Chievo. Anche se servirà un miracolo, non è detto che il Chievo non ce la faccia.

Un pronostico?

Posso dire la traccia della partita: il Toro attaccherà con tanti giocatori e con logica furia perché ha una convinzione di una squadra che ha pareggiato a Napoli e ha battuto l’Atalanta. Quindi c’è un onda forte del Toro a cui il Chievo proverà a rispondere con energia, e poi vediamo quello che succede. Ogni pallone diventa decisivo. Credo che la traccia sia decisa nell’anomalia di un Torino che ha radici forti in centrocampo.”

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13967438 - 4 settimane fa

    Già dire che la Serie A è partita con 19 squadre (forse 18 perché una non si sa ancora se farà classifica o no, lo vedremo a fine mese quando verranno rilasciate le licenze Uefa… che a proposito saranno richieste mica da tutte le squadre… sennò poi la federazione nazionale è costretta a leggere meglio) direttamente si sapeva a luglio che gli han fatto la grazia.
    Uno stato non pagliaccio come l’itaglia portava dentro il Chievo nella bancarotta fraudolenta del Cesena (e non è escluso che nel segreto istruttorio ancora in atto da parte della magistratura non salti poi fuori).
    Però li hanno legittimati a stare lì, e se non ci vinci ti incazzi, perché non vinci contro un ectoplasma.
    Partita difficilissima, dove conterà più di tutto aver nervi saldi e tanta pazienza.
    Dopo di che, domenica verso le 15:00 vada a cagare il Chievo e la sua dirigenza sleale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Madama_granata - 4 settimane fa

    Il commento di GIO è sicuramente il più concreto, logico e ben augurale di tutti quelli che abbiamo scritto.
    Traspare un forte attaccante alla nostra maglia.
    Mi associo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 settimane fa

      Intendo il primo commento, quello che inizia con:
      “Battiamo il Chievo ora”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ottobre1955 - 4 settimane fa

    il Chievo viene a Torino con lo spirito di chi affronta la “battaglia della vita” ed è giusto che sia così. Loro sono abituati a lottare per la salvezza, quest’anno hanno avuto una penalizzazione perchè sono finiti nell’ incorrere nei controlli federali e di caricarsi sul groppone 3 punti che per come sono stati affibiati hanno minatm il morale e le ambizioni della squadra. Noi abbiamo due cose da ricordare, la prima, vorrei ricordare il Parma, e tutto quello che questo cuol dire, io sono convinto che chi gioca slealmente sia sui bianci che sul campo dovrebbe partire dalla terza categoria. Emblematica la storia dei Clasgow Ranger. Noi domenica dovremo gestire la partita, gestirla per me vuol dire diocare da squadra, non cercare soluzioni personali, ne gettarsi tutti avanti, insomma giocare a calcio creando occasioni arrivando al gol con la testa prima che con i piedi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gio - 4 settimane fa

    Insomma, l’autodifesa è sempre la stessa: tutti rubano, se mi beccano a rubare sono loro cattivi, non io. Credo che il Chievo sia una squadra fittizia, senza tradizione e senta tifoseria, arrivata per caso in A e mantenuta lì in cambio di favori più o meno evidenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Michele Nicastri - 4 settimane fa

    Ma questi dovevano essere buttati in C con le plusvalenze false e i bilanci taroccati e ancora parlano?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tarzan - 4 settimane fa

      Beh guarda le plusvalenze fittizie dei gobbi coi vari sturaro, audero e compagnia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gio - 4 settimane fa

        Certo, anche loro dovrebbero essere buttati in C

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Luke69 - 4 settimane fa

          io direi che i gobbi andrebbero radiati, già doveva essere fatto con calciopoli, spero qualcuno aprà una inchiesta sulle cessioni di cerri e sturaro

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. PrivilegioGranata - 4 settimane fa

    Interessante il silenzio dei menagramo del forum in questi ultimi due giorni.
    Probabilmente stanno alla finestra e lavorano sottotraccia, a fari spenti, in attesa di un passo falso del Toro.
    Per cui, bando alle ciance e FORZA TORO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. anpav - 4 settimane fa

      chi è il menagramo del forum?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 4 settimane fa

      Tu invece sei un piantaagrane, la razza peggiore… perché invece di farti gli affari tuoi semini zizzania. E si sa che chi semina zizzania raccoglie tempesta…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gio - 4 settimane fa

      Battiamo il Chievo ora. Non è facile, poi litighiamo per due giorni e poi cerchiamo di battere il Frosinone. Non sarà facile nemmeno lì, specie fuori casa. Poi litighiamo due giorni e mettiamo quindi la testa al Bologna. Forza Toro, una partita per volta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PrivilegioGranata - 4 settimane fa

    Toro con radici forti a centrocampo… mi piace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy