Derby della Mole / Identificati e perquisiti i presunti responsabili del lancio della bomba carta

Derby della Mole / Identificati e perquisiti i presunti responsabili del lancio della bomba carta

Le indagini / Quattro i tifosi ritenuti responsabili, uno residente a Milano e un altro a Bergamo: ritrovati proiettili e cocaina, scatta l’arresto

Le indagini riguardanti il lancio della bomba carta, che ha ferito decine di tifosi in curva Primavera durate l’ultimo Derby della Mole, hanno dato i primi frutti: quattro ultrà juventini sono stati identificati e di conseguenza sono state perquisite le rispettive abitazioni. In un caso è scattato anche l’arresto immediato della persona, in quanto nell’abitazione sono stati rinvenuti 30,3 grammi di cocaina e 44 grammi di mannite, sostanza da taglio, e due bilancini di precisione.

#TorinoJuventus, #bombacarta #DerbydellaMole: #video ritrae gli attimi di paura in #CurvaPrimavera

Posted by Toro News on Domenica 26 aprile 2015

IL COMUNICATO DELLA QUESTURA

Nel quadro delle attività d’indagine avviate in relazione agli episodi delittuosi accaduti in occasione del derby cittadino, la DIGOS della Questura di Torino ha effettuato alcune mirate perquisizioni a carico di appartenenti alle frange ultrà della tifoseria juventina.

In particolare, sono state perquisite le abitazioni di:

– B. D., di anni 29 residente a Collegno;

– M.A., di anni 42, residente a Torino;

– D.D., di anni 28, residente in provincia di Milano;

– S.G.E., di anni 28, residente in provincia di Bergamo.

#Bombacarta in #CurvaPrimavera: spunta un altro #video in cui l’ordigno sembra spiovere dell’alto (minuto 01′:20”)

Posted by Toro News on Lunedì 27 aprile 2015

Le perquisizioni ed i connessi approfondimenti investigativi hanno consentito di raccogliere significativi ed utili elementi a carico di alcune delle persone perquisite, che si ritengono coinvolte nel più grave episodio del lancio dell’artifizio esplodente[1], che aveva causato il ferimento di 10 spettatori presenti in curva Primavera dello Stadio Olimpico dove si è disputato l’incontro tra Torino e Juventus.

[1] Si procede in relazione al reato di cui all’art. 6 legge 895/67 (Chiunque al fine di incutere pubblico timore o di suscitare tumulto o pubblico disordine o di attentare alla sicurezza pubblica, fa esplodere colpi di arma da fuoco o fa scoppiare bombe o altri ordigni o materie esplodenti).

L’attività d’indagine sinora svolta ha, infatti, consentito di acquisire fondati e probanti elementi, che sono al vaglio dell’A.G.-

Nel corso delle perquisizioni, uno dei giovani tifosi juventini, residente in Lombardia e collegato ad una delle formazioni ultrà juventine di Milano, già in passato sottoposto a DASPO e con precedenti penali/di polizia della medesima fattispecie, è stato trovato in possesso anche di 3 cartucce calibro 22 l.r. (e pertanto indagato in stato di libertà ai sensi dell’art. 697 c.p. primo comma).

Costui è stato anche indagato per la violazione di cui all’art. 6 bis legge 401/89 (scavalcamento separatori dell’impianto) e resistenza a pubblico ufficiale ex art. 337 c.p., in quanto entrava in altro settore e tentava di aggredire tifosi torinisti (in ciò impedito dal tempestivo intervento del dispositivo di sicurezza).

Bomba carta in Curva Primavera: le immagini mostrano l’oggetto arrivare dal Settore Ospiti

#bombacarta #CurvaPrimavera ecco un altro #video che potrebbe chiarire ancora meglio la faccenda #DerbydellaMole

Posted by Toro News on Lunedì 27 aprile 2015

Inoltre, le perquisizioni hanno consentito il rinvenimento ed il sequestro penale di una dose cospicua di cocaina:uno dei soggetti perquisiti è stato, pertanto, tratto in arresto poiché trovato in possesso di circa 30,3 grammi di cocaina e 44 grammi di mannite, sostanza da taglio, e due bilancini di precisione.

Altro individuo è stato denunciato, in stato di libertà, poichè trovato in possesso di 3,5 grammi di cocaina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy