Delneri: “Domani ci sarà un Verona aggressivo”

Delneri: “Domani ci sarà un Verona aggressivo”

Alla vigilia / Ecco le parole del tecnico scaligero prima della partenza per Torino, in vista della sfida di domani pomeriggio: “Il mercato non ci ha indeboliti”

A seguito della rifinitura in vista del match di domani conto il Torino, Luigi Delneri, tecnico del Verona, ha parlato ai giornalisti della partita, ma soprattutto della girandoli di acquisti e cessioni che ha coinvolto la sua squadra: “Il mercato dà la possibilità a qualche ragazzo che ha fatto la storia del Verona di cambiare. Hallfredsson ha un’occasione importante a Udine, Sala aveva intorno a sé un discorso economico di un certo livello. Operazioni che sono nell’ottica delle cose. L’ossatura è stata migliorata nei settori dove andata migliorata, come la qualità a centrocampo: Marrone la garantirà. La corsa lì in mezzo c’è l’abbiamo già. Rafael non poteva restare a fare il secondo, quindi abbiamo deciso in comune accordo di separarci. Cerchiamo qualcuno a destra che sostituisca Sala, entro lunedì la società sopperirà.”

Punzecchiato su un mercato che sa di svendita, Delneri ha proseguito: “Penso che la società abbia operato benissimo, rispettando anche le mie richieste. Possiamo sfruttare i nuovi arrivi: chi è arrivato darà qualità. La squadra lotterà fino in fondo per la salvezza, con dignità e voglia. Romulo come esterno destro? Lui è un giocatore con un fantastico cambio di passo, lo vedo bene alto più che basso. Vogliamo creare una squadra dove tutti si aiutano, che vedano il Verona come una possibilità importante. Samir è un grande acquisto. Ionita rimane. La società sul mercato sta operando per il futuro, puntando sui giocatori che stanno sorprendendo, come Wscolek. Con il mercato il Verona si sta avvicinando alla mia idea di calcio: giocheremo con meno palle lunghe. Domani davanti Toni è sicuro, al suo fianco dovremo valutare. Puntiamo a essere più intensi, più aggressivi. La partita di domani? I giocatori sono abituati alla pressione del mercato, non è un problema. La squadra non si discosterà da quello che ha creato nelle ultime partite. La tifoseria dell’Hellas deve essere tranquilla, stiamo dando tutto, fino in fondo. Marrone è già pronto per prendersi il campo da titolare. Potrà darci una mano, ma sarà la squadra tutta a dover risolvere il problema. Pazzini? E’ l’alternativa ideale a Luca, non mi risulta che sai sul mercato, così come Moras”.

Si è poi passati alla sfida di domani: “Per Torino abbiamo fuori molti giocatori: Rebic, Siligardi, Viviani, Souprayen – che si sta operando. Romulo è tornato, ma soprattutto per riassaporare l’ambiente. Il Torino è una squadra compatta, solida. Le prossime quattro partite decideranno il nostro futuro. Contro i granata Albertazzi terzino sinistro, non Emmanuelson”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy